Emiliano
Emiliano
Amministrazioni ed Enti

Sanità Puglia: La Regione con il più alto numero di indicatori in miglioramento

Presentati i dati nazionali del sistema di valutazione sanità del Sant'Anna di Pisa

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e la Rettrice della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e Responsabile del Laboratorio Management e Sanità (Mes) dell'Istituto di Management Sabina Nuti hanno presentato questa mattina i risultati del Sistema di Valutazione dei Sistemi sanitari regionali - più comunemente noto come i "Bersagli" - della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, oggi condiviso da 10 regioni italiane (Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto) e dalle 2 province autonome di Trento e Bolzano. Per l'Aress, che ha organizzato l'incontro a Bari, è intervenuto il direttore Giovanni Gorgoni. La Puglia si conferma regione in forte miglioramento, con ben il 57,4% degli indicatori in miglioramento. Il progetto ha permesso, negli anni, la condivisione e l'evoluzione di un sistema di valutazione delle performance dei sistemi sanitari regionali, che si compone oggi di quasi 400 indicatori, per monitorare la capacità di miglioramento nella gestione dei servizi sanitari. Per la Regione Puglia si tratta della quinta annualità di confronto con le altre Regioni, avendo aderito al network a fine 2015 con la valutazione della performance 2014 e facendone, nel frattempo, la metodologia prevalente per la misurazione e la valutazione degli obiettivi dei direttori generali delle aziende sanitarie pugliesi. L'appuntamento di Bari è stato da un lato una rinnovata occasione di analisi dei processi di innovazione e miglioramento assistenziale regionale e, dall'altro, il momento per dare evidenza a quelle realtà regionali che in determinate aree di servizio hanno saputo gestire la complessità distinguendosi come best-practices.

"Abbiamo voluto chiedere all'inizio della legislatura - ha detto il presidente Emiliano - ad un organismo indipendente, la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, scuola di eccellenza post universitaria, di tenere sempre il termometro sotto l'ascella della sanità pugliese. Lo abbiamo fatto perché volevamo un soggetto terzo, indipendente, che misurasse i risultati della sanità pugliese. È evidente che il miglioramento negli ultimi anni è fortissimo. Ma è altrettanto chiaro che la percezione di questo miglioramento non è ancora arrivata alla popolazione. Lo dobbiamo ammettere: sono tantissime ancora le cose che non vanno bene, che non funzionano e nonostante questo trend così chiaro dal punto di vista dei numeri, c'è ancora una marea di lavoro da fare.Mi vengono in mente i primi anni di lavoro sa sindaci al Comune di Bari, quando sembrava che non fosse cambiato nulla e invece stavamo piantando semi che man mano sono germogliati. C'è ancora bisogno di uscire dal piano di rientro, e avere la possibilità di fare tutte quelle assunzioni necessarie per abbattere le liste di attesa, per gli esami diagnostico-strumentali e delle visite specialistiche. Questo purtroppo non fa vedere ai cittadini i miglioramenti di tutto il resto, perché giustamente si incavolano moltissimo ai Cup quando, chiedendo una visita alle volte senza una ragione specifica, c'è troppo ritardo nel fissarla. Ma la sanità è un complesso molto complicato, con 45mila dipendenti, che ringrazio tutti. Questi risultati li dedico ai lavoratori della sanità pugliese che lavorando in sottorganico hanno raggiunto grandissimi obiettivi. Ringrazio anche tutti i manager della sanità pubblica che nonostante siano - è il nostro ruolo - bersagliati dalla mattina alla sera, hanno saputo mantenere dritta la barra. Abbiamo bisogno di lavorare ancora moltissimo: il Sant'Anna continuerà a monitorarci e consentirà di capire dove stiamo migliorando e dove stiamo peggiorando. I bersagli indicano i settori dove si è migliorato, dove si è stabili e dove si è peggiorato. Questo consente anche a me do capire come indirizzare il lavoro per massimizzare il nostro impegno".

