Polizia di Stato
Polizia di Stato
Scuola e Lavoro

Bullismo e cyber bullismo: un fenomeno diffuso tra i giovanissimi

La Polizia di Stato impegnata a "Sensibilizzare i giovani, le famiglie e i docenti"

La Giornata Nazionale contro il bullismo e il cyber bullismo è stata l'occasione, per tutti, di conoscere un fenomeno che negli anni si è diffuso tra i giovanissimi e anche per identificare i segnali e prevenire certi comportamenti. Molteplici i reati che il Codice penale contempla per stabilire il significato racchiuso nella parola bullismo. "Se volessimo dare una definizione che li contenga tutti, potremmo dire che il bullismo si manifesta con atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica e psicologica commesso da un individuo 'forte' nei confronti di un altro "debole" in modo intenzionale e ripetuto nel tempo". Il fenomeno riguarda ragazzi e ragazze e si manifesta soprattutto in ambito scolastico, in strada, nei locali, nei luoghi di ritrovo dei giovani e, ormai, sui social o nelle chat spesso condivise con la vittima. Attraverso alcuni segnali, che i ragazzi manifestano, si possono prevenire anche gravi ripercussioni, sia fisiche che psicologiche, che possono indurre la vittima a commettere gesti estremamente gravi.

Sensibilizzare i giovani, le famiglie e i docenti è il compito che da molti anni ormai la Polizia di Stato si è prefissata di portare avanti per combattere il fenomeno; gli esperti della Polizia Postale hanno stilato una serie di suggerimenti per riconoscere i segnali di malessere manifestati dai ragazzi perché ogni cambiamento repentino e rapido di umore, un cattivo rendimento scolastico o la chiusura in sé stessi possono, in realtà, nascondere un disagio che merita di essere approfondito. I ragazzi spesso non hanno un'adeguata consapevolezza di quanto i "dispetti" online, le prese in giro possano avere effetti dolorosi sugli altri. Va insegnato loro ad avere rispetto della privacy online e di essere riservati con le proprie immagini e quelle degli altri. La diffusione e la detenzione di materiale illegale è un pericolo reale. I ragazzi vengono continuamente aggiunti in gruppi di messaggistica istantanea da altri coetanei, conoscenti e amici. Non sempre prestano le dovute attenzioni alla natura di questi gruppi e alle foto e filmati che ci si scambia. È importante che sappiano che chiunque contribuisca a diffondere immagini sessuali e di violenza che riguardano bambini e ragazzi minorenni commette un reato.

Per i genitori è utile sapere le dinamiche del cyberbullismo: se prima alcune prese in giro avvenivano durante la ricreazione sotto gli occhi vigili delle insegnanti, oggi avvengono mentre i ragazzi sono collegati online, mentre scrivono sulla chat di classe con una forza aggressiva amplificata dagli effetti della viralizzazione e dell'opportunità di fare una comunicazione diretta a centinaia di persone contemporaneamente. A tal proposito, la Campagna educativa della Polizia postale "Una vita da social" giunta alla IX edizione, mira a sensibilizzare i ragazzi sui pericoli della Rete: gli specialisti, a bordo di un truck allestito con un'aula didattica, cercano, con un linguaggio diretto ed efficace, di spiegare i fenomeni connessi alla violenza in Rete segnalandone non solo le implicazioni di carattere giuridico, ma anche gli effetti che possono avere sulla vita dei giovani.

Tra le altre iniziative messe in campo dalla Polizia di Stato per prevenire e combattere il fenomeno c'è l'App Youpol con cui si possono segnalare, anche in forma anonima, episodi di bullismo e cyberbullismo. YouPol è gratuita ed è disponibile per dispositivi sia Ios che Android da cui è possibile, inoltre, "denunciare" episodi di spaccio di droga e violenza domestica. La Giornata Nazionale contro il bullismo e il cyber bullismo, che si celebra il 7 febbraio è stata istituita su iniziativa del Miur, per riflettere su un fenomeno ancora troppo diffuso e soprattutto su quali possano essere gli strumenti per impedire che fenomeni di prevaricazione continuino ad accadere.
  • Polizia di stato
Altri contenuti a tema
Con l’App YouPol-Fipe è #sicurezzaVera per le donne Con l’App YouPol-Fipe è #sicurezzaVera per le donne Per segnalare episodi di violenza alle sale operative delle Questure
In memoria delle vittime del terrorismo dell’Italia repubblicana In memoria delle vittime del terrorismo dell’Italia repubblicana Si celebra la giornata nazionale istituita nel 2007
Eurovision Song Contest: musica e legalità insieme ai giovani Eurovision Song Contest: musica e legalità insieme ai giovani A Torino, la Polizia per diffondere una cultura del rispetto del prossimo e combattere le forme di discriminazione etnico/razziale
Cybersicurezza: Prevenire e contrastare i crimini informatici Cybersicurezza: Prevenire e contrastare i crimini informatici Accordo tra Polizia di Stato e Gruppo 24 Ore
Canosa: rinvenuta autovettura gravemente danneggiata Canosa: rinvenuta autovettura gravemente danneggiata La Vegapol ha segnalato l'accaduto alla Polizia di Stato intervenuta per gli accertamenti
Automobili cannibalizzate e vendita on line di pezzi di ricambi Automobili cannibalizzate e vendita on line di pezzi di ricambi Maxi sequestro a Cerignola grazie alla sinergia istituzionale tra le Forze di Polizia 
Insieme per la sicurezza in rete Insieme per la sicurezza in rete La Polizia di Stato ed Unieuro hanno presentato la Campagna #cuoriconnessi
Potenziamento degli organici della Polizia di Stato Potenziamento degli organici della Polizia di Stato Tiani (Siap): "Personale per la Questura ma anche per i Commissariati di Trani, Barletta e Canosa"
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.