ColtivaTo Ph Luca Farinet
ColtivaTo Ph Luca Farinet
Territorio

ColtivaTo: Per crescere in modo sostenibile e ‘sano’

A Torino, si è conclusa la prima edizione del Festival Internazionale dell’Agricoltura

Si è conclusa domenica scorsa, la prima edizione di ColtivaTo, il Festival Internazionale dell'Agricoltura: tre giorni di incontri tra conferenze, dibattiti, tavole rotonde, visite guidate, interviste, workshop, spettacoli teatrali, concerti e una rassegna cinematografica, per raccontare l'agricoltura in un evento scientifico-divulgativo con cadenza biennale. L'edizione pilota di ColtivaTo, inaugurata il 31 marzo 2023 con i saluti delle istituzioni, l'intervento magistrale di Ilaria Capua, gli interventi di Maria Lodovica Gullino e Antonio Pascale, ha contato più di quaranta incontri al Circolo dei lettori, al Museo Egizio, al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, alla Cavallerizza Reale, a Palazzo Civico, al Cinema Massimo e al Conservatorio Statale di Musica "Giuseppe Verdi", gettando i semi per una riflessione sull'agricoltura da differenti punti di vista.

"Sono particolarmente soddisfatta di questa prima edizione di ColtivaTo," ha dichiarato Maria Lodovica Gullino, fitopatologo e imprenditore e responsabile scientifico del Festival, "ho visto nelle sale esattamente il pubblico che desideravamo: attento, preparato, curioso. Ho colto nelle persone che ho incontrato la soddisfazione, perché è stato toccato un tema troppo spesso trascurato che riguarda tutti. Molti hanno scoperto il mondo che sta dietro a prodotti che tendiamo a dare per scontati. La città ci ha accolti in tutto il suo splendore e i relatori, efficacissimi, saranno i migliori ambasciatori di Torino e del Piemonte. Questa prima edizione, così densa di contenuti alti e variegati, ci ha permesso di gettare basi solide - direi di mettere le radici! - per crescere in modo sostenibile e 'sano', continuando a contare sull'aiuto delle istituzioni e sull'attenzione del pubblico."

"È stato il Festival della sperimentazione," ha affermato Antonio Pascale, scrittore e ispettore presso il Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, e direttore artistico del Festival, "abbiamo cercato di trattare argomenti importanti che tuttavia hanno difficoltà ad attecchire nel dibattito pubblico. La risposta è stata molto buona. Ora puntiamo per le prossime edizioni a trasformare ColtivaTo nel festival della divulgazione agricola, colturale e culturale."

ColtivaTo, nato da un'idea di Antonio Pascale e di Maria Lodovica Gullino, ha voluto infatti parlare della "vera" agricoltura, un settore economico di grande importanza, spesso poco conosciuto e dibattuto e a cui si guarda con occhio nostalgico, affrontandone aspetti troppo spesso trascurati: le opportunità lavorative, la necessità di risorse in termini economici e scientifici, i lunghi tempi della ricerca perché possa approdare a soluzioni innovative che consentano al settore di continuare a nutrire il pianeta nonostante la crisi climatica e la popolazione sempre più numerosa. Il tutto con spirito critico ma aperto, e con la volontà di parlare a un pubblico eterogeneo, facendo di coltura e cultura un binomio inscindibile - da qui il nome scelto per il Festival.

Il Festival ColtivaTo è patrocinato dal Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, da Regione Piemonte e dalla Città di Torino. È sostenuto da Bayer Italia, New Holland, Intesa Sanpaolo, Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino, SMAT, Agroinnova, Fondazione Agritech, Unioncamere Piemonte, Reale Mutua, Turismo Torino, in collaborazione con Università degli Studi di Torino, Fondazione CRT, Biennale Democrazia, Biennale Tecnologia, weTree.

Promotore e organizzatore di ColtivaTo è l'Associazione Comitato per la organizzazione del Festival Internazionale dell'Agricoltura, fondata nel 2022 da Maria Lodovica Gullino, Mariagrazia Pellerino e Luca Remmert. Fanno parte del Comitato dei Garanti dell'Associazione Stefano Geuna, Guido Saracco, Matteo Lorito, Sergio Foà, e del Comitato scientifico Maria Caramelli, Luca Simone Cocolin, Danilo Ercolini, Debora Fino, Paolo Inglese, Antonio Pascale, Maria Lodovica Gullino.
Credit fotografico Ph Luca Farinet
  • Torino
Altri contenuti a tema
Anna Di Chio e Luciana Fredella al Salone Internazionale del Libro  Anna Di Chio e Luciana Fredella al Salone Internazionale del Libro  A Torino presentato il romanzo “La teoria dei rivolti”
La Polizia di Stato al Salone del Libro di Torino 2024 La Polizia di Stato al Salone del Libro di Torino 2024 Iniziative di promozione della legalità e della cultura fino al 13 maggio
Parole a sistema, l’editoria pugliese al Salone Internazionale del Libro di Torino Parole a sistema, l’editoria pugliese al Salone Internazionale del Libro di Torino Con uno stand istituzionale e la presenza di 39 case editrici
Il professor Sabino Scolletta "Canosino dell'Anno 2024" Il professor Sabino Scolletta "Canosino dell'Anno 2024" La premiazione a cura dell'Associazione "Il Ponte dei Canosini di Torino", presieduta da Pasquale Valente 
U Munecacìdde  dalla grotta sotterranea di Canosa al teatro di Torino U Munecacìdde dalla grotta sotterranea di Canosa al teatro di Torino Il segreto del cappello rosso del tesoro
Festa di San Sabino a Torino Festa di San Sabino a Torino Il programma delle celebrazioni nel primo week end di maggio
Al via il Concorso Internazionale di pittura, disegno, grafica ed acquerello intitolato “Metropoli di Torino “ Al via il Concorso Internazionale di pittura, disegno, grafica ed acquerello intitolato “Metropoli di Torino “ Reso noto il regolamento dal Centro Artistico Culturale "Arte Città Antica"
L’Atletica Pro Canosa ai Tricolori Master di Cross L’Atletica Pro Canosa ai Tricolori Master di Cross Si svolgeranno a Borgaretto alle porte di Torino
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.