Incoronata Madre di Dio - Santuario di Foggia
Incoronata Madre di Dio - Santuario di Foggia
Storia e dintorni

Devozione per l'Incoronata Madre di Dio

Dirette Facebook per le celebrazioni dal Santuario di Foggia

Fonti storiche fanno risalire all'ultimo sabato di aprile del 1001 quando nel Bosco del Cervaro vicino Foggia, la Vergine Maria appare ad un pastore dicendogli: "...non aver paura io sono la Madre di Dio". Iniziava cosi il grande movimento di pellegrini che da ogni parte accorrevano dinanzi alla statua della Vergine apparsa sull'albero, iniziando ad invocarla con il titolo di Incoronata. Il Santuario dell'Incoronata di Foggia "Cittadella della Madre di Dio" è entrato nel circuito dei grandi pellegrinaggi ai Santuari Mariani della Puglia, "Terra di Maria", da sempre molto frequentati. tra i quali : "Santa Maria Odigítria" a Bari; "Maria SS. dei Sette Veli" a Foggia; "Santa Maria delle Grazie" a San Giovanni Rotondo(FG);"Santa Maria del Pozzo" a Capurso(BA) e "Santa Maria de Finibus Terrae" a S. Maria di Leuca(LE) sulla punta estrema del Capo di Leuca, che i Greci chiamavano "Leucos-terra illustre, rischiarata dal sole" e i Romani "de finibus terrae, confini del mondo".

La devozione è rivolta alla Vergine sotto il titolo di "Incoronata Madre di Dio", perché così si sarebbe autodefinita nell'Apparizione fino ad arrivare alla sorgente del culto mariano. Da diversi anni, i sacerdoti di Don Orione che prestano il loro ministero al Santuario si sono impegnati in una catechesi valida e di forte contenuto dommatico affinchè il Santuario dell'Incoronata diventi sempre più un centro di pietà mariana alla luce degli orientamenti conciliari indicati nel capitolo VIII "La Beata Maria Vergine Madre di Dio nel Mistero di Cristo e della Chiesa" della Lumen Gentium del 21 novembre 1964 e sviluppati dalle Encicliche sulla Madonna Marialis Cultus di Paolo VI del 2 febbraio 1974 e la Redemptoris Mater "Madre del Redentore" di Giovanni Paolo II del 25 marzo 1987 e del Magistero della Chiesa.

Il Santuario della "Madre di Dio Incoronata" è' situato nel Tavoliere, a breve distanza da Foggia. Il bosco protegge il Santuario dal caldo estivo e conferisce un' atmosfera di raccoglimento e di spiritualità. Nei secoli scorsi, era uno dei principali nodi della transumanza(Patrimonio culturale dell'UNESCO). I pastori si incontravano ai piedi della Madonna prima di ritornare alle proprie regioni montuose con l'arrivo della bella stagione. Il Tavoliere aveva offerto nutrimento per l'inverno agli armenti ed essi, prima di riprendere la via del ritorno a casa, si radunavano per ringraziare la Vergine Incoronata. Le carte dei tratturi presenti nell'Archivio di Stato di Foggia documentano ampiamente la "centralità" del Santuario dell'Incoronata per la viabilità dei tratturi nel tavoliere pugliese e come l'Incoronata fosse ben collegata con i vari tratturi che percorrevano la zona del Tavoliere delle Puglie .

Nel corso degli anni si è registrato sempre un enorme afflusso di gente al Santuario di Foggia per la devozione rivolta alla Vergine sotto il titolo di Incoronata Madre di Dio, perché così si sarebbe autodefinita nell'Apparizione. Quest'anno a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19 coronavirus, i devoti non hanno potuto raggiungere il Santuario dell'incoronata nell'ultimo venerdì di aprile per assistere alla "Cavalcata degli Angeli". Mentre per la cerimonia di vestizione della statua della "Madonna nera" il rettore del Santuario, don Ugo Rega, ha organizzato le dirette Facebook, ricordando le parole del Santo Padre "la Madonna è la influencer dei fedeli", costretti a rimanere a casa per il lockdown.
  • Patrimonio dell'UNESCO
  • Coronavirus
  • Santuario Incoronata Foggia
Altri contenuti a tema
Canosa: Concerto  Jazz per la Pace Canosa: Concerto Jazz per la Pace Successo di pubblico ed incasso in beneficenza dal Club per l’Unesco “Avv. Patrizia Minerva”
Covid 19, seconda dose di richiamo Covid 19, seconda dose di richiamo Dalla Regione le indicazioni operative per le Asl
Fine stato di emergenza Covid Fine stato di emergenza Covid Emiliano: "la pandemia non è ancora finita, il nostro impegno continua"
Registrati 585 casi positivi nella BAT Registrati 585 casi positivi nella BAT In Puglia sono 115.267 le persone attualmente positive
In aumento casi positivi e ricoveri nella BAT In aumento casi positivi e ricoveri nella BAT All’ospedale di Bisceglie sono riprese tutte le attività ambulatoriali e chirurgiche
Uniti nel ricordo e  nell’impegno a tutela della vita e della salute dei cittadini Uniti nel ricordo e nell’impegno a tutela della vita e della salute dei cittadini In arrivo il nuovo decreto sulla gestione endemica dell’epidemia
COVID-19: Nuovo farmaco somministrato per immunodepressi COVID-19: Nuovo farmaco somministrato per immunodepressi La signora Sabatina, 80 anni di Minervino è stata la prima a riceverlo
Puglia: altri 2.209 casi positivi Puglia: altri 2.209 casi positivi Registrati 214 nella Provincia Barletta Andria Trani
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.