Canosa: Il Museo dei Vescovi
Canosa: Il Museo dei Vescovi
Storia e dintorni

Canosa: Il Museo dei Vescovi è una realtà aperta a tutta la comunità

Inaugurato alla vigilia della festa patronale di San Sabino

Alla presenza delle autorità civili, religiose, degli addetti ai lavori e del pubblico, si è svolta la cerimonia di inaugurazione del MU.VE (Museo dei Vescovi) a Canosa di Puglia che si è sviluppata in due fasi nella serata dell'8 febbraio 2024. La prima fase ha avuto luogo presso la Basilica Concattedrale di San Sabino, dove sono stati presentati i lavori di restauro e completamento presso il Palazzo Fracchiolla-Minerva sede del MU.VE , nell'ambito dell'utilizzo dei fondi "POR FESR PUGLIA 2014- 2020 – Asse VI – Tutela dell'ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali. - Azione 6.7 – Interventi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale appartenente ad enti ecclesiastici. Nel corso della cerimonia hanno preso la parola tra gli altri: il Sindaco di Canosa di Puglia, Vito Malcangio; il Vescovo della Diocesi di Andria, S.E. Mons. Luigi Mansi; il Nunzio Apostolico di Parigi, S.E. Mons. Celestino Migliore; la consigliera regionale con delega alla cultura Grazia Di Bari; l'architetto Giuseppe Francesco Rociola, funzionario della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province Barletta Andria Trani e Foggia ; il Presidente della Fondazione Archeologica Canosina, Sergio Fontana e l'architetto Giuseppe Matarrese che ha presentato i lavori "Dal Progetto al cantiere".

Gli interventi eseguiti nel corso degli anni sono stati realizzati attraverso lotti funzionali che hanno consentito al museo di operare e diventare punto di riferimento e attrattività per il territorio. "Gli ultimi interventi di recupero, restauro e allestimento dell'edificio, - ha tra l'altro dichiarato l'architetto Giuseppe Matarrese, responsabile dei lavori - sono stati eseguiti attraverso un insieme di opere che in maniera puntuale e direi chirurgica, lo hanno completato. Nei dettagli hanno reso accessibile ai portatori di handicap i vari livelli dell'edificio, – ha aggiunto - rifunzionalizzato e adeguato il piano interrato anche attraverso un interessante intervento di scavo archeologico, svolto in collaborazione con i ragazzi del Liceo E. Fermi curvatura Clabec, divenendo quindi anche un luogo di formazione. I lavori hanno anche permesso di recuperare uno spazio destinato a laboratorio di restauro, in uso sia per la didattica che in occasione di eventuali lavori di restauro dei pezzi marmorei della Cattedrale. E' stata inoltre realizzata una sala convegni multimediale, dotata di avatar e proiezioni anche sul soffitto e si ha avuto particolare attenzione ai bambini ed alle nuove generazioni, dotando le sale inferiori di tavoli e sedie per i laboratori didattici. Infine è stato allestito- ha concluso l'architetto Matarrese - un bookshop moderno e funzionale, necessario per permettere ai visitatori di trovare, oltre ai souvenir, anche i prodotti artigianali del territorio, partendo da un principio di coworking tra i produttori e gli artigiani."

Mentre, per gli onori di casa, i saluti e i ringraziamenti, sono intervenuti il direttore del MU.VE Mons Felice Bacco e il dottor Sandro Sardella, nella duplice veste di moderatore della cerimonia e curatore del Museo dei Vescovi insieme a Michela Cianti. "Il progetto di completamento, voluto proprio da Mons. Felice Bacco e realizzato dagli architetti Giuseppe e Serena Matarrese, - ha evidenziato il dottor Sandro Sardella - in rapporto continuo, costante e proficuo con la Soprintendenza, con la gestione ormai decennale del Museo la Coop. OmniArte. it e con tanti soggetti che si sono alternati nel corso degli anni, parte in realtà dal 2005, quando, a seguito della donazione del palazzo da parte di S.E. Mons. Francesco Minerva, si pensò di destinare questo edificio a Museo. Luogo culturale lo è divenuto nel corso di questi 10 anni, grazie a una serie di eventi, mostre e manifestazioni che hanno permesso di valorizzare la storia della chiesa canosina, con al centro la figura San Sabino in rapporto stretto con la città di Canosa, ma in realtà tutta la millenaria storia di questa città così antica. Oltre a questo, l'edificio è stato raccontato attraverso la Casa Museo, - ha sottolineato il curatore Sardella - realizzata grazie ad una ricostruzione fedele degli arredi originali dell'epoca, ma non solo. In questi anni, la struttura ha saputo essere agile, flessibile, didattica, in continuo divenire, un museo quindi non solo per esporre e conservare, ma per educare con l'idea di arrivare anche a restaurare e valorizzare l'enorme quantità di reperti di proprietà della Concattedrale Basilica di San Sabino. Questo ulteriore step ha permesso un salto in avanti, che proietta la struttura in linea con quanto richiesto dal pubblico residente e viaggiante, divenendo così un polo culturale vivo e vivo e dinamico."

