Inps
Inps
Cronaca

Falsa mail dell’Inps, attenzione al phishing

I consigli della Polizia Postale

"Siamo lieti di annunciare che abbiamo emesso il bonifico a vostro favore". Inizia così la falsa mail intestata Inps che sta circolando in questi giorni. Di conseguenza occorre prestare la massima attenzione, è l'ennesimo tentativo di phishing con cui cyber criminali, utilizzando mail o sms contraffatti, richiedono di cliccare su un link al fine di raggiungere una pagina web trappola, simile a quella originale, con lo scopo di rubare i vostri dati sensibili. La Polizia Postale avvisa che è opportuno ignorare la mail e non dar seguito alle richieste ed invita a segnalare qualsiasi caso sospetto al sito www.commissariatodips.it nella sezione segnala online.

Il phishing è una particolare tipologia di truffa realizzata sulla rete Internet attraverso l'inganno degli utenti. Si concretizza principalmente attraverso messaggi di posta elettronica ingannevoli: attraverso una e-mail, solo apparentemente proveniente da istituti finanziari (banche o società emittenti di carte di credito) o da siti web che richiedono l'accesso previa registrazione (web-mail, e-commerce ecc.). Il messaggio invita, riferendo problemi di registrazione o di altra natura, a fornire i propri riservati dati di accesso al servizio. Solitamente nel messaggio, per rassicurare falsamente l'utente, è indicato un collegamento (link) che rimanda solo apparentemente al sito web dell'istituto di credito o del servizio a cui si è registrati. In realtà il sito a cui ci si collega è stato artatamente allestito identico a quello originale. Qualora l'utente inserisca i propri dati riservati, questi saranno nella disponibilità dei criminali.

Con la stessa finalità di carpire dati di accesso a servizi finanziari on-line o altri che richiedono una registrazione, un pericolo più subdolo arriva dall'utilizzo dei virus informatici. Le modalità di infezione sono diverse. La più diffusa è sempre il classico allegato al messaggio di posta elettronica; oltre i file con estensione .exe, i virus si diffondono celati da false fatture, contravvenzioni, avvisi di consegna pacchi, che giungono in formato .doc .pdf . Nel caso si tratti di un c.d. "financial malware" o di un "trojan banking", il virus si attiverà per carpire dati finanziari. Altri tipi di virus si attivano allorquando sulla tastiera vengono inseriti "userid e password", c.d. "keylogging", in questo caso i criminali sono in possesso delle chiavi di accesso ai vostri account di posta elettronica o di e-commerce.
  • Polizia Postale e delle Comunicazioni
Altri contenuti a tema
Le sfide(challenge) degli adolescenti sui social Le sfide(challenge) degli adolescenti sui social I consigli utili della Polizia Postale
Attenzione  ai messaggi degli "amici", possono rubare l'account di Whatsapp Attenzione ai messaggi degli "amici", possono rubare l'account di Whatsapp I consigli della Polizia Postale
Truffe online: falsi rimborsi da parte di Enel Truffe online: falsi rimborsi da parte di Enel I consigli della Polizia Postale
In aumento gli attacchi informatici In aumento gli attacchi informatici Il resoconto dell'attività del 2020 della Polizia Postale e delle Comunicazioni
Diffusione di materiale pedopornografico :smantellate 16 associazioni criminali Diffusione di materiale pedopornografico :smantellate 16 associazioni criminali Operazione "Luna Park" della Polizia Postale
La protezione dello shopping natalizio online La protezione dello shopping natalizio online I consigli della Polizia Postale
Cyber-riciclaggio: il fenomeno dei “money mules” Cyber-riciclaggio: il fenomeno dei “money mules” Operazione ad alto impatto della Polizia Postale
Truffe  “Smishing-Vishing”: svuotati  conti correnti in tutt’Italia Truffe “Smishing-Vishing”: svuotati conti correnti in tutt’Italia La Polizia Postale denuncia quattro persone
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.