Frodi polizze assicurative
Frodi polizze assicurative
Territorio

Dai sinistri alla stipula delle polizze assicurative on line

Chi froda le assicurazioni è un parassita. Frodi con gli aumenti di premio assicurativo


La frode assicurativa non è solo un costo da iscrivere nei bilanci delle imprese di assicurazione ma è soprattutto un costo per tutti noi consumatori che paghiamo le assicurazioni, perché le imprese di assicurazione ci fanno ripagare le frodi con gli aumenti di premio assicurativo!

Le imprese di assicurazione sono pur sempre imprese private che hanno strettissimi vincoli nella costituzione di riserve e margini per essere sempre finanziariamente solide e solvibili: far ripagare le frodi e recuperare i costi è essenziale alla stabilità del sistema Paese ed è quasi un obbligo se vogliamo che l'impresa ci garantisca "protezione".

Non sono allora le Compagnie assicurative le vere vittime delle frodi assicurative ma siamo noi cittadini tutti che continuiamo a pagare gli aumenti soprattutto per l'assicurazione auto e che spesso, troppo spesso, sappiamo e tacciamo di fronte a chi si compiace di aver "fregato" le compagnie: l'amico, che ha ricevuto dei soldi per un sinistro mai accaduto o soldi in più per un sinistro veramente accaduto, non è un furbo ma un parassita. E' un parassita perché si fa finanziare da noi con i soldi pagati per l'assicurazione l'anno prima e forse anche con i soldi che pagheremo l'anno dopo la frode, se la compagnia di assicurazione aveva sottovalutato i furbi, ovvero i maggiori costi.

Purtroppo sappiamo dalle cronache che anche Canosa di Puglia si può annoverare tra le Città che nel Sud Italia sono vittime di frodi ma non possiamo continuare a dire che è responsabilità di gente disonesta allorché ci rendiamo complici del malcostume affidandoci a "gente" che non ha "titolo" per gestire i sinistri e per intermediare assicurazioni. La Legge impone professionalità agli intermediari assicurativi, agenti di assicurazione, broker e collaboratori (cosiddetti subagenti), e la professionalità non si inventa e neppure si costruisce in un giorno per il semplice fatto di avere un locale con una bella vetrina!

Nella speranza che le Forze dell'Ordine e le Autorità Giudiziarie provvedano non solo ad arginare il fenomeno delle frodi nei sinistri ma a debellarlo con l'aiuto di coloro che non vorranno più prestare il fianco ai furbi, purtroppo dobbiamo segnalare un'altra grave anomalia se non frode di cui siamo sempre più inconsapevolmente vittime: le polizze stipulate on line per il tramite di persone abusive che, oltre a non avere i requisiti previsti dalla legge per intermediare assicurazioni on line, percepiscono anche un maggior costo rispetto al premio sotto la voce "consulenza" non avendone alcun diritto.

La Legge e l'Isvap (Istituto di vigilanza delle imprese di assicurazioni) nell'ambito della protezione degli assicurati e dell'interesse generale chiariscono bene "chi può fare cosa in ambito assicurativo" prevedendo stretti requisiti di professionalità e iscrizione ad un Albo, detto RUI, per essere controllati dall'Isvap. Chi esercita la professione assicurativa a titolo oneroso deve essere iscritto al RUI pena sanzioni amministrative e penali per esercizio abusivo della professione.

Ma il legislatore ci protegge ancor di più quando impone agli intermediari, nel momento cui in cui il cliente assicurato stipula il contratto (al pagamento premio), il rilascio dell'informativa precontrattuale fra cui il modello 7B. Attraverso questa informativa possiamo sapere chi è l'intermediario che ci stipula la polizza, se ha i requisiti di Legge per farlo, che rapporti ha con le Compagnie e quanto guadagna in termini provvigionali. Se chi vi vende la polizza senza rilascio del modello 7B o senza spiegarvi tutto quello appena detto, VI DEVE QUANTOMENO DESTARE SOSPETTO per cui dovete proteggervi!

E cosa succede per le polizze telefoniche, on line? Perché a Canosa la frode è diffusa? Perché la polizza on line può essere stipulata nell'interesse del cliente solo da un Broker di Assicurazioni, iscritto alla Sezione B del RUI, o un collaboratore di Broker che lo autorizza e si assume la responsabilità per quella vendita/consulenza assicurativa di polizza on line. In soldoni, questo vuol dire che l'intermediario vi deve consegnare il modello 7B di un Broker in cui qualifica il suo ruolo di Broker Assicurativo o collaboratore di Broker. In mancanza di tali requisiti e informazioni si sta esercitando la professione assicurativa in modo abusivo (se non vi è iscrizione all'Albo RUI) o non conforme. A Canosa vi è un'unica sede secondaria di Broker e forse 1 o 2 collaboratori di Broker che devono però dimostrare che vi stanno vendendo/intermediando la polizza on line autorizzati e sotto la responsabilità del Broker. Tutto il resto è abuso e abusivismo.

E la consulenza, fee, maggior costo che ci chiedono rispetto al premio della polizza riportato nella polizza della compagnia di assicurazione? Il diritto per la consulenza prestata è dovuto al Broker e solo al Broker anche per il tramite del collaboratore e questo vuol dire che, innanzitutto, dovete pretendere la fattura per il maggior costo e che la stessa deve essere intestata al Broker di Assicurazioni. Infatti è solo il Broker di assicurazioni autorizzato a fare consulenza assicurativa nell'interesse del cliente. In ogni altro caso, nessun maggior costo è dovuto rispetto al premio sulla base della Legge.

Non pensate che si tratti solo di un problema di costi maggiori non dovuti, frode fiscale per mancate fatturazioni, esercizio abusivo o irregolare di professione assicurativa, perché vi è un danno ancor maggiore e che colpisce tutti: cosa può accadere in caso di sinistro se quella polizza non è "regolare"? Il sinistro RC Auto è un incidente che colpisce potenzialmente tutti noi per cui l'assicurato/conducente/proprietario si potrebbe trovare a rispondere in proprio (ad esempio, semplificando, attraverso le rivalse da parte della compagnia di assicurazione) e noi terzi danneggiati a non essere risarciti!
STOP AGLI ABUSI E ABUSIVI! Moralizzazione è ormai un must anche in assicurazioni!

Eleonora Del Vento
Responsabile Milliora Assicura s.r.l.
cell (+39)393 9708397
http://www.millioraassicura.it/
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.