Raccolta rifiuti porta a porta
Raccolta rifiuti porta a porta
Associazioni

Pago per quanto rifiuto indifferenziato produco

La CNA scrive ai parlamentari della BAT

Con una lettera aperta, la CNA Provinciale Barletta Andria Trani, a firma del presidente Michele De Marinis, si rivolge ai parlamentari della sesta provincia pugliese in quanto "Troppi comuni disattendono le norme nazionali sullo smaltimento dei rifiuti. Ed, il Ministero dell'Ambiente emani il decreto atteso da venti anni per evitare che le imprese paghino illegittimamente migliaia di euro" . L'accorato appello inizia così : """La Tari è l'emblema di un Paese a "macchia di leopardo", in cui si procede tra norme nazionali disattese da parte dei comuni e illegittime richieste di pagamento indirizzate dagli stessi Comuni a molte imprese,anche per migliaia di euro, che vedono in questa tassa esclusivamente uno dei tanti mezzi per "fare cassa". Tale situazione, invece, potrebbe essere risolta attraverso l'emanazione del decreto, previsto dal Codice Ambientale ed atteso da venti anni, che determina i criteri per l'assimilazione dei rifiuti delle imprese a quelli delle famiglie. In assenza di tale decreto, i Comuni hanno fatto un utilizzo improprio del principio di assimilazione, riportando quanto più possibile all'interno della gestione pubblica i rifiuti speciali prodotti dalle imprese e, conseguentemente, applicando a queste la Tari."""

Nell'appello ai parlamentari della provincia Barletta Andria Trani viene espressa la richiesta :"""Per porre termine a tale stato di disagio, la CNA BAT CHIEDE un vostro personale intervento presso il Ministero dell'Ambiente, affinché venga al più presto emanato il decreto di assimilazione, che farebbe finalmente chiarezza in una materia in cui manca una uniformità di comportamento sul territorio, rispettando i limiti quali-quantitativi all'assimilazione previsti dalla disciplina ambientale e, soprattutto, riconoscendo per le imprese il principio fondamentale di libertà nella scelta del metodo di smaltimento dei rifiuti, senza l'obbligo di smaltirli nella sfera della privativa comunale, a salvaguardia dell'ambiente e delle stesse imprese. Chiediamo inoltre che venga per legge stabilito l'obbligo di applicare la tariffa puntuale, secondo il principio ' pago per quanto rifiuto indifferenziato produco.""" Inoltre a conclusione: """Si sollecita , infine, l'approvazione del Disegno di Legge che prevede lo SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE, quando all'interno del territorio comunale non è assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alla percentuale minima stabilita per legge, in modo da responsabilizzare gli amministratori locali, e dare la possibilità a tutti i cittadini di non vedere quotidianamente minacciati i loro diritti sociali e individuali e la loro qualità della vita, dagli effetti negativi di un sistema di gestione dei rifiuti inadeguato ed inefficiente."""
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.