Natale Archeologia
Natale Archeologia
Un Paese di Poesia

Si declama in dialetto: Boèmonde

La lirica di Sante Valentino dedicata al Principe di Antiochia

Anche per le festività è arrivata una strenna natalizia del poeta Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia" di Canosaweb, primo portale cittadino. S'intitola "Boèmonde" il componimento dialettale dedicato a Boemóndo I d'Altavilla (nato tra il 1051 e il 1058- morto il 1111), Principe di Antiochia, figlio di Roberto il Guiscardo e di Alberada di Buonalbergo. "Il nostro Principe, un esempio di attaccamento al paese, che bonariamente ci richiama a riscoprire ed a ripercorrere quei meandri della storia che fecero grande quella Canosa che ora inesorabilmente annega nelle paludi dell'immobilismo e dell'indifferenza. Lui che per gratitudine aveva deciso di riposare vicino all'illustre Vescovo adesso ci sprona a ritrovare la giusta via per far tornare in auge l' inclito sito dell'augusta Canusium." Ha dichiarato il poeta Sante Valentino nella presentazione della lirica dialettale "Boèmonde" mentre l'ultimo numero de "Il Campanile" ha pubblicato due articoli: il primo intitolato "Boemondo e Le Crociate" a firma di Anna Catalano, e l'altro "Boemondo e il Natale a Gerusalemme" di Cosimo Giungato che parlano di Marco: "era il suo nome che significava 'dedicato a Marte' Ma per il grande rispetto alla sua gigantesca figura, il padre gli aveva dato il soprannome di Boemondo o di Abboamonte, proveniente da un personaggio leggendario, soprannome che finì per sostituire il suo vero nome di Marco. Marco Boemondo d'Altavilla era figlio di Roberto il Guiscardo Duca di Puglia e di Calabria, e della sua prima moglie la "nobilissima" AlberadaQuarrell - Drengot di Bonalbergo, della Famiglia dei Principi Quarrell di Alençon in Normandia. Alberada era la zia del Conte Bonalbergo in Italia e zia del Principe Normanno di Capua ed Aversa, Riccardo I Avenel - Quarrell - Drengot. Come tutti gli avvenimenti storici e le vicende della sua vita hanno dimostrato, Boemondo fu il più grande Cavaliere della Cristianità in Oriente ed il più grande cavaliere guerriero di tutti i tempi tale da essere paragonato ai Cavalieri dell'Iliade e della Odissea."

BOÈMONDE

Sapòte cume jàje u paiòse nu fàtte sùbbete se sèpe,
da na vòcche pàsse all'àute e quànde chiù vòcche pàsse
chiéue u fàtte s'allònghe.
Mùje stànne a dòce c'hone vìste
a Boémonde c'aggerève che la strète che nu battepànne
che fè u chéule fòche fòche a cérte depravète
c'han'aredùtte jind'a sta manère u pajòse.
Che fè ad'acchessì u príngepe vòle dòce
ca so stanghète de fè le scórze 'ngànne e de cummàtte
che génde ca màne la prète e ascònne la mène.
Jôje nan ge credève ca jève proprje jidde
ma quàne m'u sò vìste 'nnánde tùtte 'ngazzète
sò pegghiète nu grùsse pambanìzze
e 'ndartagghjànne le sò addumannète
cé facève jéune cum'a jidde cialéune da stì paràgge
'mbèce de rumanôje a dórme jind'o mausolèje?
Nan ge la fùsse mè dìtte ca all'assacràise
ho 'zzecchète a mòve u battepànne gredànne
e fàcenne l'azzaténde cóndre a tùtte chìre
ca l'avèvene fàtte revultè jind'a la tómbe.
O pajòse nùste sànne fè scechìtte zengheremínde
e jà chiòne de bòchere e de truzzelarôje –decève-
e jôje c'agghje cumbattéute cóndre a li túrche
penzève ca ddùje pùteve stè nu pìcche scuscetète
e 'mbèce me so truète che tànda fetíndele
strafutténde sénza gnàgnere e sénza criánze.
San Zavòne môje, sò dìtte, quère ca ce vòle
sénza 'mburtunèje nescéune sánde
jà na bèlla mastiatéure cu battepànne!
Sante Valentino

BOEMONDO/ Sapete com'è il paese un fatto subito si sa,/ da una bocca passa all'altra e quante più bocche passa/ più il fatto si allunga./ Ora stanno dicendo che hanno visto/ a Boemondo che girava per strada con un battipanni/ per dare tante sculacciate a certi mascalzoni/ che hanno ridotto in questo modo il paese./ Per comportarsi così il principe vuol dire/ che si è stancato di sgolarsi e di stare a che fare/ con gente che getta il sasso e nasconde la mano./ Io non credevo che fosse proprio lui/ ma quando me lo sono trovato davanti tutto arrabbiato/ ho preso un grosso spavento/ e tartagliando gli ho chiesto/ cosa faceva uno come lui in giro da queste parti/ invece di restare a dormire nel mausoleo?/ Non glielo avessi mai chiesto che all'improvviso/ ha cominciato ad agitare il battipanni gridando/ e facendo il diavolo a quattro contro tutti quelli/ che l'avevano fatto rivoltare nella tomba./ Al nostro paese sanno fare solo pettegolezzi/ ed è pieno di buche e sporcizia- diceva-/ e io che ho combattuto contro i turchi/ pensavo che qui avrei potuto stare tranquillo/ e invece mi sono ritrovato con tanti fetenti/ strafottenti senza cervello e senza educazione./ San Sabino mio, ho detto, quello che serve/ senza importunare nessun santo/ è una bella bastonatura col battipanni!
Il Mausoleo di Boemondo-copia di cupola ottagonaleBOEMONDOMausoleo della tomba di BoemondoCanosa di Puglia:  Mausoleo Boemondo
  • Mausoleo Boemondo
Altri contenuti a tema
La quadriglia per l'accoglienza della delegazione AEVF La quadriglia per l'accoglienza della delegazione AEVF A Canosa, i rappresentanti della "Road to Rome 2021"
La Madre di Boemondo ci scrive La Madre di Boemondo ci scrive L’epigrafe dell’Arca di Alberada
Fermiamo l’inciviltà!Non sporchiamo i monumenti! Fermiamo l’inciviltà!Non sporchiamo i monumenti! L'appello di Don Nicola Caputo
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.