Emiliano ad Altamura
Emiliano ad Altamura
Cronaca

Emiliano ricorda Domi Martimucci

Aveva quella personalità in grado di inventare sempre qualcosa

Elezioni Regionali 2020
Questa mattina, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha partecipato nel Teatro Mercadante di Altamura(BA) alla giornata della memoria dedicata a Domenico Martimucci, calciatore di 26 anni, che il 5 marzo dello scorso anno ha perso la vita nell'attentato dinamitardo in una sala giochi. "In una giornata come questa il dolore si ravviva - ha detto Emiliano, rivolgendosi ai tanti partecipanti dell'evento - ma ha anche un aspetto pieno di dolcezza, che abbiamo rivissuto attraverso l'affetto degli amici dell'associazione che porta il nome di Domi. È una giornata piena di rabbia, per la ignobile stupidità di chi ancora compie una scelta di vita criminale ed è totalmente incapace di prevedere le conseguenze delle proprie azioni. Questo per me rappresenta tutto ciò che di peggio ci possa essere in un essere umano. E se è vero che la pietà è possibile anche nei confronti del più stupido degli esseri umani, in questo caso è davvero difficile provarla. Mi auguro che la comunità di Altamura, grazie a Domi, sappia scegliere chiaramente da che parte stare. Domi svolgeva un ruolo particolare, si faceva carico della squadra quando le cose non giravano. Era un numero dieci, lui aveva quella personalità in grado di inventare sempre qualcosa per supplire alle mancanze. Quando non esiste più un singolo, può esistere un gruppo che fa da numero dieci. E qui oggi siamo in tantissimi".

"L'associazione Noi Siamo Domi - ha proseguito il presidente - è importantissima e deve elaborare una strategia contrapposta a quella che ha portato alla morte di Domenico. Fare la lotta alla criminalità organizzata, in senso non repressivo, non è semplice. Bisogna andare scuola per scuola, luogo per luogo, nei circoli, a spiegare che, anche se campare onestamente è duro e le differenze e le ingiustizie della nostra società sono enormi, la risposta non può essere quella di impugnare un'arma, far detonare un ordigno o alimentare organizzazioni criminali. Chi fa il mafioso finisce al cimitero o in galera, e questa è già una tragedia. Ma che poi questa gente spezzi la vita a una persona meravigliosa, uno sportivo pieno di progetti e futuro come Domi, è del tutto inaccettabile. Tutte le persone che sono qui devono prendere l'impegno a liberare Altamura da gentaglia capace di atti del genere. Devono fare un giuramento, con quella stessa determinazione, semplice e ineluttabile, che Domi ha messo nella sua vita". Al teatro Mercadante, insieme al presidente Emiliano, sono intervenuti il vice ministro dell'Interno Filippo Bubbico, il prefetto di Bari Carmela Pagano, il sindaco di Altamura Giacinto Forte, il vescovo di Altamura mons. Giovanni Ricchiuti, i presidenti di Confcommercio Bari, Sandro Ambrosi, e di Altamura, Tonia Massaro, il coordinatore regionale FAI Renato De Scisciolo, l'associazione "Noi siamo Domi", Rita Borsellino,in collegamento skype.
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.