Reperti Archeologici
Reperti Archeologici
Cronaca

Maxi sequestro di reperti storici e archeologici

L'operazione dei Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale

Nell'ambito di una vasta ed articolata campagna di controllo delle vendite on-line di reperti archeologici e di beni di antiquariato, i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari hanno deferito 27 persone per reati quali ricettazione, impossessamento illecito di beni culturali, alienazione illecita di beni culturali e detenzione abusiva di armi antiche. dettagli dell'operazione sono stati illustrati questa mattina dal maggiore Giovanni Di Bella nella sala conferenze del Castello Svevo di Bari. I deferiti, perlopiù professionisti (medici, avvocati, imprenditori e antiquari) utilizzavano le piattaforme di "e-commerce" per commercializzare pregiati pezzi di antiquariato, importanti reperti o frammenti archeologici, che spesso erano custoditi in lussuosi appartamenti messi in vendita attraverso agenzie immobiliari. L'attività dei militari del Comando Tutela Patrimonio Culturale, avviata negli ultimi sei mesi del 2019, si è sviluppata attraverso l'attento monitoraggio web dei siti dedicati alle compravendite di oggetti d'arte e di quelli relativi alle compravendite di immobili..La maggior parte dei reperti è stata sequestrata a Bari; un gran numero dei pezzi oggetto dell'operazione proveniva da scavi clandestini e dall'attività illecita dei cosiddetti "tombaroli". Il lavoro dei militari dell'Arma ha consentito il recupero di 140 reperti archeologici databili tra il III ed il IV sec. a.C., circa 200 frammenti (prevalentemente parti di corredi funerari provento di scavi clandestini) e 30 armi antiche, tra cui spicca un cannone del XVI sec. I preziosi oggetti rinvenuti, dopo le attività tecniche che ne hanno stabilito l'autenticità, sono in attesa del provvedimento di confisca che li farà entrare nel Patrimonio Culturale dello Stato.



  • Comando Carabinieri Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Bari
Altri contenuti a tema
Un "tesoro archeologico" rientrato in Italia Un "tesoro archeologico" rientrato in Italia I dettagli dell'operazione dei Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale
Fare luce. reperti unici in mostra Fare luce. reperti unici in mostra Due esposizioni al Castello Svevo di Bari per le Giornate Europee dell’Archeologia 2021
Reperti archeologici restituiti al patrimonio culturale nazionale Reperti archeologici restituiti al patrimonio culturale nazionale Il Nucleo Carabinieri TPC di Bari rende noti i risultati dell’attività operativa del 2020
Reperti archeologici  in vendita on line Reperti archeologici in vendita on line L’operazione dei Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Bari, coordinati dalla Procura della Repubblica
L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari Presentati i risultati dell’anno 2019
Denunciato un rumeno per ricettazione di reperti archeologici   Denunciato un rumeno per ricettazione di reperti archeologici   Rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri di Andria
Dipinti falsi attribuiti al maestro “Nino Caffè" Dipinti falsi attribuiti al maestro “Nino Caffè" Scoperta dai Carabinieri un’associazione per delinquere finalizzata alla realizzazione e commercializzazione
I 'Tombaroli'  continuano a saccheggiare i piccoli siti archeologici I 'Tombaroli' continuano a saccheggiare i piccoli siti archeologici Operazione dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.