Clima caldo
Clima caldo
Territorio

Il caldo è fra le calamità meteo più letali al mondo

E' strategica la presenza e la gestione del verde urbano

Per difendersi da ondate da calore e inquinamento ogni pugliese dispone in media di appena 10 metri quadrati di verde urbano con una situazione preoccupante nei grandi centri dove si oscilla dai 9,2 di Bari ai 9 di Foggia, dai 14,4 metri quadrati di Taranto ai 9,6 di Lecce fino agli 11,9 metri quadrati a Brindisi. E' quanto emerge dall'analisi della Coldiretti Puglia, su dati Istat in riferimento alle temperature da bollino rosso in tutta la regione, in attesa che dal 6 luglio l'afa portata da Caronte lasci il posto all'anticiclone delle Azzorre che dovrebbe portare un clima più fresco. Il caldo è fra le calamità meteo più letali al mondo tanto che – spiega Coldiretti – l'ultimo report dell'Agenzia europea per l'ambiente lo considera responsabile di ben 9 morti su 10 legate ad eventi meteo con quasi 140mila vittime negli ultimi 30 anni nei paesi dell'Unione. A pesare in particolare è il fenomeno dell'isola di calore urbana con le persone che vivono nelle città che hanno un rischio maggiore di mortalità in condizioni di elevata temperatura e umidità, rispetto a coloro che vivono in ambiente sub-urbano o rurale, secondo l'Istituto superiore di sanità.

In una situazione di cambiamenti climatici con ondate di calore sempre più intense e persistenti – evidenzia Coldiretti Pugliaè strategica la presenza e la gestione del verde urbano tanto che un parco di grandi dimensioni può abbassare il livello di calore da 1 a 3 gradi rispetto a zone dove non ci sono piante o ombreggiature verdi. Maggiore è la copertura verde maggiori sono i benefici per la salute della popolazione e più ampia è la difesa contro la canicola estiva. Gli alberi infatti – continua Coldiretti - rinfrescano gli ambienti in cui si trovano grazie sia all'ombreggiatura che creano sia alla traspirazione e fotosintesi del fogliame diventando dei grandi condizionatori naturali: un'area verde urbana di 1500 metri quadrati raffredda in media 1,5 gradi e propaga i suoi positivi effetti a decine di metri di distanza.
Piantare 446mila alberi entro il 2024 nella città metropolitana di Bari – 41 comuni in cui vivono più di 1.224.756 di abitanti – per contrastare l'inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, oltre alla necessità di far rifiorire in tutta la Puglia città, giardini, aree pubbliche e private per combattere lo smog e gli effetti dei cambiamenti climatici misura del PNRR per la tutela e la valorizzazione del verde urbano ed extraurbano che ha una dotazione complessiva di 330 milioni di euro.

"Si tratta di una misura fortemente richiesta da Coldiretti che va nella direzione di combattere i cambiamenti climatici e creare opportunità per le aziende florovivaistiche. Servono atti concreti salva clima in città per ripulire l'aria dallo smog e dalle pericolose polveri sottili, grazie alla scelta degli alberi più efficaci nel catturare i gas serra, combattere l'inquinamento e mitigare le temperature", dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. Il criterio ispiratore del lavoro è "piantare l'albero giusto al posto giusto", tenendo conto delle specificità territoriali e puntando esclusivamente su piante e fiori Made in Italy, con le aziende florovivastiche italiane che vanno sostenute dopo l'esplosione dei costi energetici che ha investito un settore cardine per l'economia italiana con un valore di oltre 2,57 miliardi di euro con il coinvolgimento di 27.000 aziende florovivaistiche attive in Italia su 30mila ettari coltivati che garantiscono il lavoro di 200.000 persone a livello nazionale.

