Forino, Valente, Di Biase Torino 2019
Forino, Valente, Di Biase Torino 2019
Stilus Magistri

Grazie Canosini di Torino!

Il "nostro amato dialetto" ci accomuna come memoria e identità

Amici Canosini di Torino,
nella domenica del 24 febbraio apprendo con sorpresa, quasi in diretta, vedo con emozione la targa di riconoscimento dell'Associazione IL PONTE dei Canosini di Torino indirizzata alla mia persona quale "cultore e custode del nostro amato dialetto canosino". Esprimo gratitudine alla condivisione della mia opera di Dialettologia, "Sulle vie dei ciottoli", già divulgata fra i Canosini di Torino. Sulla soglia dei settanta anni mi soffermo su queste parole di condivisione di essere "cultore e custode" del dialetto canosino che tramandiamo ai nostri figli, ai nipoti, ai giovani, ai bambini di Scuola come ho fatto nella vigilia di San Sabino con la poesia in dialetto di "San Zavòne poverìdde", così amato ogni anno nel febbraio di Torino alla presenza di Autorità civili, religiose e Associazioni culturali. La targa riporta il "nostro amato dialetto", definendolo "nostro" perché ci accomuna come memoria e identità, stimandolo "amato", perché il dialetto non è solo una lingua e un sistema linguistico, ma è la voce dei nostri bisnonni, li tatarànne ( i tàta grandi) dell'800, dei nostri padri e delle nostre madri del '900; e la voce di coloro che ci hanno generato è da ... amare. Non a caso diciamo in dialetto a quanti un tempo ostentavano un italiano impreciso: "pàrle cùme t'ò fàtte màmme!", "parla come ti ha fatto la tua mamma!".

Saluto le due fasce sindacali del Tricolore di Torino e di Canosa, il sigillo del Canonico Don Felice Bacco e sono lieto che a ricevere l'attestato, su mio impedimento fisico, sia stato sempre un Peppino, mio cognato Di Biase, Dirigente alle Finanze del Comune con l'Assessore Delli Santi. Un Peppino di Famiglia, che per anni con benevolenza ha accolto la novantenne mia madre Rosetta, ascoltando e imparando con mia sorella, come me, la cultura proverbiale di una madre novantenne. Ringrazio e sono fiero di essermi seduto sulle sedie che accoglievano i presenti in sala, avendo curato l'Associazione IL PONTE con il Presidente Pasquale Valente la divulgazione della pagina di studio inedita di cultura popolare dei Folletti che hanno fatto anche l'Unità d'Italia. Il Moncacello, u Munecacìdde canosino era il mio Ambasciatore incontratosi anche con il suo collega folletto, il Sarvàn o Sarvanòt piemontese, nei racconti popolari delle Alpi, scritti nella stamperia reale di Torino nel 1826. Si sono dati la mano in dialetto i due folletti di Canosa e di Torino, pugliese e piemontese e oggi ci diamo anche noi la mano, da vicino, da lontano, nelle nostre radici culturali dialettali, nell'attimo fuggente irripetibile dell'oggi, nella proiezione del futuro del domani: "crè jà n'àute jùrne, se Gèse Crìste vòle", "domani è un altro giorno, se Gesù Cristo vuole" .... e se lo vuole anche San Sabino! Grazie e un caro abbraccio!
Maestro Peppino Di Nunno
Foto a cura di Tommaso Chiarella

Festa San Sabino a Torino 2019Targa conferita al maestro Peppino Di NunnoStefano e Peppino Di Biase, Enzo Princigalli a TorinoFesta di San Sabino a Torino- 2019
  • Torino
  • Associazione Il Ponte dei Canosini di Torino
  • Festa San Sabino
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Piedi d’estate sull’arena
Raccontiamo  ”U veche vécchje” Raccontiamo ”U veche vécchje” La strada di casa nei ricordi del poeta Sante Valentino
Piazza Galluppi a Canosa Piazza Galluppi a Canosa Dal formaggiaio “Ruvestino” con Pierino
La poesia si fa video : “U struzzône” La poesia si fa video : “U struzzône” A realizzarlo Diaferio, Lentini, Franco e Ciffo per ricordare Losmargiasso  
Dal 3 giugno 2020, si declama “Scemannínne” Dal 3 giugno 2020, si declama “Scemannínne” Il poeta Sante Valentino: “Proponiamoci dunque per un ritorno al nostro paese”
La poesia “Li vicchjarídde” alla memoria di Savino Losmargiasso La poesia “Li vicchjarídde” alla memoria di Savino Losmargiasso Il componimento in vernacolo di Sante Valentino
Ci lascia Michele Garribba Ci lascia Michele Garribba Storiografo del ‘900 a Canosa
Il gioco dell’indovinello dei papaveri Il gioco dell’indovinello dei papaveri Condivisioni dal Nord a Sud d'Europa e d'Italia
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.