Camposanto di Canosa
Camposanto di Canosa
Religioni

La commemorazione dei fedeli defunti ai tempi del Covid

Le disposizioni per le messe nei cimiteri

Considerando l'avvicinarsi della commemorazione dei fedeli defunti Mons. Luigi Mansi, Vescovo della Diocesi di Andria, ha inviato a tutti i sacerdoti e fedeli una nota contenente indicazioni per quanto riguarda le celebrazioni delle Sante Messe nelle cappelle private e/o confraternali, atteso che non sarà possibile mantenere il necessario distanziamento sociale previsto dalle misure di contrasto e contenimento dell'emergenza Coid-19.
«Carissimi Confratelli Presbiteri,
Vi informo che quest'anno, per motivi contingenti dovuti all'attuale situazione nazionale della pandemia, non sarà possibile celebrare le sante Messe nelle cappelle delle Arciconfraternite il 2 novembre prossimo e durante tutto l'ottavario. Vi chiedo pertanto di invitare i fedeli a partecipare alla Messa nelle proprie parrocchie sia il 2 novembre, sia durante tutto l'ottavario, sempre nel rispetto delle norme stabilite per le celebrazioni nelle Chiese. Sono possibili i pellegrinaggi al cimitero con la partecipazione di un massimo di 30 persone e nel rispetto del distanziamento sociale e forniti di mascherina».

La tradizione della Chiesa ha sempre esortato a pregare per i defunti, in particolare offrendo per essi la Celebrazione eucaristica. «La Chiesa pellegrinante sulla terra, ben consapevole di questa comunione di tutto il Corpo Mistico di Gesù Cristo, fino dai primi tempi della religione cristiana ha coltivato con grande pietà la memoria dei defunti» (Lumen Gentium, 50).

«Il ricordo dei defunti, -ci ricorda Papa Francesco- la cura dei sepolcri e i suffragi sono testimonianza di fiduciosa speranza, radicata nella certezza che la morte non è l'ultima parola sulla sorte umana, poiché l'uomo è destinato ad una vita senza limiti, che ha la sua radice e il suo compimento in Dio». "Ascolta, o Dio, la preghiera che la comunità dei credenti innalza a te nella fede del Signore risorto, e conferma in noi la beata speranza che insieme ai nostri fratelli e alle nostre sorelle defunti risorgeremo in Cristo a vita nuova".
  • Mons. Luigi Mansi
  • Diocesi di Andria
Altri contenuti a tema
San Sabino: Uomo di Dialogo San Sabino: Uomo di Dialogo On line "Il CAMPANILE" N.4 Luglio/Agosto 2021
Il ministro  Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria Il ministro Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria A Trani per il Comando Provinciale di Arma dei Carabinieri e Barletta della Guardia di Finanza
Felici per la nomina di Don Gianni a Vescovo di Avezzano Felici per la nomina di Don Gianni a Vescovo di Avezzano Gli auguri di Francesco Ventola, consigliere regionale di Fratelli d’Italia
Don Salvatore Sciannamea, rettore dell’Abbazia del Goleto Don Salvatore Sciannamea, rettore dell’Abbazia del Goleto Nuove nomine nelle parrocchie e incarichi nella Diocesi di Andria
Don Giovanni Massaro, il nuovo vescovo di Avezzano Don Giovanni Massaro, il nuovo vescovo di Avezzano L'annuncio è stato dato a mezzogiorno  dalla sala stampa Vaticana
Esperti in umanità Esperti in umanità i seminaristi di teologia e Mons. Mansi in Casa Accoglienza
L’altare non è un palcoscenico L’altare non è un palcoscenico Da Mons. Luigi Mansi un richiamo forte al rispetto delle norme vigenti
Canosa: Via libera alla festa patronale Canosa: Via libera alla festa patronale Le dichiarazioni del sindaco Morra dopo l'incontro in Prefettura
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.