Fiume Ofanto
Fiume Ofanto

Ofanto: bene comune da garantire e preservare per le presenti e future generazioni

Associazioni e cittadini depositano osservazioni

L'11 ottobre scorso, come da prescrizione, sono state inviate alla Provincia Barletta – Andria – Trani le osservazioni agli elaborati dello Schema di Piano e della VAS del Parco Ofanto. Si è chiuso un percorso che al principio, immaginandolo, sembrava titanico: attivare e unire cittadini e associazioni del territorio ofantino nell'ultima fase utile a esprimere i propri rilievi a favore di un fiume, l'Ofanto, quale bene comune da garantire e preservare per le presenti e future generazioni. Un percorso inedito che, a conclusione, ha dimostrato come determinazione, dedizione, fiducia, ascolto e collaborazione, quindi soprattutto fare rete, siano il mix giusto. Ben diciannove associazioni e ventinove persone hanno sottoscritto le osservazioni elaborate dal gruppo di lavoro di Slow Ofanto, in alcuni casi contribuendo a migliorarle. C'è ancora chi non si arrende all'indifferenza e parteggia affinché trionfino bellezza, etica e responsabilità in un territorio, quello ofantino.

C'è ancora chi sente l'urgenza e la necessità di conoscere, partecipare e decidere su ciò che è patrimonio di tutti: un fiume e la sua valle, ricchi di biodiversità, storia, tradizioni e beni culturali, che necessitano di essere rispettati e tutelati a sostegno di un progresso, socio-economico e culturale, inclusivo e sostenibile. "A queste persone va il nostro grazie, anche loro danno senso al proseguire, insieme. Con rammarico segnaliamo l'assenza dell'Ufficio del Parco – Provincia BAT domandandoci come mai, nei 60 giorni di pubblicazione appena conclusisi, non abbia organizzato l'ulteriore ciclo di incontri di due incontri di illustrazione dei documenti e dei loro contenuti aventi l'obiettivo di favorire la formulazione e presentazione di osservazioni pertinenti e utili alla messa a punto del Piano e delle valutazioni, così come previsto nel Rapporto Ambientale della VAS. Come "comunità interessata", portatrice di interessi generali e intergenerazionali, chiediamo all'Ufficio Parco – Provincia BAT (autorità procedente) e alla Regione Puglia (autorità competente) di organizzare un ciclo di dibattiti pubblici per rendere pubbliche le osservazioni ricevute e motivare il loro recepimento o rigetto."
  • Fiume Ofanto
  • Slow Ofanto
Altri contenuti a tema
Istituzione del Parco naturale nazionale del Fiume Ofanto Istituzione del Parco naturale nazionale del Fiume Ofanto Presentazione della legge a prima firma del senatore Ruggiero Quarto
Fiume Ofanto: Tra ecologia ed economia le prospettive del Piano del Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto: Tra ecologia ed economia le prospettive del Piano del Parco Naturale Regionale Incontro pubblico a Barletta
Focus sull'Ofanto la via del fiume Focus sull'Ofanto la via del fiume Filli Rossi ha presentato la sua opera in bilingue
OFANTO LA VIA DEL FIUME OFANTO LA VIA DEL FIUME Il libro di Filli Rossi che sarà presentato a Canosa
Istituzione del Parco Naturale Nazionale del Fiume Ofanto Istituzione del Parco Naturale Nazionale del Fiume Ofanto La nota del senatore Ruggiero Quarto (M5S)
Il bambino e l'Ofanto Il bambino e l'Ofanto il nuovo componimento di Nunzio Di Giulio
Parco Ofanto: come favorire conoscenza e partecipazione fra le genti ofantine? Parco Ofanto: come favorire conoscenza e partecipazione fra le genti ofantine? La nota di di Slow Ofanto
Piano territoriale del Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto e gli altri strumenti di pianificazione Piano territoriale del Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto e gli altri strumenti di pianificazione A Canne della Battaglia, il Consiglio Provinciale si riunirà in seduta monotematica
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.