Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

La maturità si avvicina tra i banchi di scuola

I giovani studenti si preparano alla prova più attesa. Il caldo torrido dell'estate arriva agli sgoccioli dell'Esame di Stato

Il caldo torrido dell'estate arriva agli sgoccioli dell'Esame di Stato e fa sgocciolare le madide fronti dei giovani studenti. Il lettino da spiaggia è di certo più confortevole di quello su cui si fanno gli incubi pre-esame. "Io gli studi leggiadri, talor lasciando, e le sudate carte…vo sognando"; la corsa al toto-traccia è ormai in dirittura d'arrivo e, il più delle volte, il traguardo rivela la sua falsità, lasciando i maturandi nella più disperata confusione.

Quest'anno si parla di un cerimonioso D'Annunzio, di un popolare Saba, di un ermetico Ungaretti o di un Calvino visionario; quotato anche Montale, ma è riuscito ad aprirsi un varco l'anno scorso. La scelta del Dicastero, presa da febbraio, ricade spesso su autori accessibili per Licei e Tecnici, e brani non molto conosciuti, in modo da dare spazio al commento personale del maturando. I saggi brevi e il tema dipendono da aspetti sociologici e dalle ricorrenze: sono quotati l'approfondimento sul femminile, sulla sostenibilità (il 2013 è stato battezzato l'anno europeo contro lo spreco) e su Internet (la rete compie 30 anni). Ma l'ansia da prima prova è nulla se confrontata con le prove di matematica, fisica, greco e con il temuto quizzone. Una volta bocciate le prove Invalsi per la Maturità 2013, ciò che conta è l'elasticità contenutistica di tutto quel che è stato appreso in cinque anni, saperlo amalgamare con i propri pensieri, e impiattarlo in maniera appetibile.

Sono piccole prove culinarie: ci vuole manualità linguistica, abilità tecnica, creatività personale e una presentazione che si lasci gustare anche dai palati più diffidenti dei commissari esterni. Rem tene, verba sequentur: bigliettini a prova di diottrie, cinture di sicurezza, mini bobine che si srotolano dalle penne, orologi suggeritori, disposizione dei banchi da 007, passaparola simili al telefono senza fili sono i più comuni espedienti, ma spesso si rivelano utili solo relativamente se manca una bella e solida preparazione.

Tappa di vita sofferta per molti, indifferente per tanti, odiata per altri. "Vadano come vogliono andare questi esami, l'importante è che finiscano presto" è la frase più pronunciata dai maturandi del 2013 che, quanto meno, hanno potuto trasformare un anomalo maggio di maltempo e frescura in una condizione di studio favorevole, prima che la vera estate inizi.
Allora in bocca al lupo ragazzi!
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.