la fanove
la fanove
Storia e dintorni

Le fanòve canosine

Le filastrocche cantate in dialetto intorno al falò

Nel tempo dell'Avvento che precede il Natale, Canosa "accende" quattro falò con tradizioni popolari di culto cristiano, di festa di strada, di sapori di frittelle, da Santa Caterina, all'Immacolata, a Santa Lucia, alla Natività del 25 Dicembre. Sono le fanòve e con le relative filastrocche cantate in dialetto intorno al falò. La fanòve [et. gr. φανός (fanòs). lanterna,torcia, fiaccola], festa di strada era anche un momento di aggregazione di vita di strada, di festa, di omaggio alla cultura cristiana, di valorizzazione del fuoco, che suggellava la vita domestica, la casa. Infatti al termine del falò, si portava la brace nel braciere di Casa. La fanòve avveniva nella sera della Vigilia, come annuncio serale della festa. Il rito della fanove ha radici antiche, nel fuoco rituale offerto alle divinità. Ancora oggi la torcia (φανός) si ritrova nella Resurrezione o nei riti carnascialeschi di Kozani, Città della Macedonia in Grecia. Nella fiamma e nella luce propiziatoria dell'arrivo dell'Inverno, ci accostiamo cantando ai quattro falò dell'Avvento del Natale. I falò venivano accesi nel giorno della vigilia, momento di incontro comunitario di strada, accompagnato dalla degustazione di frittelle. La Tradizione è ancora viva a Canosa di Puglia(BT).

Il 25 novembre a Santa Caterina :
La fanòve a sanda Cataròne,
stè la nàve sàupe a la spòne.

Alla vigilia dell'Immacolata Concezione (8 dicembre):
La fanòve all'Ammaculète,
quéra ca tène la crònna 'n ghèpe.
(È l'immagine della Madonna, nell'Apocalisse (XII, 1), con la corona di dodici stelle sul capo.

In occasione della vigilia dell'Immacolata, le Parrocchie del Centro storico di Canosa di Puglia(BT) presentano "Scie di Luce", in attesa della Luce,.." Il falò della tradizione canosina si accenderà stasera e sarà preceduto da una fiaccolata. Alle ore 19,30 è programmato il raduno presso la Chiesa di "S.Caterina D'Alessandria" da dove partirà una fiaccolata per le vie cittadine: via E.Fieramosca, Via Diomede,Via Trieste e Trento, Salita Arco Diomede(sosta)Via Gramsci, Piazza Umberto I.

Il 13 dicembre a Santa Lucia :
La fanòve a Sanda Luciòje,
a Natèle trìdece dòje (a Natale tredici giorni).
Si contavano i dodici giorni precedenti la vigilia e i dodici giorni successivi per previsioni climatiche dei mesi dell'anno successivo.

Il 25 dicembre a Natale :
La fanòve o Bammenìdde, cùre ca tène li riccetìdde. Un'altra versione recita: " o Bammenìdde, bianghe, russe e trucchelìdde"
Ogni verso del canto del falò terminava con l'esclamazione "uéh, uéh!" e con il finale competitivo dei falò di quartiere:
"jà bélle la nòste, jà brutte la vòste", in una gara di numerose fanove di paese.
La brace alla fine veniva portata con il braciere in casa.
Viva la fanòve!... e le frittelle!
Ricerche storiche dal libro di Dialettologia "Sulle vie dei ciottoli del dialetto canosino" 2015
Maestro Peppino Di Nunno
Falò S.LuciaIl falò a S. LuciaFalò Santa Lucia Canosa di Puglia(BT)Scie di Luce in attesa della Luce...2019
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Tradizioni
Altri contenuti a tema
Canosa: convocato il consiglio comunale Canosa: convocato il consiglio comunale in seduta ordinaria e pubblica mediante diretta streaming
Canosa su “La Via Francigena Meridionale” Canosa su “La Via Francigena Meridionale” La guida realizzata da Monica D’Atti e Franco Cinti
Luoghi Comuni. 40.000€ per realizzare interventi di innovazione sociale Luoghi Comuni. 40.000€ per realizzare interventi di innovazione sociale Open day sulla piattaforma Zoom
1 Canosa: sotto sequestro una cava di tufo Canosa: sotto sequestro una cava di tufo Eseguito dalla Polizia Locale in Contrada Tufarelle
L’Addolorata della Passione L’Addolorata della Passione Decennale della peregrinatio da Siracusa
Memoria della Beata Vergine Addolorata Memoria della Beata Vergine Addolorata Il programma del Settenario di preparazione
La Sacra Spina nella Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù La Sacra Spina nella Chiesa di Santa Teresa del Bambin Gesù Don Vito Zinfollino ha celebrato la Santa Messa
Canosa: Una città più resiliente e abitabile Canosa: Una città più resiliente e abitabile Approvato il Documento Programmatico Preliminare della variante al Piano Urbanistico Generale vigente
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.