Reperti Archeologici
Reperti Archeologici
Cronaca

Denunciato un rumeno per ricettazione di reperti archeologici  

Rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri di Andria

Elezioni Regionali 2020
Un importante risultato nel contrasto al mercato illecito dei beni archeologici esistente in Puglia è stato conseguito dai Carabinieri della Compagnia di Andria. Le indagini hanno preso spunto dall'individuazione di un'abitazione occupata da un 30enne romeno, in cui vi era il sospetto che venissero occultate armi, munizioni e materiale esplodente illegalmente detenute. Durante le operazioni di perquisizione presso l'abitazione del rumeno, effettuate dai Carabinieri di Andria, è stato individuato un capanno agricolo, nel quale sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici, costituiti da: lampade, anfore, ciotole, brocche, scodelle, contenitori vari e monete, unitamente ad un metal detector, utilizzato per sondare i vari terreni di interesse. Ulteriori accertamenti investigativi e tecnici hanno consentito di riscontrare che i reperti sequestrati sono tutti originali e di grande importanza storico – scientifica, riferiti al periodo compreso tra il IV ed il III secolo A.C., molto probabilmente sottratti da uno dei numerosi siti archeologici presenti in Puglia: tra cui spiccano quelli di Canosa di Puglia e di Herdonia , nei pressi della cittadina foggiana di Ordona, sede di una città romana e teatro di due battaglie della seconda guerra Punica, avvenute proprio nel III sec. a.C., precisamente tra il 212 ed il 210. Al termine degli accertamenti, i reperti sono stati messi a disposizione della Sezione Carabinieri Tutela per il Patrimonio Culturale di Bari. Il cittadino rumeno, denunciato in stato di libertà per ricettazione di reperti archeologici, non ha saputo giustificare il possesso del piccolo tesoro il cui valore, nel mercato illegale, avrebbe potuto fruttargli circa mille euro al pezzo.
  • carabinieri
  • Comando Carabinieri Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Bari
Altri contenuti a tema
Arrestato un canosino per propaganda Isis Arrestato un canosino per propaganda Isis Durante l’emergenza pandemica: “Covid è una cosa di Allah”
Prevenzione e repressione del gioco illegale Prevenzione e repressione del gioco illegale Firmato  il regolamento operativo
Canosa: tre arresti effettuati dai Carabinieri Canosa: tre arresti effettuati dai Carabinieri Due per spaccio di sostanze stupefacenti ed una per detenzione di artifizi esplosivi
Canosa: si incendia un autovettura Canosa: si incendia un autovettura Transito bloccato in Via Corsica
Canosa: un uomo preso a pugni tra la gente Canosa: un uomo preso a pugni tra la gente Ignoti i motivi dell’aggressione,indagano i Carabinieri
Carabinieri: Celebrato  il  206° Anniversario di Fondazione dell’Arma Carabinieri: Celebrato il  206° Anniversario di Fondazione dell’Arma La sua opera nella lotta alla criminalità comune e organizzata, al terrorismo e all’eversione per la tutela della legalità
L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari Presentati i risultati dell’anno 2019
Auto rubate recuperate dai Carabinieri di Andria Auto rubate recuperate dai Carabinieri di Andria Un lungo inseguimento sulla ex sp 231 direzione Canosa
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.