Il taglio del nastro e la visita ai locali restaurati del MU.VE, dove hanno preso parte anche gli studenti con i docenti del Liceo Classico dei Beni Cultural del "Fermi" di Canosa, sono stati tra i momenti salienti della seconda fase dell'inaugurazione, "una festa di comunità,- ha tra l'altro detto la consigliera regionale con delega alla cultura Grazia Di Bari - un lavoro corale che ha permesso di dare alla città un contenitore culturale che offrirà tante opportunità di crescita culturale: laboratori per i più piccoli, sale multimediali, laboratorio di restauro, mostre permanenti. La collaborazione tra pubblico e privato fa raggiungere risultati straordinari!" Mentre, il presidente della Fondazione Archeologica Canosina, Sergio Fontana ha dichiarato " Sono molto lieto dell'inaugurazione dei sotterranei del Museo dei Vescovi che completano la parte espositiva sovrastante. I sotterranei furono donati alla FAC dall'Arcivescovo Minerva 30 anni fa e la Fondazione li ha concessi in comodato d'uso alla Diocesi di Andria. Nasce così un Polo Museale, dove pubblico e privato si adoperano sinergicamente per il bene della comunità."

La direzione del MU.VE. ha comunicato che dal 9 febbraio gli spazi di Palazzo Fracchiolla-Minerva saranno aperti al pubblico per continuare a raccontare, divulgare e valorizzare la storia millenaria di Canosa, grazie alle nuove attività della OmniArte.it, già pronta per accogliere i visitatori attraverso un concept all'avanguardia e innovativo.
Riproduzione@riservata
A Canosa il Nunzio Apostolico di Parigi, Mons. Celestino MiglioreA Canosa il Nunzio Apostolico di Parigi, Mons. Celestino MiglioreA Canosa il Nunzio Apostolico di Parigi, Mons. Celestino MiglioreArchitetto Giuseppe MatarreseCanosa: Inaugurato il  Museo dei Vescovi - MU.VE.Grazia Di Bari, consigliera regionale con delega alla culturaSergio Fontana, Presidente Fondazione ArcheologicaGiuseppe Francesco Rociola, funzionario della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province Barletta Andria Trani e FoggiaVito Malcangio, Sindaco di Canosa di PugliaCanosa: Inaugurato il Museo dei Vescovi-MU.VE.Canosa: Inaugurato il Museo dei Vescovi-MU.VE.CLABEC DEL LICEO "E. FERMI" CANOSA DI PUGLIA
  • Mons. Luigi Mansi
  • Diocesi di Andria
  • Mons. Celestino Migliore
  • MU.VE.
Altri contenuti a tema
Ricordare–Riconoscere–Sperare: I 3 verbi della  XVI Settimana Biblica Diocesana Ricordare–Riconoscere–Sperare: I 3 verbi della XVI Settimana Biblica Diocesana Il programma degli incontri ad Andria
San Sabino testimone dei valori cristiani e difensore della fede e dell'unità della Chiesa San Sabino testimone dei valori cristiani e difensore della fede e dell'unità della Chiesa A Canosa, celebrata la festa patronale
A Canosa, il Nunzio Apostolico di Parigi, Mons. Celestino Migliore A Canosa, il Nunzio Apostolico di Parigi, Mons. Celestino Migliore E' Arcivescovo Titolare della Diocesi di Canosa
La Pace incomincia con il rispetto della vita, di ogni vita La Pace incomincia con il rispetto della vita, di ogni vita On line "Il Campanile" n.1/2024
Per le generazioni future un mondo più solidale, giusto e pacifico Per le generazioni future un mondo più solidale, giusto e pacifico A Minervino Murge, la Marcia diocesana della Pace "ComunicAzioni di Pace"
Senza parole davanti a questa ennesima tragedia Senza parole davanti a questa ennesima tragedia La dichiarazione del Vescovo, Mons. Luigi Mansi, a nome della Chiesa di Andria
Cammino Sinodale: “Si avvicinò e camminava con loro” Cammino Sinodale: “Si avvicinò e camminava con loro” Ad Andria, incontro con don Francesco Zaccaria
Nuovo anno scolastico: il messaggio augurale di Mons. Luigi Mansi Nuovo anno scolastico: il messaggio augurale di Mons. Luigi Mansi Per tutti gli operatori del mondo della scuola: dirigenti, docenti, ausiliari e studenti di ogni età, ordine e grado.
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.