"L'esperienza del network delle Regioni - ha dichiarato il direttore di Aress Puglia, Giovanni Gorgoni - ha consentito alla Regione Puglia di migliorare i propri indicatori, perché così abbiamo capito dove sono le buone pratiche dove apprendere. La Puglia si conferma come la regione con il più alto numero di indicatori in miglioramento. Nel 2015 solo tre gruppi di indicatori erano in area buona/eccellente, nel 2018 sono 14. Sapere dove sono le criticità ci spinge a sapere dove intervenire: quella degli screening oncologici, quella del colon-retto in particolare. E c'è una recente delibera di giunta regionale per dare impulso a questi screening con l'utilizzo delle farmacie convenzionate. Poi c'è la criticità delle dimissioni volontarie da reparto, che non è una criticità sistemica per l'intera regione e riguarda solo alcuni reparti di ospedali, dove può essere fatto un intervento verticale. Area di miglioramento e di eccellenza è quella della deospedalizzazione: la Regione ha deospedalizzato tantissimo. E non significa riduzione dei posti letto, ma di riduzione dei ricoveri inappropriati, di quei ricoveri che dovevano essere trattati negli ambulatori. Siamo scesi da oltre 170 punti nel 2015 a sotto i 120 del 2018. Una riduzione sostanziale. E' anche la regione che è migliorata di più nell'assistenza materno-infantile. Si confermano le eccellenze in campo oncologico, in materia di tempi di attesa per la chirurgia oncologica e in tema di percorsi integrati oncologici. E' una buona notizia: sul cancro il sistema Puglia non ha nulla da invidiare fuori e punta a tenere vicino casa la gestione di disagio estremo. L'assistenza diventa poi sempre più territoriale. I dati dell'indagine sono quantitativi e provengono dall'immenso patrimonio dei dati delle regioni. Sono 400 indicatori per una pluralità di dati: si va dal costo sanitario pro-capite all'equilibrio finanziario, fino alla sicurezza sul lavoro e all'assistenza pediatrica. Sono dati eterogenei, esattamente come è eterogenea la sanità. Orientarsi e trovare il percorso giusto in questa complessità in realtà è il compito più importante nelle mani di una direzione strategica di un azienda sanitaria".

"Gli indicatori pugliesi su cui si registra un miglioramento sono assai superiori rispetto a quelli in cui c'è uno stallo o un leggero peggioramento". Lo ha detto la rettrice della Scuola Sant'Anna di Pisa, professoressa Sabina Nuti che ha proseguito: "le regioni che si sono dotate di un sistema di valutazione trasparente, con indicatori resi pubblici sul web e condivisi con i valutati, sono regioni che migliorano molto di più di quelle che non sono dotate di sistemi di questo tipo. Le regioni del sud come Basilicata e Puglia hanno messo il turbo negli ultimi anni e sono migliorate molto di più delle regioni del centro-nord che naturalmente partivano da situazioni di migliore performance. La Puglia è riuscita sicuramente a rimettere equilibrio nei diversi setting assistenziali, per esempio nel ruolo dell'ospedale. Prima aveva una ospedalizzazione molto elevata, si andava in ospedale per cose inutili, queste prestazioni ad alto rischio di inappropriatezza sono state veramente ridotte in modo significativo e la Puglia in questo campo ha raggiunto le regioni best in practice." Il Laboratorio Sant'Anna ha nel pomeriggio presentato alcune buone pratiche regionali e la Puglia è stata indicata best practice nazionale per la comunicazione web in sanità. Portale Salute, portali aziendali, servizi online, trasparenza, semplicità e accesso agli stessi si sono dimostrati i migliori tra le Regioni del network.
  • Emiliano
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Al via Agrilevante, rassegna biennale internazionale Al via Agrilevante, rassegna biennale internazionale Dedicata alle macchine e alle tecnologie per l'agricoltura,
Che ci siano altri mille anni di acqua pubblica in Puglia Che ci siano altri mille anni di acqua pubblica in Puglia Emiliano alla presentazione delle iniziative per centenario acqua pubblica
Non ci sono ospedali chiusi ma solo trasformati. Non ci sono ospedali chiusi ma solo trasformati. Emiliano visita il Presidio Post Acuzie di Canosa
Emiliano a Canosa al Presidio Post-Acuzie Emiliano a Canosa al Presidio Post-Acuzie Per la presentazione delle due nuove sale operatorie dedicate al day service chirurgico.
Il nuovo info-point nel porto di Bari Il nuovo info-point nel porto di Bari Emiliano e Capone all'inaugurazione
A Lino Banfi e  Michele Emiliano il Premio "Vigna d'Argento" A Lino Banfi e Michele Emiliano il Premio "Vigna d'Argento" A Roma, la cerimonia nella "Sala della Regina" di Montecitorio
Reference Sites :la Puglia  insignita con quattro stelle Reference Sites :la Puglia insignita con quattro stelle Eccellenza europea per le politiche e gli interventi per l'invecchiamento
Il bello del nostro Rifiuto io lo uso Il bello del nostro Rifiuto io lo uso Nella Fiera del Levante, presentato il progetto di educazione ambientale nelle scuole
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.