Myriam Giordano
Myriam Giordano
Vita di città

Vivi d' ANTicipo

Inaugurazione del progetto di prevenzione del tumore "Myriam Giordano"

Il 6 dicembre la Delegazione ANT "G.Lombardi" di Canosa di Puglia e il locale Istituto "L.Einaudi" inaugurano il progetto di prevenzione del tumore "Myriam Giordano" con "Vivi d' ANTicipo" .Alle ore 9.00 le classi 4 e 5, docenti e volontari Ant partiranno dall'Istituto "L. Einaudi" con una passeggiata in verde Ant a cui seguirà il convegno "ANTicipalo" sulla prevenzione del tumore al seno e allo scroto. Interverranno dopo i saluti della dirigente scolastica, dottoressa Maddalena Tesoro; il dr. Michele Ricciardi, medico radiologo centro diagnostica Bat; la d.ssa Carmen Lombardi, farmacista e delegata Ant Canosa; la d.ssa Ilaria Di Donato psicologa; il dr.Claudio Bandera esperto di Tai chi chuan e Astrologia evolutiva. Sarà presentato dunque l'ambizioso progetto di prevenzione a 360 gradi dalla coltivazione dei prodotti alla loro cottura sino al loro processo di smaltimento con attività specifiche e mirate all'educazione alla prevenzione. Stile di vita e diagnosi precoce sono alla base della prevenzione che oggi più che mai necessita di azioni concrete. Saranno quindi effettuate gratuitamente ecografie e mammografie gratuite agli studenti e ai docenti grazie alla preziosa collaborazione del Centro Diagnostica Bat di Canosa di Puglia. "Vivi d'ANTicipo" inizia giovedì 6 dicembre e vedrà una serie di incontri teorici e pratici interattivi su come prevenire il tumore che continueranno anche nel 2019.

La Fondazione ANT Italia Onlus è al 40° anno di attività grazie all'opera instancabile dell'oncologo Franco Pannuti(Bologna, 1º maggio 1932–5 ottobre 2018), il fondatore della più ampia realtà non profit per l'assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e la prevenzione gratuite. Ogni anno oltre 10.000 persone vengono assistite nelle loro case da 20 équipe multi-disciplinari ANT che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia. Per il maggior benessere globale del malato, al lavoro dei sanitari si affianca un servizio socio-assistenziale che prevede (sulla base delle risorse disponibili sul territorio):visite specialistiche domiciliari, cure igieniche, cambio biancheria, biblioteca e cineteca domiciliare, trasporto del paziente da casa all'ospedale per svolgere esami strumentali che non possono essere eseguiti a domicilio.
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.