Canosa: “Una scarcella per l’Ucraina” - Einaudi
Canosa: “Una scarcella per l’Ucraina” - Einaudi
Scuola e Lavoro

Canosa: “Una scarcella per l’Ucraina”

Sensibilità e solidarietà da parte della comunità dell’IISS “Luigi Einaudi”

Ancora una prova di sensibilità e solidarietà da parte di tutta la comunità dell'IISS "Luigi Einaudi" di Canosa di Puglia, presieduto dalla dirigente scolastica Brigida Caporale che attraverso l'iniziativa "Una scarcella per l'Ucraina" ha promosso e sostenuto una raccolta fondi in favore delle popolazioni duramente colpite dalla guerra, unendo le proprie forze, a sostegno della Pace. La scarcella ricoperta di "celéppe" è il dolce tipico della Pasqua canosina, dalle varie forme con ingredienti poveri e semplici. Le scarcelle che contengono l'uovo sodo, segno di rinascita e simbolo di pace, sono state decorate con codette colorate e confettini di zucchero. Nei giorni scorsi, centinaia di scarcelle sono state preparate e prodotte dagli studenti dell'Einaudi presso i laboratori della sede IPAA- Servizi Enogastronomici – Settore Cucina e Sala che hanno poi proceduto anche alla distribuzione per la raccolta fondi destinata all'iniziativa messa in atto. L'8 aprile scorso durante una cerimonia sobria le scarcelle sona state benedette da Don Felice Bacco parroco della Cattedrale di San Sabino di Canosa di Puglia. Per l'occasione è intervenuto il Maestro Peppino Di Nunno per un ampio excursus storico culturale sulle tradizioni pasquali come le scarcelle, "U Benedìtte" l'antipasto di Pasqua, benedetto da un ramo d'ulivo e poi la questua delle uova. All'Istituto sono stati donati: un tavoliere di legno realizzato da Gino Caravella, intervenuto alla cerimonia, in memoria del padre Giuseppe Caravella, Maestro Ebanista ; un tavoliere antico da parte di nonna Grazia Acquaviva e 16 stampi di latta per scarcelle dalla nonna Elena Casamassima, esperta artigiana della cucina casereccia e dei dolci tradizionali. Gli stampi sono stati posati nella "ramiera" di zinco che veniva portata al forno di quartiere, Inoltre, il maestro Peppino Di Nunno in veste contadina, accompagnato da Renato Lombardi alla chitarra, come vuole la tradizione delle uova della notte di Pasqua ha cantato la stornellata:
Jàlze, jàlze, za' cummère, Alzati, alzati, zia comare,
mitte d'òve jind'o panère, metti le uova nel paniere,
la Quaréseme ò passète la Quaresima è finita
e jò vògghie cammarà. e io voglio mangiar di grascio.

La filastrocca che segue un filo conduttore nella Festa di Pasqua, dove a tavola l'antipasto denominato "u Benedìtte" è preparato con uova sode della questua e soppressata mentre per dolce le scarcelle che quest'anno sono state promosse dagli studenti dell' IISS "Luigi Einaudi" di Canosa per sostenere l'iniziativa benefica coinvolgente e molto gradita da quanti hanno aderito per le finalità proposte.
Brigida Caporale e Don Felice BaccoMaestro Peppino Di NunnoCanosa: “Una scarcella per l’Ucraina”“Una scarcella per l’Ucraina”“Una scarcella per l’Ucraina”Canosa: “Una scarcella per l’Ucraina”Peppino Di Nunno e Renato LombardiGino Caravella e Peppino Di Nunno
  • Pasqua
  • IISS "Luigi Eimaudi" Canosa
Altri contenuti a tema
Il ‘benedetto’, piatto della tradizione pasquale Il ‘benedetto’, piatto della tradizione pasquale La geografia gastronomica da nord a sud della Puglia
Pasqua : i dolci tipici custoditi da generazioni Pasqua : i dolci tipici custoditi da generazioni Dalle scarcelle ai taralli glassati
CANOSA: A FÈ’ LË DDÒVË CANOSA: A FÈ’ LË DDÒVË Canto di questua del Sabato Santo
Festività pasquali in sicurezza nelle stazioni Festività pasquali in sicurezza nelle stazioni Il bilancio della Polizia Ferroviaria del Compartimento Puglia, Basilicata e Molise
Pasqua: operazione "Abbraccio" della Polizia di Stato Pasqua: operazione "Abbraccio" della Polizia di Stato Vicinanza ai tanti bambini che ogni giorno lottano per sconfiggere la malattia
Pasqua: controlli capillari dei Carabinieri Pasqua: controlli capillari dei Carabinieri Più incisivi nella mattinata della Pasquetta
Agnello a tavola per rispettare le tradizioni pasquali Agnello a tavola per rispettare le tradizioni pasquali Coldiretti Puglia: "I piatti della transumanza tramandati da secoli"
Il Signore è vivo ed è in mezzo a noi. Il Signore è vivo ed è in mezzo a noi. L'omelia di Mons. Luigi Mansi, Vescovo Diocesi Andria
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.