Don Antonio Turturro
Don Antonio Turturro
Eventi e cultura

Comunicare ripartendo dall’ascolto…

Le riflessioni di don Antonio Turturro

Una comunicazione che non parte da un ascolto attento è già falsata in partenza. Questo è uno dei tanti mantra dei giornalisti di "una volta", di quei segugi che rincorrevano la notizia, senza inventarla, che erano capaci di narrare sfumature ed emozioni di coloro che vi erano coinvolti. L'attenzione a raccontare la verità, la necessità di seguire criteri di notiziabilità senza snaturare il concetto di diritto all'informazione è un equilibrio sottile sul quale oggi è diventato ancora più difficile restare. Il digitale ha sicuramente inserito nuove logiche nelle modalità comunicative, giornalistiche e "social(i)". Assistiamo innanzitutto ad una dinamica di demediazione della prassi comunicativa e informativa, in quanto ciascuno di noi è contemporaneamente consumatore e produttore di informazioni, e questo ha delle rilevanti ricadute nella vita sociale e comunitaria oggi. Basti pensare a tutti quei fenomeni di sharing e di caccia al like che costituiscono oggi una regola non trascurabile nel marketing della comunicazione social (youtubers, influencer). Tutto questo ha provocato una situazione di obesità informativa (infodemia) che ci vede quotidianamente travolti da informazioni che molte volte non sappiamo neanche decifrare e che provocano effetti a lungo termine nelle nostre scelte quotidiane di cui a volte siamo inconsapevoli.

Al netto di questo quadro che non vuole sottolineare una situazione apocalittica orwelliana, ma al contrario rappresenta una sfida che come operatori della comunicazione non possiamo trascurare, si pone e risuona forte l'appello di Papa Francesco a recuperare la dimensione dell'ascolto. Ascoltare con l'orecchio del cuore, questo lo slogan e il tema del messaggio per la 56 ma giornata mondiale delle comunicazioni sociali, celebrata il 29 maggio scorso, come da consuetudine, nella Solennità dell'Ascensione. Una dimensione, quella dell'ascolto che può sembrare paradossale considerando le molteplici teorie e innovative tecniche di comunicazione. Paradossale perché purtroppo quando si parla di comunicare si è più sbilanciati su cosa bisogna dire e trasmettere piuttosto che su come ascoltare.

Papa Francesco ci esorta a ripartire da un ascolto autentico, fatto col cuore, che abbatta i muri della divisione e dell'indifferenza e ci porti a rimettere al centro la persona nella sua totalità. Attraverso questa prospettiva la comunicazione recupera cosi la sua dimensione relazionale, fatta di incontro, dialogo e scambio. L'ascolto riempie di senso il dilagare di tante parole vuote e permette cosi il recupero della dimensione performativa (non persuasiva) della comunicazione per troppo tempo spostata e vista solo da una prospettiva di carattere in-formativo. Solo recuperando un ascolto autentico la comunicazione, le sue pratiche e i suoi formati possono realmente essere a servizio di una crescita integrale della persona, della società e della comunità.
Don Antonio Turturro- Vice direttore Ufficio Comunicazioni Sociali Diocesi di Andria
  • Diocesi di Andria
  • Don Antonio Turturro
Altri contenuti a tema
Che sarà mai di questo bambino? Che sarà mai di questo bambino? Il messaggio augurale del Vescovo, Mons. Luigi Mansi
IL CAMPANILE: "Che sarà mai di questo Bambino?" IL CAMPANILE: "Che sarà mai di questo Bambino?" On line N.6–Novembre/Dicembre 2022
Canosa: In migliaia alla Giornata Diocesana della Gioventù Canosa: In migliaia alla Giornata Diocesana della Gioventù Veglia di preghiera con Mons. Luigi Mansi
"I have a dream"  per contrastare la povertà educativa "I have a dream" per contrastare la povertà educativa Il progetto della Caritas Diocesana attraverso il coordinamento pastorale delle parrocchie
Ad Andria la Giornata Diocesana per la Custodia Del Creato Ad Andria la Giornata Diocesana per la Custodia Del Creato Reso noto il programma
Mons. Luigi Mansi, membro della Commissione Episcopale per il Clero e la vita consacrata. Mons. Luigi Mansi, membro della Commissione Episcopale per il Clero e la vita consacrata. A Matera il Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana
Scuola: "Aiutiamoli a viaggiare nelle loro fragilità perché possano sperimentarne il potenziale" Scuola: "Aiutiamoli a viaggiare nelle loro fragilità perché possano sperimentarne il potenziale" Il messaggio augurale di Don Antonio Turturro
Imparate a misurarvi col tema delle relazioni con gli altri Imparate a misurarvi col tema delle relazioni con gli altri Il messaggio di Mons. Luigi Mansi al mondo della scuola
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.