Roberto Morra Sindaco
Roberto Morra Sindaco
Cronaca

Il fallimento di un sistema educativo familiare

L’intervento del sindaco Morra sui minorenni che danneggiano i beni pubblici

Alla vigilia di Ferragosto in un post su Facebook, il sindaco di Canosa Roberto Morra ha scritto che: "Da settimane la Polizia Locale è alla ricerca dei responsabili di atti di vandalismo perpetrato nei confronti di beni pubblici e privati della città. Nei giorni scorsi i primi risultati. Sono stati identificati gruppi di ragazzi che in varie occasioni hanno danneggiato o imbrattato spazi pubblici destinati alla fruizione di tutti i cittadini .I soggetti identificati hanno come sconcertante elemento comune quello di essere minorenni. Ieri sera la Polizia Locale ha identificato un ragazzino sorpreso a danneggiare un immobile comunale. Dopo l'identificazione i vigili hanno provveduto al sequestro del mezzo di cui era in possesso. Questa mattina è stato elevato un verbale di 1.000 euro circa ai genitori in lacrime del minore. Mi lascia perplesso il fatto che alcuni genitori affidano letteralmente i propri figli alla strada senza curarsi minimamente di quello che fanno fino a tarda notte. Bevono, fumano, sporcano, insultano gli anziani, rompono tutto quello che gli capita davanti. È evidente che dietro questi comportamenti si cela il fallimento di un sistema educativo familiare. Non mi sorprende se, a volte, i genitori di questi ragazzi sono i primi moralizzatori su Facebook indignati se le giostrine sono rotte o se ci sono rifiuti sparsi perché i sacchetti vengono presi a calci durante la notte. Il consiglio che rivolgo a tutti i genitori di ragazzi è quello di dedicare un po' più di tempo alla vigilanza e al controllo dei propri figli intervenendo se il minore compie atti contrari alle comuni regole del vivere civile. Non si tratta di ragazzi che vivono in contesti disagiati. Al contrario ho incontrato figli di gente normalissima avere atteggiamenti penalmente rilevanti. Se ad intervenire invece saranno le forze dell'ordine allora sarà troppo tardi purtroppo. I minori identificati nei giorni scorsi verranno segnalati al locale commissariato di P.S., alla Magistratura in caso di commissione di reati (imbrattamento e danneggiamento sono puniti dal codice penale) e infine ai servizi sociali. Quando ciò accade, - ha concluso il primo cittadino di Canosa - " le lacrime, purtroppo non servono ad evitare le conseguenti sanzioni".
  • Sindaco Morra
Altri contenuti a tema
Encomiabile servizio reso a Canosa Encomiabile servizio reso a Canosa il sindaco Morra ha donato una targa al Luogotenente  Silecchia
Non sono contento del piano di riordino ospedaliero Non sono contento del piano di riordino ospedaliero Il sindaco, Roberto Morra, interviene sulla riconversione dell'Ospedale di Canosa
Lino Banfi firma il registro degli ospiti illustri Lino Banfi firma il registro degli ospiti illustri E' stato ricevuto dal sindaco di Canosa, Roberto Morra
Installate panchine nuove nel  centro storico Installate panchine nuove nel centro storico Le dichiarazioni del sindaco Morra
Canosa non è una città fuori controllo Canosa non è una città fuori controllo Il sindaco Morra incontra il ragazzo picchiato barbaramente al luna park
Rafforzamento degli organici delle forze dell'ordine Rafforzamento degli organici delle forze dell'ordine Le dichiarazioni del sindaco Morra dopo la riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica
Discarica Co.Be.Ma.: accordo di programma fra Ministero, Regione e Provincia Discarica Co.Be.Ma.: accordo di programma fra Ministero, Regione e Provincia Le dichiarazioni del sindaco Morrra
Apportate modifiche alla  Zona a Traffico Limitato Apportate modifiche alla Zona a Traffico Limitato Le dichiarazioni del Sindaco Morra
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.