Francesco Ventola 10
Francesco Ventola 10
Amministrazioni ed Enti

Presidente Ventola su protesta Province interruzione riscaldamento nelle scuole

In questa occasione non arrecheremo alcun disagio ai nostri studenti ed alle nostre scuole. Tagli agli enti locali stabiliti dal Governo nazionale con la spending review

Elezioni Regionali 2020
«Le scuole provinciali al freddo? Condivido i contenuti della protesta, ma nella Bat non creeremo alcun disagio».
Così il Presidente della Provincia di Barletta - Andria - Trani, in merito all'iniziativa lanciata dal Presidente dell'Upi Antonio Saitta, secondo cui le Province si ritroverebbero presto costrette a spegnere il riscaldamento nelle scuole per far fronte agli ingenti tagli agli enti locali stabiliti dal Governo nazionale con la spending review.

«La controffensiva del nuovo Presidente del'Upi Antonio Saitta, cui giungano i miei migliori auguri per l'importante incarico ricevuto, è sacrosanta - prosegue Ventola -. Con la spending review il Governo nazionale ha tagliato ben 500milioni di euro alle Province, di cui 1,7milioni solo alla Barletta - Andria - Trani. Numeri incontrovertibili che di fatto rappresentano una tremenda mazzata per tutti, quasi a volerci impedire di operare. Come volevasi dimostrare, il riordino delle Province voluto dal Governo si traduce nel sottrarre servizi che questi enti erogano ai cittadini: lo abbiamo sempre detto ed oggi lo ribadiamo. Ciononostante - prosegue Ventola - in questa occasione non arrecheremo alcun disagio ai nostri studenti ed alle nostre scuole. La nostra, infatti, è una Provincia giovane, che in questi hanno ha saputo gestire le proprie risorse con oculatezza e parsimonia: pertanto, almeno per il prossimo anno, nessuna scuola di nostra proprietà rimarrà priva di riscaldamento».

Ufficio Stampa Provinciale
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.