calcio
calcio
Calcio

Canusium: A Molfetta venderemo cara la pelle!

Un caso di omonimia avrebbe spinto il Terlizzi a presentare reclamo

Canusium: A Molfetta venderemo cara la pelle!Alla ripresa degli allenamenti, visi più distesi e sorrisi per i componenti della brigata rossonera, dopo il pareggio di martedì sera in casa del temibile Donia. Tutti a disposizione di Mr. Trallo, ad esclusione del prossimo neo-papà Musti II, che dovrebbe in queste ore diventarlo ufficialmente e quindi in permesso speciale ed assente giustificato. A proposito di Musti, ieri si è appreso leggendo il comunicato del Comitato Regionale, che il risultato della gara disputata tra le mura amiche contro il Terlizzi, non è stato omologato per un preannuncio di reclamo da parte dei terlizzesi. La motivazione, sembra essere da notizie trapelate, che il reclamo a dire degli ospiti, sia per la posizione irregolare di Musti Ferdinando, se cosi fosse il tutto svanirà in una bolla di sapone, in quanto i Musti Ferdinando sono due, e quello squalificato dal giudice sportivo non è stato utilizzato nella gara oggetto del reclamo.

Oltre a questa motivazione, non pare vi sembrerebbero esservi altre motivazioni, che avrebbero spinto il Terlizzi a presentare reclamo, tra l'altro in una partita corretta e largamente dominata dalla squadra di casa. Siamo tranquilli, e per chiarire a chi leggerà questo articolo la situazione, preciso che, all'inizio del campionato, onde evitare dubbi e portare fuori strada noi e le altre squadre, ho inviato personalmente in lega una comunicazione nella quale chiedevamo per ogni ammonizione o squalifica di precisare l'anno di nascita dei due Musti. Inoltre nella mattina di venerdi prima della gara incriminata, ho chiamato il Sig. Sforza presso il comitato di Bari, per chiarire ulteriormente la posizione dei Musti, in quanto a Ruvo, un dirigente della Rubis a termine della gara ci fece notare che avevamo utilizzato un calciatore squalificato.

Precisai all'amico dirigente che si trattava di un caso di omonimia e l'indomani, effettuai la telefonata di cui sopra per i chiarimenti del caso. Questo il commento del segretario Pino Grisorio, che in attesa di leggere il reclamo del Terlizzi si appresta a vivere 60 minuti a Molfetta al cardiopalma, in casa della capolista e mai sconfitta tra le mura amiche. Mr. Trallo, ricordando le parole di un collega, ha cosi sibillinamente commentato: Credo nella legge dei grandi numeri, e a Molfetta in quella colonna delle gare perse in casa, potrebbe scomparire quello zero?. Nel bellissimo palazzetto dello sport il fischio d'inizio è fissato per le ore 16,00.


Gianluigi Trallo
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.