Plastic Free
Plastic Free
Amministrazioni ed Enti

Verso l'abbattimento dell’uso della plastica monouso

Nell’Aeroporto Marconi di Bologna  avviato il primo progetto in Italia

Abbattimento dell'uso della plastica monouso al 50 per cento e oltre 500.000 bottigliette di plastica vendute in meno. Sono i risultati che si attendono per il 2024 per il pioneristico progetto, il primo in Italia, avviato nell'Aeroporto Marconi di Bologna grazie alla collaborazione con Plastic Free Onlus, l'organizzazione impegnata dal 2019 nel contrastare l'inquinamento da plastica. Con il coinvolgimento di tutti gli operatori del food & beverage e del Duty Free presenti nello scalo bolognese si punta alla progressiva riduzione, per arrivare alla sua completa eliminazione, della plastica monouso nei punti di ristorazione nonché a campagne di sensibilizzazione sul tema dell'inquinamento da plastica.

"Un progetto che ha mosso i primi passi negli ultimi mesi del 2023 dove abbiamo già registrato i primi risultati – dichiara Stefano Gardini, Direttore Business Non Aviation dell'Aeroporto Marconi di Bologna – Diverse le pratiche virtuose messe in atto: la parziale sostituzione delle bottigliette di plastica con altre in cartone, vetro e con lattine; l'eliminazione dei contenitori di plastica per i cibi da asporto e i bicchieri nonché l'adozione di processi per il recupero integrale dei film plastici con cui vengono avvolti i pallet dei prodotti del Duty Free. Ciò ci ha permesso di premiare gli operatori che si sono impegnati nei loro punti vendita in aeroporto con il riconoscimento 'Plastic Free' o 'Plastic Reduction', valido per un anno, a seconda dei risultati raggiunti e delle soluzioni implementate".

"Eliminare la plastica monouso da un luogo di transito come l'aeroporto è una sfida per nulla semplice ma gli operatori dell'Aeroporto di Bologna stanno dimostrando concretamente quanto lo spirito di volontà e la giusta sensibilità possa portarci a traguardi inattesi – dichiara Luca De Gaetano, fondatore e presidente di Plastic Free Onlus – L'obiettivo è che questo pioneristico progetto venga emulato dagli altri aeroporti italiani affinché migliori la sostenibilità e l'impatto ambientale su tutti gli scali del Paese. La nostra organizzazione di volontariato sarà al fianco di tutte le imprese che vorranno ridurre e via via eliminare completamente la plastica, come quella monouso, che può avere già oggi valide alternative a beneficio dell'ambiente, senza richiedere grandi investimenti".
  • Plastic Free
  • Bologna
Altri contenuti a tema
A Milano, premiati i "Comuni Plastic Free" A Milano, premiati i "Comuni Plastic Free" Impegnati nella lotta contro gli abbandoni illeciti di rifiuti e sensibilizzazione del territorio
A Milano, la premiazione nazionale dei “Comuni Plastic Free 2024” A Milano, la premiazione nazionale dei “Comuni Plastic Free 2024” Per la lotta contro gli abbandoni illeciti e sensibilizzazione del territorio,
Il professor Sabino Scolletta organizza l’8° Congresso Nazionale ITACTAIC Il professor Sabino Scolletta organizza l’8° Congresso Nazionale ITACTAIC A Bologna, i più importanti professionisti italiani di anestesia e terapia intensiva cardio-toraco-vascolare
Ambiente: La carica dei 111 Comuni Plastic Free Ambiente: La carica dei 111 Comuni Plastic Free Hanno superato la valutazione basata su lotta agli abbandoni illeciti, sensibilizzazione sul territorio, gestione dei rifiuti urbani, attività virtuose dell’ente
Amare il Pianeta non inquinando Amare il Pianeta non inquinando Nel 2023, PLASTIC FREE ONLUS ha rimosso dall’ambiente 47 tonnellate di rifiuti e plastica
Il brindisi di Natale senza inquinare l'ambiente Il brindisi di Natale senza inquinare l'ambiente Il decalogo per un Natale Plastic Free amico dell’ambiente
Stop al rilascio in volo dei palloncini Stop al rilascio in volo dei palloncini L'appello di Luca De Gaetano  fondatore e presidente di Plastic Free Onlus,
Rifiuti elettronici: Una problematica figlia dell’obsolescenza programmata e dell’abitudine a buttare Rifiuti elettronici: Una problematica figlia dell’obsolescenza programmata e dell’abitudine a buttare La Commissione europea sta cercando di porre rimedio con una Direttiva
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.