Carabinieri  Sequestri di biciclette elettriche “elaborate”
Carabinieri Sequestri di biciclette elettriche “elaborate”
Cronaca

La pericolosità delle bici elettriche

FAREAMBIENTE PUGLIA "Il Governo intervenga sulla regolamentazione all’uso con maggiori controlli"

Elezioni Regionali 2020
Fermo restando che va sostenuto ed implementato il progetto dell'eco-mobilità urbana anche dal punto di vista ambientale, il tragico incidente mortale accaduto recentemente sulla Andria-Barletta che ha visto spezzate, purtroppo, la vita di tre ragazzi che viaggiavano su una bici elettrica, evidenzia la problematica sull'utilizzo e sulla pericolosità di tali mezzi circolanti sulle nostre strade. L'ultimo dato Istat disponibile risalente al 2018, rivela che le persone decedute in sinistri stradali che hanno riguardato le biciclette sono state 222. Un dato questo che va attenzionato soprattutto alla luce dell'incremento esponenziale determinato dall'acquisto e dall'uso di bici elettriche cosiddette a pedalata assistita unitamente ai recentissimi monopattini. Stiamo assistendo quotidianamente al preoccupante uso indisciplinato di tali mezzi, in particolare, da parte di adolescenti che scorrazzano per le strade delle nostre città incuranti delle conseguenze generate dal mancato rispetto delle minime regole comportamentali dettate dal codice della strada, mettendo a rischio la propria incolumità e quella altrui. La recrudescenza di simili comportamenti e le gravi violazioni al codice della strada oltre che del mancato rispetto delle ordinanze emesse dai sindaci che interdiscono ad esempio le aree destinate al passeggio e/o pedonali o parchi a verde è diventata preoccupante. Per queste ragioni vanno adottati seri provvedimenti di controllo e regolamentazione di tale mobilità in modo costante. Il rischio che si corre seriamente è quello che si radichi nell'immaginario degli adolescenti, il concetto che violare le norme comportamentali è la regola non comportando conseguenze sanzionatorie.

Per queste ragioni facendo proprie le osservazioni che quotidianamente tanti cittadini manifestano sulla circolazione spericolata delle bici elettriche che, di fatto, hanno ormai sostituito i ciclomotori ma senza l'obbligo del patentino di guida e dell'assicurazione, si fa rilevare che è diventato fondamentale avviare un percorso formativo ed educativo sull'uso ragionevole di questi mezzi oltre a dover pianificare, giornalmente, i necessari controlli che possano mettere un freno alle continue e pericolose trasgressioni delle norme al codice della strada, alle quali, purtroppo, assistiamo quotidianamente. Oltre al fatto che l'uso delle bici elettriche andrebbe normato tenendo conto anche dell'età dei ciclisti e della propria e altrui sicurezza, per la quale andrebbe introdotto l'obbligo dell'educazione stradale oltre che dell'assicurazione sia per il rischio civile che per danni a terzi. L'importanza di avviare corsi di educazione stradale e di sensibilizzazione ad un comportamento consapevole nelle scuole coinvolgendo le stesse famiglie e le istituzioni locali, diventa fondamentale non solo per cambiare l'approccio culturale all'uso di tali innovativi e pericolosi mezzi di locomozione elettrici ma anche per sviluppare il concetto della responsabilizzazione civile sui rischi che l'uso indisciplinato o scorretto di tali mezzi possono provocare. Per queste ragioni anche il Governo deve farsi carico di tale problematica per normare efficacemente l'uso di questi mezzi alternativi ai ciclomotori.
Benedetto Miscioscia - Coordinatore regionale FAREAMBIENTE PUGLIA
  • FareAmbiente
Altri contenuti a tema
Una festa non può trasformarsi in tragedia Una festa non può trasformarsi in tragedia Contro botti e fuochi d'artificio, interviene Roberto Miscioscia di "FAREAMBIENTE"
Fatti concreti per la gestione del ciclo dei rifiuti Fatti concreti per la gestione del ciclo dei rifiuti La nota di Benedetto Miscioscia del Movimento Ecologico Europeo FareAmbiente,
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.