Salvatore Paulicelli e la sua classe del 1967
Salvatore Paulicelli e la sua classe del 1967
Vita di città

Grazie scuola! Grazie società! Grazie mondo!

Salvatore Paulicelli parla del ritorno a scuola con la sua classe

E' stata una giornata memorabile quella di sabato scorso che ha visto protagonisti alcuni studenti del 1967 che hanno incontrato e salutato le nuove leve scolastiche e i docenti presso il Liceo Enrico Fermi e la scuola primaria "Enzo De Muro Lomanto" di Canosa di Puglia(BT). I social hanno immortalato i momenti salienti del "tuffo nel passato e nel futuro per costruire insieme un mondo fatto di idee, solidarietà e conoscenza" come hanno sostenuto gli ideatori di questa iniziativa "amarcord" di grande emozioni. Con un post su Facebook, l'ex sindaco di Canosa, Salvatore Paulicelli, tra i promotori dell'iniziativa, ha riepilogato e ringraziato quanti hanno preso parte al rendez-vouz e soprattutto tutti coloro che hanno reso calorosa l'accoglienza con applausi e abbracci.. """Il meeting del V Liceo Scientifico del 1967 a Canosa di sabato 11 maggio 2019 è passato da qualche giorno e per tutti noi, ragazze e ragazzi del '48, è stato un grande evento che rimarrà per sempre nella nostra memoria""". E' la prima dichiarazione del post di Salvatore Paulicelli che vive a Roma: """Siamo tornati tutti, i superstiti, da Roma, da Pavia, da Como, da Verona, dal Piemonte, dal Veneto, dall'Emilia Romagna, per stare insieme e per dare un segnale di continuità alla scuola e alle generazioni che si inseguono. È stato un viaggio nei luoghi della nostra adolescenza, Canosa, negli spazi fisici in cui abbiamo imparato a vivere, l'aula della scuola elementare De Muro Lomanto, allora Santa Lucia, prestataci per far nascere il Liceo Scientifico a Canosa, la presenza e l'appello della nostra mitica professoressa, Ada Affatato, che ci ha chiamati uno per uno, abbracciati e donato una barretta di cioccolato fondente, a noi che abbiamo 70 anni, dall'alto dei suoi 94""".

Poi passa ai dettagli della giornata a Canosa: """E subito dopo all'Enrico Fermi, l'incontro nel tempo presente, con gli studenti della V A per parlare della 'nuova scuola' e della 'vecchia scuola', la nostra, quella dei figli del dopo guerra e della Costituzione. I nostri genitori credevano nella scuola, nella cultura, negli insegnanti perché vedevano nel "sistema" la leva per l'emancipazione e la promozione sociale. La scuola oggi è ancora più importante e il suo ruolo fondamentale, con docenti,famiglie e studenti, che devono affrontare la complessità di un mondo in forte movimento. Siamo felici dell'accoglienza straordinaria, gioiosa, affettuosa e piena di modernità insieme a tanta voglia di futuro. Straordinario e commovente l'incontro multicolori con bimbe e bimbi organizzato dalla Dirigente Nadia Landolfi con le insegnanti. Persino un mini Sindaco e un mini Presidente del Consiglio. Incandescente il nostro ingresso allo Scientifico Enrico Fermi con gli applausi di studenti e studentesse dalle finestre dei piani delle aule. Anche qui la Dirigente Nunzia Silvestri con la professoressa Lisa Lafaenza, la conosco da bambina, ci hanno dato gioia ed emozioni organizzandoci un incontro denso e costruttivo con queste splendide e splendidi ragazzi del terzo millennio""". Rivolgendosi agli studenti Salvatore Paulicelli conclude """A questo futuro e a questo mondo che cambia vogliamo contribuire anche noi. Grazie ragazzi e ragazze, grazie alle Dirigenti, grazie alle docenti. Insomma a distanza di 52 anni da quel lontano 1967, da quella che fu la nostra 'classe' urliamo - solo per far sentire - grazie scuola, grazie società, grazie mondo. """"
Ritorno al Liceo E.Fermi di CanosaSalvatore Paulicelli a CanosaSalvatore Paulicelli e la professoressa Ada AffatatoV Liceo 1966-67
  • Liceo E.Fermi
Altri contenuti a tema
Il Liceo "E. Fermi" vince il "Premio ScriViamo" Il Liceo "E. Fermi" vince il "Premio ScriViamo" La cerimonia di consegna al Giffoni Film Festival
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.