Cavalli Lipizzani
Cavalli Lipizzani
Territorio

I cavalli lipizzani, patrimonio dell’Unesco

Riconosciuto l’allevamento della linea Conversano, una delle 8 linee di sangue

L'allevamento dei cavalli lipizzani è stato riconosciuto patrimonio dell'umanità dall'Unesco, con l'allevamento della linea Conversano, una delle 8 linee di sangue, 'custodito' in masseria proprio a Conversano in provincia di Bari. E' quanto afferma Coldiretti Puglia. nell'esprimere apprezzamento per il riconoscimento Unesco concesso all'allevamento dei cavalli Lipizzani nell'ambito della 17/a sessione del Comitato del patrimonio culturale immateriale in corso a Rabat in Marocco. Il testo del fascicolo ricorda come il cavallo lipizzano dalla creazione della razza nel 1580 presso l'odierna località slovena di Lipizza, si sia diffuso in tutti i Paesi dell'impero austroungarico, "implementando infrastrutture, architetture e saperi che continuano ancora oggi". Alle femmine – spiega Coldiretti Puglia - si attribuisce il nome della madre, ai maschi dei lipizzani viene attribuito il nome della linea del padre con l'aggiunta di quello della madre. Nel caso ci siano più fratelli si aggiunge il numero romano. Un'anticipazione di qualche secolo rispetto all'attribuzione del doppio cognome alle persone.

In Puglia la passione per i cavalli di Francesco Minunni, uno degli ultimi allevatori della razza Conversano, una delle 8 linee di sangue dei Cavalli Lipizzani, gli stessi cavalli bianchi protagonisti delle tele della Gerusalemme Liberata, dipinte nel Seicento da Paolo Finoglio e ora custodite nei saloni della Pinacoteca del Castello.

Fra i cavalli, progenitori dei Lipizzani e fino a qualche tempo fa custoditi nella storica masseria Tarsia Morisco, spicca Conversano Tartara, imponente stallone bianco utilizzato negli attacchi e perfetto per il dressage tanto amato dalla corte asburgica.

Sono 403 i cavalli lipizzani iscritti in Italia al Libro genealogico tenuto da Anareai, aderente a FedAna. Il riconoscimento de "La tradizione dell'allevamento del Cavallo Lipizzano" – sottolinea la Coldiretti - è frutto di una candidatura transnazionale con capofila la Slovenia e comprendente, oltre all'Italia, Austria, Bosnia, Croazia, Ungheria, Romania e Slovacchia.

L'allevamento del cavallo Lipizzano – continua la Coldiretti - rappresenta un complesso patrimonio di conoscenze e pratiche tramandatesi nel corso dei secoli nelle aree politicamente e geograficamente assoggettate all'influenza asburgica. La razza Lipizzana è il primo esempio documentato di razza costituita a partire da incroci pianificati tra soggetti di diversa provenienza (Spagna, Italia, Danimarca, Impero Austriaco, Penisola Arabica) selezionati nelle generazioni successive per le caratteristiche desiderate per l'uso della casa regnante: eleganza del passo, resistenza allo sforzo prolungato, temperamento vivace ma stabile. Dalla creazione della razza nel 1580 presso la città di Lipica, nell'odierna Slovenia, il cavallo Lipizzano – conclude la Coldiretti - si è diffuso in tutti i paesi dell'impero austro-ungarico con le caratteristiche della razza, ad iniziare dal mantello grigio perla, che sono state fissate nella seconda metà del 1700.
  • Coldiretti Puglia
  • Patrimonio dell'UNESCO
Altri contenuti a tema
Maltempo: Allarme freddo artico per frutta ed ortaggi Maltempo: Allarme freddo artico per frutta ed ortaggi I cambiamenti climatici anche in Puglia dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma
Nuove leve green in agricoltura Nuove leve green in agricoltura Coldiretti Puglia: "Oltre 13mila le imprese agricole condotte da under 35 nonostante la crisi"
Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Canapa: La filiera sta subendo un rallentamento e non decolla Coldiretti Puglia: "Per la mancanza di una interpretazione univoca del complesso quadro normativo"
La rivoluzione digitale nelle campagne La rivoluzione digitale nelle campagne E' alla base del sistema blockchain per la tracciabilità dei prodotti e la garanzia dell'origine
Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 Arriva il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 A copertura dei danni alle produzioni agricole causati da eventi avversi di natura catastrofale
Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Le campagne sono in balia di gruppi della criminalità Si moltiplicano i furti di barbatelle, ferro, acciaio, rame, cavi elettrici e telefonici
Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi Maltempo :Il gelo rischia di bruciare fiori e gemme di piante e alberi L’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia
Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Eventi estremi e calamità: Arrivano le misure salva occupazione e lavoro Le aziende agricole devono trasmettere per via telematica le dichiarazioni di calamità entro il 24 febbraio
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.