Addolorata Cattedrale di San Sabino Canosa
Addolorata Cattedrale di San Sabino Canosa
Religioni

La PASTORALE ai tempi del Covid-19

Le grandi potenzialità e opportunità che offrono i mezzi tecnologici

Diciamo subito che non sono, anzi non ero, un grande appassionato di cellulari e di strumenti mediatici, pur riconoscendone l'utilità. Devo riconoscere che, pur percependo le enormi possibilità che offrono, sottolineavo e paventavo di più i pericoli derivanti da una comunicazione mediata e virtuale, che usata senza alcun criterio ed equilibrio, può trasformarsi in una vera e propria dipendenza. Francamente i pericoli erano e sono molto seri; in alcuni Documenti ufficiali della Chiesa, come ad esempio nel Messaggio del Papa per la Giornata delle Comunicazioni Sociali dello scorso anno, sono denunciati e indicati come un vero pericolo, soprattutto per i giovani e per quanti al rapporto diretto e personale, con tutte le implicazioni empatiche che può suscitare, potrebbero preferire quello mediato, apparentemente meno impegnativo, ma capace di deresponsabilizzare l'uso di qualsiasi messaggio, anche evitando relazioni troppo impegnative poiché si ha la possibilità di interrompere la comunicazione quando e come si vuole, e senza alcuna conseguenza.

Oggi però, alla luce di tutto quello che stiamo vivendo, devo riconoscere che ho riscoperto le grandi potenzialità e opportunità che offrono questi mezzi tecnologici: sono un vero dono che l'intelligenza umana, dono di Dio, ha messo nelle nostre mani, a disposizione di una larga parte della comunità e di ogni persona. Posso dire che la pastorale di questi giorni, in cui l'emergenza sanitaria ha richiesto la chiusura delle chiese, oltre al rapporto quotidiano con gli amici della mensa solidale di "Casa Francesco", al buongiorno agli anziani e al personale della casa di riposo, il rapporto con i nostri fedeli avviene per lo più attraverso questi mezzi: il telefono e le dirette streaming. Queste ultime mi hanno veramente sorpreso: le Sante Messe e la preghiera di preparazione alla Memoria dell'Addolorata, qui a Canosa di Puglia, hanno raggiunto diverse migliaia di persone, che vivono in altre città del territorio nazionale, ma anche in altre parti del mondo. Sono stato raggiunto da una tale quantità di ringraziamenti e saluti, che mi hanno lasciato veramente perplesso: non pensavamo, io e i miei collaboratori, di raggiungere un numero di fedeli così ampio. Forse, passata l'emergenza, dovremmo riflettere, dal punto di vista pastorale, su come dare continuità a questi rapporti che, anche se "a distanza", ci permettono di entrare con la preghiera nelle case dei nostri fedeli e di instaurare con loro, comunque, un rapporto di ascolto, di vicinanza e di condivisione.

Il ministero pastorale che mi impegna di più in questa situazione di allarme sociale, è quello che mi capita di svolgere attraverso il telefono, ogni giorno e ad ogni ora. Sono chiamate di chi si sente solo e chiede conforto, di persone che lamentano grande difficoltà a soddisfare i più elementari bisogni materiali; sono aziende o privati che offrono generosamente la loro collaborazione; sono giovani preoccupati che chiedono di spostare la data del loro matrimonio; di persone ricoverate che si affidano a Dio nella loro e nostra preghiera, Nello stesso tempo il pensiero cerca e si sofferma su persone e situazioni particolari che conosci; telefoni per sapere come vanno le cose e per rassicurarle; chiami famiglie che vivono nelle città del nord più colpite e fai sentire la tua vicinanza; raggiungi qualche anziano che vive solo e cerchi di rasserenarli, o giovani che non hai più visto da quando è iniziata la pandemia; avvicini qualche famiglia colpita dalla perdita di una persona cara, per far sentire loro la vicinanza della comunità; telefono ai miei famigliari per tranquillizzarli e sapere di loro. Poi mi fermo un istante a riflettere: che grande benedizione è il telefono, quante positive relazioni ci permette di realizzare e rafforzare; quanto bene è possibile operare da parte di tutti, grazie a questo meraviglioso mezzo di comunicazione e di pastorale! Sarebbe bello se, superata al più presto questa dolorosa emergenza, continuassimo ad usare questi meravigliosi mezzi di comunicazione con un grande senso di responsabilità e per il maggior bene di tutti.
Don Felice Bacco - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Andria
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus: Nessun contagio e decesso nella BAT Coronavirus: Nessun contagio e decesso nella BAT Registrati 10 casi positivi nella provincia di Foggia
La Folgore ancora in prima linea La Folgore ancora in prima linea I paracadutisti impegnati per la distribuzione dei DPI
Coronavirus: le truffe in rete dei dispositivi di protezione individuale Coronavirus: le truffe in rete dei dispositivi di protezione individuale I consigli della Polizia Postale
1 Misure di solidarietà urgenti in favore dei lavoratori stagionali Misure di solidarietà urgenti in favore dei lavoratori stagionali L'intervento dell'assessore De Mitri
APP “IMMUNI": In Puglia partirà la sperimentazione APP “IMMUNI": In Puglia partirà la sperimentazione La dichiarazione del professor Pier Luigi Lopalco
Coronavirus: servizi anti assembramento e movida Coronavirus: servizi anti assembramento e movida Sul territorio i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Bari
Coronavirus: “Momento drammatico da cui imparare” Coronavirus: “Momento drammatico da cui imparare” Felice Pelagio, segretario generale dei pensionati Spi Cgil analizza la situazione della sanità pubblica nell’emergenza covid-19
Coronavirus: un nuovo contagio e 2 decessi nella BAT Coronavirus: un nuovo contagio e 2 decessi nella BAT Il bollettino epidemiologico giornaliero della Regione Puglia
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.