Soldato Vincenzo Martinelli
Soldato Vincenzo Martinelli
Storia e dintorni

Soldato Vincenzo Martinelli matricola 28408

La storia del militare deportato in Germania durante la II guerra mondiale

Nel corso della cerimonia per il 75° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana svoltasi ieri mattina a Barletta è stata conferita la medaglia d'onore alla memoria di Vincenzo Martinelli, tra i deportati ed internati nei lager nazisti durante la II guerra mondiale. Il prefetto della BAT, Maurizio Valiante con il vice sindaco di Canosa di Puglia Francesco Sanluca hanno consegnato la medaglia d'onore a Lugi Martinelli, figlio di Vincenzo (Atella 19 dicembre 1923-15 maggio 1992). I documenti storici riportano che il soldato di leva Vincenzo Martinelli fu deportato in Germania dall'11 settembre 1943 all'1 giugno 1945. Nel marzo 1942, Vincenzo Martinelli partì come soldato di leva del distretto di Potenza con matricola n.28408 ed il 30 luglio 1943 si imbarcò da Bari per la Grecia. L'11 settembre 1943 fu catturato a Rodi dai Tedeschi e poi deportato. Fu congedato il 4 luglio del 1946 come è annotato sul foglio matricolare.

E' stata la legge n. 296 del 27 dicembre 2006 ad istituire la distinzione onorifica, disponendo la "concessione di una medaglia d'onore ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra, ai quali, se militari, è stato negato lo status di prigionieri di guerra, e ai familiari dei deceduti, che abbiano titolo per presentare l'istanza di riconoscimento dello status di lavoratore coatto". Il legislatore italiano, dopo aver sancito che "la Repubblica Italiana riconosce, a titolo di risarcimento soprattutto morale, il sacrificio dei propri cittadini deportati ed internati nei lager nazisti nell'ultimo conflitto mondiale" ha individuato nella "medaglia d'onore" un opportuno riconoscimento simbolico. La medaglia d'onore è coniata dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano in metallo (bronzo), con nastrino. Al dritto porta lo stemma della Repubblica Italiana con intorno la scritta: "Medaglia d'Onore ai cittadini italiani deportati ed internati nei Lager nazisti 1943-1945" ed al rovescio, dentro ad un cerchio di filo spinato spezzato, che dimostra la libertà ritrovata dal nazifascismo, è inciso il nome e cognome dell'internato o del deportato.

Commosso il cavaliere della Repubblica Lugi Martinelli(Ispettore superiore della Polizia di Stato in quiescenza a Canosa di Puglia) figlio del compianto figlio Vincenzo che al termine del cerimonia di Barletta ha dichiarato: "un riconoscimento simbolico molto significativo affinchè la memoria familiare divenga memoria collettiva con l'impegno che accadimenti simili non abbiano a ripetersi ed i giovani non dimentichino queste pagine tragiche della storia mondiale". Mentre, l 'altra figlia di Vincenzo Martinelli di nome Lucrezia vive ad Atella in provincia di Potenza dove lo ricordano come persona buona e generosa dedito alla famiglia e al lavoro nella sua bottega di calzolaio condotta per molti anni.
Soldato Vincenzo Martinelli matricola 28408Soldato Vincenzo Martinelli matricola 28408Soldato Vincenzo Martinelli matricola 28408Martinelli Luigi figlio di Vincenzo con Prefetto Valiante e Vice Sindaco SanlucaFesta della Repubblica 2021 in Prefettura a BarlettaVice Sindaco di Canosa Sanluca Francesco e Martinelli LuigiSoldato Vincenzo Martinelli matricola 28408Canosa onora la Festa della Repubblica 2021
  • Prefetto Valiante
  • Prefettura BAT
Altri contenuti a tema
I beni del “Fondo edifici di culto” per progetti finalizzati al recupero ed al sostegno di giovani in condizioni di disagio I beni del “Fondo edifici di culto” per progetti finalizzati al recupero ed al sostegno di giovani in condizioni di disagio Protocollo d’intesa stipulato in Prefettura a Barletta
Focus sui reati predatori di maggior rilevanza Focus sui reati predatori di maggior rilevanza In Prefettura riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica
Monitoraggio su base territoriale degli interventi del PNRR Monitoraggio su base territoriale degli interventi del PNRR Nella Prefettura di Barletta Andria Trani si è insediata la cabina di coordinamento
Consapevole di dover lavorare in un contesto complesso e delicato Consapevole di dover lavorare in un contesto complesso e delicato Si è insediato il nuovo Prefetto di Barletta Andria Trani, Silvana D'Agostino
La Provincia di Barletta Andria Trani  rimarrà sempre la mia seconda casa La Provincia di Barletta Andria Trani rimarrà sempre la mia seconda casa Il saluto del Prefetto Rossana Riflesso nell’incontro con i rappresentanti degli organi di informazione
Gratitudine e riconoscenza alla Dott.ssa Rossana Riflesso Gratitudine e riconoscenza alla Dott.ssa Rossana Riflesso Il messaggio di saluto del Presidente della Provincia di Barletta Andria Trani, avv. Bernardo Lodispoto
Nuovo Prefetto alla BAT, nominata  la dottoressa Silvana D'Agostino Nuovo Prefetto alla BAT, nominata la dottoressa Silvana D'Agostino La dottoressa Rossana Riflesso destinata a svolgere le funzioni di Prefetto di Avellino
Seminario finale del progetto S.PR.INT.2 “Strategie, programmi innovativi, interventi multistakeholder” Seminario finale del progetto S.PR.INT.2 “Strategie, programmi innovativi, interventi multistakeholder” Si terrà a barletta nella sede dell’Ufficio Territoriale del Governo della BAT
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.