Oltre ad essere una barriera anti afa, le piante combattono anche l'inquinamento che è considerato dal 47% degli italiani la prima emergenza ambientale secondo l'indagine Coldiretti/Ixe'. Bisogna intervenire in modo strutturale – rileva Coldiretti - ripensando lo sviluppo delle città e favorendo la diffusione del verde pubblico e privato con le essenze più adatte alle condizioni climatiche e ambientali dei singoli territori. Una pianta adulta – precisa Coldiretti – è capace di catturare dall'aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. Ai primi posti nella speciale classifica delle piante mangia smog ci sono nell'ordine l'Acero Riccio, la Betulla, il Cerro, il Ginkgo Biloba, il Tiglio, il Bagolaro, l'Olmo campestre, il Frassino comune e l'Ontano nero. Ma la scelta delle piante – evidenzia Coldiretti – non può essere guidata solo dal criterio di assorbimento dello smog, ma anche dalla dimensione che raggiungerà l'albero adulto, dal tipo di apparato radicale, dal polline più o meno fastidioso per la popolazione, dalla facilità di gestione e dalla resistenza agli inquinanti.

Nei giardini l'Acero Riccio può raggiungere un'altezza di 20 metri, ha foglie grandi e può assorbire fino a 3800 chili di CO2 in vent'anni con un'ottima capacità complessiva di mitigazione dell'inquinamento e di abbattimento delle isole di calore negli ambienti urbani. Ma ci sono anche la Betulla verrucosa, in grado di crescere sui terreni più difficili e il Bagolaro, chiamato anche spaccasassi o albero dei rosari, in grado di catturare – evidenzia la Coldiretti – fino a 2800 chili di CO2 in vent'anni, oltre a inquinanti gassosi e polveri sottili, che è in grado di sopravvivere anche in terreni carsici e sassosi, asciutti grazie a radici forti come quelle dell'Olmo e del Tiglio selvatico che hanno la stessa forza anti inquinamento. Ma ci sono anche le piante da appartamento che sono in grado di ridurre gli inquinanti presenti nelle abitazioni, i cosiddetti VOC, composti organici volatili come benzene, toluene, etilbenzene, xilene, formaldeide che sono emessi da prodotti e materiali presenti nelle nostre case, dalle sigarette ai detergenti. L'inquinamento dell'aria negli ambienti chiusi è talmente diffuso da meritarsi anche un nome: "Sindrome dell'edificio malato". La Coldiretti ha stilato la graduatoria delle 10 piante da appartamento, piante più adatte a vivere negli ambienti chiusi e con l'effetto migliore contro il mix di sostanze nocive, ma anche alcool, fumo di sigaretta e odori sgradevoli: dallo Spatifillo al Falangio, dalla Dracena al Ficus, dal Ficus Bengiamino all'Anturio, dall'Edera all'Areca, dalla Felce al Potos.
In questo scenario Coldiretti e Federforeste hanno elaborato un progetto nell'ambito del Pnrr per piantare in Italia milioni di alberi nell'arco dei prossimi cinque anni nelle aree rurali e in quelle metropolitane anche per far nascere foreste urbane con una connessione ecologica tra le città, i sistemi agricoli di pianura a elevata produttività e il vasto e straordinario patrimonio forestale presente nelle aree naturali.
CITTÀ
METROPOLITANA
(41 Comuni)
ANNO 2022ANNO 2023ANNO 2024
Risorse €n. piantehaRisorse €n. piantehaRisorse €n. pianteha

BARI

5.500.095

128.000

128

5.500.095

128.000

128

10.331.260

240.000

240

* Elaborazione Coldiretti Puglia su fonte dati MITE
  • Coldiretti Puglia
  • Siccità
  • Caldo
Altri contenuti a tema
Puglia: Il via libera all’abbattimento dei cinghiali Puglia: Il via libera all’abbattimento dei cinghiali La Regione ha approvato il disciplinare per la gestione della “Caccia di Selezione”
Maltempo:  la peggior estate del decennio Maltempo: la peggior estate del decennio Raccolti devastati, danni all’agricoltura in Puglia
Il maltempo aggrava i danni della siccità Il maltempo aggrava i danni della siccità Anno nero per l'agricoltura con pesanti perdite
Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Abbattuti su terreni secchi per la siccità che dura da mesi
Vola l’export del vino pugliese Vola l’export del vino pugliese Sul mercato interno pesa il ‘carovita’ ed il timore di entrare in recessione
Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Bari è al secondo posto delle 33 città italiane monitorate
Puglia: Parte in  anticipo la vendemmia 2022 Puglia: Parte in anticipo la vendemmia 2022 La produzione regionale si stima in calo del 15%
Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Al via la settimana mondiale dei Farmers Markets
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.