Crocifisso Cattedrale  San Sabino-Canosa
Crocifisso Cattedrale San Sabino-Canosa
Storia e dintorni

E il suo regno non avrà fine

Il titolo della Croce

La Via Crucis della Settimana Santa ci porta sulla salita Calvario al legno della Croce di Gesù, dove in alto fu posto un cartiglio ligneo con il motivo della condanna a morte. Non era scritto INRI, ma per tre volte, in tre lingue che espandono il mediterraneo all'universalità era scritto la parola Re. La reliquia di quel legno "pars quaedam ligni", portata nel 320 da Gerusalemme a Roma da Sant'Elena con il legno della Croce "lignum Crucis", giunta al tempo di Papa Gregorio Magno verso il 590, viene venerata nella BASILICA DI S. CROCE IN GERUSALEMME a Roma, riscoperta nel 1492. La tavoletta-reliquia in legno di noce mediterraneo ha uno spessore di cm. 2,5, con una lunghezza di cm. 25,3 ed una larghezza di cm. 14,3. È custodita in una teca di argento. L'iscrizione, disposta da Pilato e scritta in ebraico, greco e latino (Vangelo di Giovanni, cap. 19, v. 19-20), fu incisa dallo stilo dello scriba nel modello della lingua ebraica, da destra a sinistra.

Riga superiore in lingua ebraica : מ מ ישכ נץךן – Jshw Nzrj m m , vocalizzato in Jeshua' Natsarî malk' Kem , Gesù di Nazậr il Vostro Re.
Riga intermedia in greco ( la lingua comune, κοινή) : IΣ ΝΑΖΑΡΕΝOUΣ ІB, IESÛS NAZARENUS Ioudaiôn Basileus – GESU' il NAZARENO il Re dei Giudei. La lettera Sigma Σ, finale di IESUS e NAZARENUS, è riportata dalla sigma lunata Ϲ ad attestare l'epoca antica.
Riga inferiore in latino: Ι ΝΑΖΑREΝVS RE(X), GESU' NAZARENO RE, da dove deriva l'acronimo latino I N R I – Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum.
I Crocifissi bizantini non portano l'acronimo INRI, ma per esteso l'iscrizione originale in greco.
Ricerca del 1 aprile 2012, dagli studi contattati e offerti da Maria Luisa Rigato, « I.N.R.I. Il Titolo della Croce », EDB.

È stata realizzata una riproduzione in legno dell'originale con l'incisione dell'epigrafe in ebraico, in greco, in latino e donata alla Cattedrale di Andria ove si venera la Sacra Spina, nella mani di Don Gianni Agresti e alla Chiesa del Carmelo di Canosa ove si venera il Cristo Morto. Il cartiglio ci aiuta a leggere la pagina del Vangelo di Giovanni, ponendoci ai piedi della Croce, di Gesù e del Titulus Crucis: (cap. 19, v. 19): " Pilato compose anche l'iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: "Gesù il Nazareno, il re dei Giudei"; …era scritto in ebraico, in latino e in greco". Quella regalità divina di Gesù, Re di un regno celeste, scritta in tutte le lingue, svela la verità di fede: "veramente Costui era il Figlio di Dio".
Re del Popolo di Dio, Re di un regno che non avrà mai fine, che per scettro aveva una canna, per mantello aveva una tunica rossa, per corona aveva un pileus di spine, salvato oggi nella Cattedrale di Notre Dame di Parigi.
Poniamoci ai piedi della Croce di Nostro Signore, leviamo il capo e rileggiamo il Titolo della Croce.
Il sole si oscurò, la terra si scosse «e Gesù emesso un alto grido, spirò».
In memoriam di Maria Luisa Rigato
Peppino Di Nunno.
© Riproduzione riservata
  • I Riti della Settimana Santa
Altri contenuti a tema
Devozione all’Addolorata in casa Devozione all’Addolorata in casa Il culto familiare di Don Nicola Caputo
L’inno alla Desolata su Radio Love FM L’inno alla Desolata su Radio Love FM Canosa: I riti della Settimana Santa ai tempi del Covid-19
L’anima mia magnifica il Signore L’anima mia magnifica il Signore La comunità parrocchiale Santi Francesco e Biagio ringrazia al termine della Mostra 'Facies Passionis'
Promuovere tutti i riti  legati alla Settimana Santa in Puglia Promuovere tutti i riti legati alla Settimana Santa in Puglia Le dichiarazioni del consigliere Ruggiero Mennea
Facies Passionis: boom di presenze Facies Passionis: boom di presenze Oltre 12mila visitatori alla terza edizione della mostra a Taranto
I Riti della Settimana Santa patrimonio immateriale della Regione Puglia I Riti della Settimana Santa patrimonio immateriale della Regione Puglia Approvazione all'unanimità da parte del Consiglio regionale
La bellezza dell'inno della Desolata La bellezza dell'inno della Desolata La banda "G.Verdi" di Canosa in concerto a Taranto
La Desolata di Canosa di Puglia. Riti e tradizioni   La Desolata di Canosa di Puglia. Riti e tradizioni   A Taranto, conferenza e concerto della Banda "Città di Canosa di Puglia"
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.