Rischio idrogeologico Ofanto
Rischio idrogeologico Ofanto
Territorio

La Puglia e le aree a rischio idrogeologico

Si celebra la Giornata Mondiale del Suolo

Il 5 dicembre di ogni anno si celebra la Giornata mondiale del suolo : l'iniziativa, nata nel 2002 dall'Unione internazionale delle scienze del suolo e dal 2014 celebrata ufficialmente dalle Nazioni Unite, vuole ricordare l'importanza di questo elemento naturale per la vita delle piante, degli animali, degli esseri umani e del Pianeta, ma anche sensibilizzare sulle numerose minacce che compromettono i suoli di tutto il mondo. In Puglia 9 comuni su 10 (l'89% del totale) hanno parte del territorio in aree a rischio idrogeologico per frane ed alluvioni anche per effetto del cambiamento climatico in atto con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, il rapido passaggio dal sole al maltempo e precipitazioni brevi ed intense che aggravano lo stato di salute di un territorio già molto fragile per la cementificazione l'abbandono. E' quanto afferma la Coldiretti Puglia, in occasione della Giornata mondiale del suolo nel denunciare gli effetti del micidiale mix dei cambiamenti climatici e della sottrazione di terra fertile capace di assorbire l'acqua.

Sono 230 su 257 i comuni pugliesi a rischio di dissesto idrogeologico e a pagarne i costi – segnala Coldiretti Puglia – oltre ai cittadini residenti soprattutto nelle aree rurali, sono proprio le 11.692 imprese che operano su quei territori. Il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda – rileva Coldiretti Puglia – il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l'81% dei comuni leccesi e sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni. Il rischio idrogeologico riguarda contesti prevalentemente agricoli o naturali perché in Puglia la terra frana e si consuma anche a causa dell'abbandono delle aree rurali per fattori diversi a cui si aggiungono fenomeni meteorologici sempre più intensi, concentrati in poche ore e su aree circoscritte, con alluvioni e danni anche in aree non eccessivamente antropizzate. La salvaguardia del suolo, dell'ambiente e delle produzioni agricole e agroalimentari è fondamentale per garantire un avvenire alle future generazioni.

A questa situazione – sottolinea la Coldiretti - non è certo estraneo il fatto che negli ultimi 50 anni è scomparso quasi 1 terreno agricolo su 3 (-30%) con la superficie agricola utilizzabile in Italia che si è ridotta ad appena 12,8 milioni di ettari a causa dell'abbandono e della cementificazione che rende le superfici impermeabili. Per questo – continua la Coldiretti – l'Italia deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile con un adeguato riconoscimento sociale, culturale ed economico del ruolo dell'attività nelle campagne. La sparizione di terra fertile non pesa peraltro solo sugli approvvigionamenti alimentari una situazione aggravata dai cambiamenti climatici con più di tremila eventi estremi nel 2022, tra bombe d'acqua, violenti temperali e grandinate, secondo analisi Coldiretti su dati Eswd.

Occorre accelerare sull'approvazione della legge sul consumo di suolo attesa da quasi un decennio e che potrebbe dotare l'Italia di uno strumento all'avanguardia per la protezione del suo territorio, afferma Coldiretti nel sottolineare che è comunque positiva la scelta del Governo di investire nella manovra sul "Fondo per il contrasto al consumo di suolo", finanziato con 10 milioni di euro nel 2023, 20 milioni nel 2024, 30 milioni di euro nel 2025 e 50 milioni di euro all'anno nel biennio 2026-2027 previsto dalla manovra. Ma sono anche necessari interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini per l'acqua piovana in modo da raccoglierla quando è troppa e usarla quando serve in modo da gestire gli effetti dei cambiamenti climatici e aumentare la capacità produttiva del Paese, conclude Coldiretti sottolineando che gli agricoltori italiani già oggi sono pronti a coltivare un milione di ettari in più in modo da difendere la capacità produttiva nazionale e la sovranità alimentare del Paese messa a rischio dalla guerra, dalla speculazione internazionale e dal clima che nel 2022 ha causato oltre 3 miliardi euro di danni alle coltivazioni.











  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Nuove leve green in agricoltura Nuove leve green in agricoltura Coldiretti Puglia: "Oltre 13mila le imprese agricole condotte da under 35 nonostante la crisi"
Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Coldiretti Puglia: "Per la mancanza di una interpretazione univoca del complesso quadro normativo"
La rivoluzione digitale nelle campagne La rivoluzione digitale nelle campagne E' alla base del sistema blockchain per la tracciabilità dei prodotti e la garanzia dell'origine
Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 A copertura dei danni alle produzioni agricole causati da eventi avversi di natura catastrofale
Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Si moltiplicano i furti di barbatelle, ferro, acciaio, rame, cavi elettrici e telefonici
Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi L’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia
Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Le aziende agricole devono trasmettere per via telematica le dichiarazioni di calamità entro il 24 febbraio
Procedure semplificate per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato Procedure semplificate per l’assegnazione del carburante agricolo agevolato La richiesta di Coldiretti Puglia per aiutare gli agricoltori nelle campagne
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.