Guardia-di-Finanza
Guardia-di-Finanza
Cronaca

Truffa per “Bonus facciate”: tre misure cautelari

L'operazione dei finanzieri del Comando Provinciale di Barletta

I finanzieri del Comando Provinciale di Barletta hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere e due misure interdittive del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale rispettivamente nei confronti di tre indagati per una truffa nell'ambito delle erogazioni pubbliche relative ai cosiddetti "Sismabonus" e "Bonus Facciate", pervenendo al sequestro di beni per un valore di oltre 6 milioni di euro. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Trani e condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Barletta hanno accertato la strumentalizzazione delle agevolazioni (concesse dallo Stato al fine di contenere gli effetti negativi connessi all'emergenza epidemiologica da COVID-19) e della possibilità prevista dall'art. 121 del D.L. 34/2020 di cessione a terzi del medesimo credito d'imposta. L' attività svolta costituisce il seguito di un altro provvedimento di sequestro di euro 72.192.235 eseguito lo scorso mese di ottobre nei confronti di 5 soggetti e 4 società indagati a vario titolo per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato; in tale precedente circostanza, infatti, gli indagati, mediante artifizi e raggiri consistiti nel trasmettere telematicamente all'Agenzia delle Entrate una moltitudine di comunicazioni di cessioni di credito con dati non veritieri, attestavano l'esecuzione di lavori edili di rilevante valore mai eseguiti e su immobili inesistenti, ovvero appartenenti a soggetti del tutto inconsapevoli.

Le nuove indagini dalle quali scaturiscono le odierne misure personali e reali hanno acclarato che i crediti illecitamente maturati, provenienti dal già contestato delitto di truffa aggravata ai danni dello Stato, venivano poi ricevuti nel "cassetto fiscale" delle società, accettati e successivamente reimpiegati nelle attività economiche delle medesime, al fine di compensare (indebitamente) le imposte dovute, neutralizzando di fatto la pretesa erariale dello Stato. Le ulteriori attività espletate hanno consentito di accertare che gli indagati, per i quali vige il principio di non colpevolezza fino a condanna definitiva, in concorso tra loro e consapevoli dello stato d'insolvenza di una società già destinataria del sequestro di cui si è fatto cenno, hanno distratto, cedendoli ad altre società comunque riconducibili all'amministratore di fatto, i relativi contratti di affitto (attivo) di ramo d'azienda, al fine di sottrarli a quella misura ablativa e, conseguentemente, privando la stessa persona giuridica della capacità di produrre reddito e liquidità.
  • Guardia di finanza
Altri contenuti a tema
Canosa: Intensificazione delle attività di controllo delle Forze di Polizia sul territorio Canosa: Intensificazione delle attività di controllo delle Forze di Polizia sul territorio Si è riunito il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto Rossana Riflesso
In ricordo di Filippo Sardone In ricordo di Filippo Sardone Luogotenente Cariche Speciali della Guardia di Finanza del Contigente Mare in quiescenza, venuto a mancare all’età di 61 anni.
I dentisti non violano  sistematicamente norme di legge e regole deontologiche I dentisti non violano sistematicamente norme di legge e regole deontologiche L’intervento dell’Associazione Nazionale Dentisti, in relazione alla maxi operazione della Guardia di Finanza
Il Generale di Corpo D'Armata Vito Augelli in visita a Barletta Il Generale di Corpo D'Armata Vito Augelli in visita a Barletta Il Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale ha incontrato i Comandanti dei Reparti
Concorso per allievi ufficiali presso l’Accademia della Guardia di Finanza Concorso per allievi ufficiali presso l’Accademia della Guardia di Finanza Scade alle ore 12.00 del 19 febbraio il termine di presentazione delle domande
Operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto Operazione "Prosit": sequestrato champagne contraffatto I dettagli dell'attività della Guardia di Finanza del Gruppo di Barletta
Canosa: sequestro preventivo di 3 suoli sottoposti a vincolo archeologico Canosa: sequestro preventivo di 3 suoli sottoposti a vincolo archeologico I dettagli dell'operazione della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Barletta
Sequestrati 50.000 prodotti contraffatti e altri oggetti privi dei requisiti di sicurezza Sequestrati 50.000 prodotti contraffatti e altri oggetti privi dei requisiti di sicurezza Nel corso di mirati interventi eseguiti dai Finanzieri del Comando Provinciale di Barletta
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.