Fiume Ofanto
Fiume Ofanto
sport

L'ambiente naturale come palestra-laboratorio

PaleSTRANAtura fa tappa sul Ponte romano

Dopo Trinitapoli, Canne della Battaglia, Margherita di Savoia fa tappa a Canosa di Puglia(BT) il progetto "PaleSTRANAtura 2018", promosso dal CONI Regionale Puglia, in collaborazione con la delegazione provinciale BAT volto a incrementare l'attività sportiva in ambiente naturale. Il progetto che ha coinvolto le scuole e le associazioni dei Comuni di Trinitapoli, Barletta, Spinazzola, Minervino, Margherita di Savoia e Canosa di Puglia ha dato l'impulso alla pratica di diverse discipline sportive in habitat naturalistici di notevole interesse e bellezza ambientale. Conciliare la pratica dello sport per tutti con il rispetto della natura attraverso un approccio per perseguire obiettivi: l'utilizzo dell'ambiente naturale come palestra-laboratorio di diverse discipline sportive; la sostenibilità di attività in outdoor che non prevede l'impiego di grandi impianti, l'educazione ambientale e la conseguente riduzione del consumo delle risorse; l'educazione alla pratica sportiva sostenibile attraverso uno stile di vita attivo sin dalla giovane età, come sana abitudine finalizzata al rispetto dell'ambiente. In questo contesto corsa campestre, mountain bike, orienteering, tiro con l'arco e nordic walking sono le discipline proposte per il contatto diretto con la natura. Il 18 e 20 maggio, il Ponte romano sul fiume Ofanto di Canosa di Puglia, sarà la location delle attività del progetto "PaleSTRANAtura 2018".

Tra le prime anticipazioni comunicate dal professor Riccardo Piccolo fiduciario del CONI, riguardano le attività sportive che venerdì 18 maggio saranno riservate alle classi V della scuola primaria a partire dalle ore 9,00 alle ore 12,30 con la pratica del tiro con l'arco, di discipline acquatiche, mountain bike, equitazione, nordic walking. Mentre, domenica 20 maggio potrà partecipare la comunità adulta per cimentarsi nelle stesse prove sportive degli studenti alunni con la possibilità di visitare i siti archeologici presenti in loco. Il Ponte romano posto sul tracciato della via Traiana, ha consentito per molti secoli il collegamento tra Canosa e la Daunia, favorendo il superamento del fiume Ofanto. E' situato a circa tre chilometri dal centro di Canosa di Puglia e si presenta con la sua imponente struttura a schiena d'asino, poggiata su una collaudatissima opera di pianificazione ricavata con legno di quercia ricoperto di calcestruzzo. Si articola in cinque arcate a tutto sesto, sorrette da enormi pilastri terminanti a cuspide. Ai piedi del ponte vi è una passerella in cemento costruita nel periodo della seconda guerra mondiale, per consentire il passaggio ai cingolati. L'anno scorso il Ponte Romano sull'Ofanto si è classificato all'ottavo posto della classifica del censimento FAI (Fondo per l'Ambiente Italiano) finalizzato a scegliere i "Luoghi del Cuore", le bellezze da tutelare e far conoscere in Italia e nel mondo.
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.