Le campagne: discariche a cielo aperto
Le campagne: discariche a cielo aperto
Territorio

Le campagne: discariche a cielo aperto

Lo smaltimento illegale dei rifiuti è una delle principali attività delle ecomafie

Lo smaltimento illegale dei rifiuti è una delle principali attività delle ecomafie che in Puglia fa registrare il 28,7% delle infrazioni accertate nel ciclo dei rifiuti sul totale nazionale, secondo i dati dell'Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare promosso da Coldiretti che riferisce come, sulla base degli accertamenti della magistratura, negli ultimi 20 anni in Puglia siano stati sversati, tombati o bruciati rifiuti di ogni genere. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, che plaude alla sottoscrizione dell'Accordo di Programma Quadro per la tutela dell'Ambiente tra Regione Puglia, ARPA Puglia, CNR-IRSA, Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica, Comando Regione Carabinieri Forestale "Puglia", Comando Legione Carabinieri "Puglia" e Comando Regionale Puglia Guardia di Finanza.

"E' inaccettabile che le aree rurali vengano utilizzate come discariche a cielo aperto, depauperando un territorio curato e produttivo, inquinando la terra e il sottosuolo, arrecando un danno ingente all'imprenditore agricolo che spesso è chiamato a rimuovere i rifiuti sversati da altri, se non riesce a dimostrare di non averli prodotti. Si tratta di un fenomeno grave ed in escalation, dove a sversare rifiuti di ogni genere non sono più soltanto i gruppi criminali, ma anche residenti che scaricano nelle aree rurali ogni genere di rifiuto, oltre a materiale edilizio abbandonato dalle ditte, senza il minimo rispetto della proprietà privata degli agricoltori e arrecando un danno ambientale e di immagine incalcolabile", è la denuncia di Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Di fronte alle emergenze che si rincorrono occorre adottare tutti gli accorgimenti a tutela della sicurezza e della salute, accertare le responsabilità e avviare le necessarie azioni di risarcimento danni diretti ed indiretti a favore delle comunità e delle imprese colpite. Sul piano strutturale – conclude la Coldiretti Puglia – occorre salvaguardare le aree a vocazione agricola, evitando l'autorizzazione di insediamenti potenzialmente a rischio e proteggendole con i controlli da quelli abusivi.
  • rifiuti
  • Discarica
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Maltempo:  la peggior estate del decennio Maltempo: la peggior estate del decennio Raccolti devastati, danni all’agricoltura in Puglia
Il maltempo aggrava i danni della siccità Il maltempo aggrava i danni della siccità Anno nero per l'agricoltura con pesanti perdite
Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Abbattuti su terreni secchi per la siccità che dura da mesi
Vola l’export del vino pugliese Vola l’export del vino pugliese Sul mercato interno pesa il ‘carovita’ ed il timore di entrare in recessione
Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Bari è al secondo posto delle 33 città italiane monitorate
Puglia: Parte in  anticipo la vendemmia 2022 Puglia: Parte in anticipo la vendemmia 2022 La produzione regionale si stima in calo del 15%
Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Al via la settimana mondiale dei Farmers Markets
In arrivo  le prime risorse per aiutare le aziende agricole contro gli effetti della siccità In arrivo le prime risorse per aiutare le aziende agricole contro gli effetti della siccità A darne notizia è Coldiretti Puglia, in merito alle decisioni adottate in consiglio dei Ministri
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.