2020 Sacra Spina Andria
2020 Sacra Spina Andria
Storia e dintorni

Una variazione cromatica sulla Sacra Spina

E' Mons. Luigi Mansi ad annunciarla

Oggi 10 aprile 2020, Venerdì Santo, al termine della Via Crucis presieduta, questa sera alle ore 19:00, dal Santuario SS, Salvatore in Andria, dal Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi che ha annunciato una variazione cromatica sulla Sacra Spina, reliquia della Corona di Nostro Signore Gesù Cristo, custodita nella Chiesa Cattedrale di Andria.

«Carissimi da quando ho deciso di tenere chiuse le chiese della Diocesi, ho desiderato custodire la Reliquia della Sacra Spina nella cappellina privata del Vescovo. Fin dall'inizio della Settimana Santa ho notato che la Spina ha manifestato una colorazione diversa dal solito. Nella mattinata di mercoledì 8 aprile (mercoledì Santo), ho invitato il Dr. Antonio Riezzo, ematologo e Presidente della commissione scientifica dello scorso prodigio (2016), a prendere visione dello stato della Reliquia. Lo stesso Dottore ha confermato alcune variazioni osservate sulla Spina. Successivamente, sempre nella mattinata, ho ritenuto opportuno confrontarmi con il Vicario Generale, don Gianni Massaro, il segretario del Vescovo, Mons. Nicola De Ruvo, e con il Presidente del Capitolo Cattedrale, don Gianni Agresti. Anch'essi hanno verificato quanto detto. Per una migliore documentazione, puntale e continuata nel tempo, ho chiesto a Padre Francesco Mazzotta, Direttore di Teledehon, di fornirci supporto tecnologico necessario. Padre Francesco ha subito messo a disposizione tecnici e strumenti necessari per le riprese permanenti. Quindi la Sacra Spina, da mezzogiorno del Giovedì Santo (9 aprile) è sotto osservazione permanente di una telecamera ad alta definizione. Per quel che posso attestare e che ho ritenuto verbalizzare, l'elemento più rilevante e visibile consiste nella variazione della colorazione abituale dell'intero corpo della Spina: è diventato molto più chiaro, in alcuni tratti biancastro, mentre invece la punta è chiaramente di un colore marcatamente più scuro. Osservando poi la Reliquia nel pomeriggio di oggi Venerdì Santo, intorno alle ore 17.00/17.30 ho notato un'altra variazione ben visibile: la parte bassa della Spina, che nella mattinata sempre di oggi era apparsa di un colore più scuro, si è notevolmente schiarita, soprattutto nella parte anteriore della stessa, ma anche nella parte retrostante. Il Signore, attraverso questo segno ci sta dicendo che Lui è comunque sempre vicino al Suo popolo e patisce con chi è nel dolore. Accogliamo questo "segno" con gratitudine».
Vostro
†Luigi Mansi, Vescovo
  • Mons. Luigi Mansi
  • Diocesi di Andria
  • Sacra Spina
Altri contenuti a tema
Artigiani di Pace Artigiani di Pace Pubblicato il nuovo numero di “Insieme”
Epifania del Signore Epifania del Signore L'omelia del Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi
Don Michele Malcangio vice-presidente del Consiglio dell'Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero Don Michele Malcangio vice-presidente del Consiglio dell'Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero Dall'inizio dell'anno è entrato nel pieno delle proprie funzioni
Il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi Il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi L’omelia del Vescovo Mons. Luigi Mansi
Pro Loco Canosa: Una Luce nella Notte Pro Loco Canosa: Una Luce nella Notte Mons. Lugi Mansi ha visitato la rappresentazione presepiale
Solennità di Maria SS. Madre di Dio Solennità di Maria SS. Madre di Dio Omelia del Vescovo di Andria, Mons. Luigi Mansi
Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe L’omelia del Vescovo Mons. Luigi Mansi
La novità sorprendente. Dio si manifesta non più nella grandezza, ma nella piccolezza, nella povertà. La novità sorprendente. Dio si manifesta non più nella grandezza, ma nella piccolezza, nella povertà. L’omelia del Vescovo della Diocesi di Andria Mons. Luigi Mansi,
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.