Nicola Stufano, Pietro Spera,Cosimo Cannito, Maria Stea
Nicola Stufano, Pietro Spera,Cosimo Cannito, Maria Stea
Eventi e cultura

Donazione di midollo osseo: "Esempio autentico di solidarietà e altruismo"

Encomio pubblico al finanziere Pietro Spera

"Per la generosa donazione di midollo osseo, esempio autentico di solidarietà e altruismo". Sono le parole di encomio e pubblico riconoscimento scritte sulla targa donata dal sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, al finanziere barlettano Pietro Spera, il cui merito è di avere salvato la vita a una persona con una donazione di midollo osseo. Insieme a Spera c'erano anche la presidente dell'Admo regionale, l'Associazione donatori di midollo osseo, Maria Stea, e il tenente colonnello della Guardia di Finanza Nicola Stufano. Entrambi hanno speso parole di grande apprezzamento nei confronti di Pietro Spera e di come non abbia fatto pesare né sul lavoro né nella sua vita, la decisione di quella donazione. La presidente Stea ha altresì sottolineato che donare il midollo, con i dovuti e necessari requisiti, sia un gesto alla portata di tutti. "Questa targa – ha detto il sindaco Cannitoè un riconoscimento pubblico per la tua capacità di offrirti agli altri, una condotta da rimarcare e premiare per il suo alto valore esemplare".

Il trapianto di midollo osseo o trapianto delle cellule staminali emopoietiche che possono essere raccolte dal midollo osseo o dal sangue periferico - può rappresentare l'unica opzione terapeutica per i pazienti colpiti da talassemie, leucemie, linfomi, mielomi e, in alcuni casi, tumori solidi e malattie autoimmuni. Si tratta dunque di un gesto di solidarietà che può salvare una vita e che non compromette in alcun modo la salute dei donatori. Sono diverse le condizioni che portano all'esclusione dall'arruolamento nell'elenco dei possibili donatori di midollo osseo: malattie cardiovascolari (aritmie, gravi alterazioni della pressione arteriosa), respiratorie (asma, bronchite cronica in trattamento), gastrointestinali (morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa), autoimmuni (lupus, tiroidite autoimmune, artrite reumatoide, connettiviti indifferenziate), del sistema nervoso centrale (epilessia), tutti i tumori (anche una volta guariti), problemi nella coagulazione (come l'emofilia) e psichiatrici (se in trattamento). Non è inoltre possibile diventare donatori durante la gravidanza, se si è alcolisti, se si hanno comportamenti sessuali a rischio e se si assumono sostanze stupefacenti. Si può essere chiamati a svolgere il compito di donatori fino all'età di 55 anni, sempre che ci si sia iscritti al registro in età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il limite dei 55 anni, introdotto a tutela del donatore e del paziente, non vale per i donatori familiari, che possono donare anche se hanno un'età superiore.
  • Guardia di finanza
  • Donazione midollo osseo
Altri contenuti a tema
Abbonamenti pirata alla Pay Tv: denunciate 223 persone Abbonamenti pirata alla Pay Tv: denunciate 223 persone L'operazione del Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza
MotoForPeace: in missione in Sud America MotoForPeace: in missione in Sud America L'itinerario e le comunità scelte insieme al Dicastero per lo sviluppo umano ed integrale del Vaticano,
Guardia di Finanza : concorso pubblico, per titoli ed esami Guardia di Finanza : concorso pubblico, per titoli ed esami Reclutamento di 66 allievi ufficiali
False cartelle esattoriali:"Operazione Ghost Folders" False cartelle esattoriali:"Operazione Ghost Folders" La Guardia di Finanza individua famiglia barese dedita alle truffe
Guardia di Finanza :Tecnico di Soccorso Alpino (S.A.G.F.) Guardia di Finanza :Tecnico di Soccorso Alpino (S.A.G.F.) Pubblicato il bando di concorso per il reclutamento di n. 33 Allievi
Il Generale  Francesco Mattana al Comando Regionale “Puglia” della Guardia di Finanza Il Generale Francesco Mattana al Comando Regionale “Puglia” della Guardia di Finanza Stamani la cerimonia di avvicendamento
Contrasto al crimine: cooperazione, condivisione, innovazione e conoscenza Contrasto al crimine: cooperazione, condivisione, innovazione e conoscenza A Bari, la quinta conferenza regionale sulla cooperazione internazionale di polizia
Cooperazione internazionale per il law enforcement italiano Cooperazione internazionale per il law enforcement italiano A Bari, quinta conferenza regionale
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.