Pescheto danneggiato
Pescheto danneggiato
Cronaca

Canosa: danneggiamenti nelle campagne

Cresce la paura tra gli agricoltori

L'ultimo in ordine di tempo è stato presso una coltivazione di pesche, nelle campagne dell'agro di Canosa di Puglia. Anche questa è stata danneggiata da ignoti che hanno tagliato alberi pronti per la raccolta, causando perdite ingentissime ad una azienda agricola locale. Tra gli agricoltori del nord barese adesso serpeggia la paura. Episodi simili, avvenuti a distanza di poco tempo l'uno dall'altro, nei quali potrebbe celarsi la stessa mano criminale. Quello di Canosa di Puglia si aggiunge all'altro episodio di cronaca avvenuto ad inizio della settimana in località Montaltino, a Barletta. Anche in questo caso alberi di pesco danneggiati irrimediabilmente da ignoti e la produzione andata persa.

Episodi simili sui quali stanno adesso indagando le Forze dell'ordine, dopo le denunce sporte subito dopo i raid notturni, con modalità criminali praticamente identiche. Stamani, agricoltori del nord barese, si sono ritrovati nei pressi dell'azienda di Montaltino che ha subito il primo danneggiamento, per fare il punto della situazione. Con l'intensificazione della sorveglianza nelle campagne si chiedono indagini accurate per individuare i responsabili di queste azioni criminali. Avvenimenti che si ricollegano, quasi fossero parti di una stessa scia di delitti sequenziali, ad altri avvenuti lo scorso anno. In aumento le razzie in alcune aziende agricole del territorio, che hanno subìto furti di automezzi ed attrezzature, oltre al taglio di tendoni, piantagioni di ulivi e di ciliegeti, e poi di recente i furti di barbatelle e pali da vigneti. sempre più frequenti nelle campagne di Minervino Murge, Andria e Canosa di Puglia, dove è stato registrato l'ultimo danneggiamento ad un pescheto.
  • Pescheto
  • Danneggiamenti
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.