Polizia locale
Polizia locale
Cronaca

Altre 227 persone denunciate per mancato rispetto decreto

Il bilancio di due giorni di controllo delle Forze dell'Ordine

Nel territorio dei comuni della Provincia Barletta Andria Trani, sono 5.228 persone e 397 gli esercizi commerciali controllati in due giorni, tra mercoledì 17 e giovedì 18 marzo, nell'ambito delle attività messe in campo per garantire l'attuazione delle misure di contenimento della diffusione del virus disposte dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nell'arco delle scorse 48 ore Forze di Polizia, con il supporto delle Polizie Locali dei dieci comuni della provincia ed il coordinamento della Prefettura, hanno denunciato altre 227 per violazione dell'art. 650 del Codice Penale, oltre a 3 denunce per altri reati. Per quanto riguarda invece i 397 esercizi commerciali controllati, 3 titolari sono stati denunciati per violazione dell'art. 650 del Codice Penale ed un titolare sanzionato amministrativamente. La Prefettura di Barletta Andria Trani, inoltre, ha adottato un altro provvedimento di sospensione di esercizi commerciali sorpresi ad esercitare attività in violazione dei recenti provvedimenti del Governo per contenere la diffusione del Coronavirus. I controlli delle Forze di Polizia sul territorio proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Su disposizione del Ministero dell'Interno, si rende inoltre noto che l'autocertificazione cartacea per coloro che escono da casa non può essere sostituita da un'applicazione per smartphone: anche se apparentemente motivata da esigenze di semplificazione e velocizzazione delle procedure, l'utilizzo di app è in contrasto con le prescrizioni vigenti. L'autocertificazione, infatti, deve essere firmata sia dal cittadino sottoposto al controllo che dall'operatore di polizia, previa identificazione del dichiarante. La stessa autocertificazione va inoltre acquisita in originale dall'operatore che effettua il controllo, per le successive verifiche. L'utilizzo di servizi non ufficiali e autorizzati da Autorità pubbliche per la compilazione del modello di autodichiarazione, inoltre, espone potenzialmente l'utente sotto il profilo del rispetto della propria privacy. I dati contenuti nel modello consentono di rivelare, infatti, non soltanto la frequenza e la tipologia dello spostamento dell'individuo ma anche le ragioni - personali e riservate - che giustificano lo spostamento e che possono ricollegarsi ad informazioni sensibili quali lo stato di salute, le esigenze personali le circostanze lavorative.
  • Prefettura BAT
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Buoni spesa per famiglie in difficoltà Buoni spesa per famiglie in difficoltà Le spiegazioni del sindaco Morra
Coronavirus:in crescita i casi positivi Coronavirus:in crescita i casi positivi L'ultimo bollettino epidemiologico della Regione Puglia
Supporto psicologico a distanza per le famiglie Supporto psicologico a distanza per le famiglie La nota del presidente Commissione Sanità, Pino Romano
I buoni spesa tengano conto delle nuove povertà I buoni spesa tengano conto delle nuove povertà L'intervento di Montaruli, Presidente dell’Associazione di Volontariato “Io Ci Sono!”
A ruba il lievito madre A ruba il lievito madre La top ten dei prodotti più acquistati ai tempi del coronavirus
Coronavirus: Il falso volantino per lasciare le abitazioni Coronavirus: Il falso volantino per lasciare le abitazioni I consigli della Polizia di Stato
La tempesta è per tutti, la barca è di tutti La tempesta è per tutti, la barca è di tutti Il treno per l'Europa può essere l'ultimo
Diamo certezze ai precari della Asl Bt Diamo certezze ai precari della Asl Bt La dichiarazione del consigliere regionale Ruggiero Mennea
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.