Salsa. Conserve di pomodori
Salsa. Conserve di pomodori
Territorio

Puglia: Torna il rito delle conserve ‘fai da te’

Di grande attualità, con l'inflazione che ha fatto riscoprire la voglia di cucinare

Con l'inflazione alimentare al +9,6% che pesa sul carrello della spesa e riduce il potere di acquisto delle famiglie, alla fine dell'estate torna il rito delle conserve 'fai da te', con i pugliesi intenti tra pentole e vasetti a preparare marmellate, sottoli e sottaceti, oltre alla tradizionale passata di pomodoro che riunisce l'intera famiglia per assicurare le scorte per l'inverno. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti Puglia nella rete di Campagna Amica, dove nei mercati sono svelati ai consumatori segreti e i consigli utili per le conserve fai da te, per 'portare in tavola' ortaggi ed erbe di campo e dei boschi mirabilmente trasformate in conserve della nonne, salse e passate, ma anche la frutta di stagione che, trasformata in marmellata, guarnirà dolci e crostate.

La preparazione delle conserve in casa secondo una tradizione del passato sembrava destinata a perdersi ed è invece tornata di grande attualità prima con la pandemia e lo smart working e ora con l'inflazione che hanno fatto riscoprire la voglia di cucinare. La preparazione più radicata nella tradizione è quella della trasformazione del pomodoro che prevede semplici, ma importanti operazioni come la selezione e il lavaggio accurato dei pomodori, l'asciugatura, la cottura in acqua bollente per favorire il distacco della buccia dalla polpa e infine la spremitura, l'imbottigliamento e la sterilizzazione delle bottiglie.

Altro rito della tradizione pugliese è la preparazione dei famosi 'carciofini' sottolio, a cui vanno eliminate le foglie esterne e tagliate la sommità, salvando solo un pezzetto di gambo che va decorticato. Va tagliato ogni carciofo in 4-6 spicchi, privandoli della barbina e per non farli annerire, via via che sono puliti bisogna immergerli in una ciotola di acqua acidulata con il succo di mezzo limone. I carciofi vanno lessati poi in acqua e aceto, con il vino e 10-12 g di sale. Dopo averli scolati con una schiumarola su un canovaccio, in modo che assorba l'acqua, una volta raffreddati vanno riposti in un vaso di vetro da 1 litro, incastrandoli in modo da lasciare meno spazio possibile tra uno e l'altro e alternandoli con gli aromi e il vasetto deve essere riempito rigorosamente di olio extravergine di oliva a coprire completamente i carciofi.

Immancabili poi tra le conserve fatte in casa sono le marmellate. Una volta scelta, la frutta preferita va lavata, tagliata e lasciata a macerare con succo di limone e zucchero per una notte intera prima di essere cotta a fuoco medio per una trentina di minuti in modo da farla addensare prima di metterla in vasetto e sterilizzare lo stesso. Una opportunità che consente di utilizzare frutta molto matura che, proprio per tale motivo si può acquistare a cassette a prezzi convenienti, contribuendo ad evitare gli sprechi.

L'attività di trasformatori "fai da te", comunque – conclude Coldiretti Puglia – comporta l'osservanza di precise regole in quanto la sicurezza degli alimenti conservati parte dalla qualità e sanità dei prodotti utilizzati, ma non può prescindere da precise norme di lavorazione che valgono per il settore agroindustriale, ma anche per i consumatori casalinghi, soprattutto nella fase della sterilizzazione.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Siccità: Previsioni da profondo rosso per le olive Siccità: Previsioni da profondo rosso per le olive E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia
In aumento il consumo di pesce a tavola In aumento il consumo di pesce a tavola Per difendersi dalle temperature bollenti cambia l'alimentazione dei pugliesi
Il Made in Italy dal campo alla tavola targato Puglia Il Made in Italy dal campo alla tavola targato Puglia E' rilevante l’indicazione dell’origine dei cibi serviti nei menu
Il turismo enogastronomico è il vero traino dell’economia pugliese Il turismo enogastronomico è il vero traino dell’economia pugliese “ll successo di una vacanza oggi dipende dal cibo (35%)" Ha dichiarato Antonio Baselice, presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti
Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua E' allarme per la sicurezza delle persone in campagna e città
Innovativo snack: orecchiette alle cime di rape fritte Innovativo snack: orecchiette alle cime di rape fritte Da Altamura l'idea green arriva in finale nazionale Oscar Green
Ennesimo vile danneggiamento in campagna Ennesimo vile danneggiamento in campagna Tranciato intero impianto idrico in un uliveto
Agricoltura: Strategie ad-hoc per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori Agricoltura: Strategie ad-hoc per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori Contro il solleone nei campi si lavora di notte
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.