Coldiretti Pesca
Coldiretti Pesca
Territorio

Puglia: I consumi di pesce sono tra i più bassi d’Italia

Incontro al mercato di Campagna Amica di Brindisi

Spinta dal Mercato contadino di Brindisi al consumo di pesce azzurro che fa segnare un calo che varia dal -5% per le sarde al -10% per le alici fino al -15% per lo sgombro. E' quanto emerso nel corso dell'incontro al mercato di Campagna Amica di Via Appia 226, per far cambiare la rotta dei consumi, conoscere caratteristiche, qualità ed aiutare a fare scelte di acquisto consapevoli, nell'ambito della VI Edizione della Settimana del Consumatore, progetto di educazione alimentare e informazione sull'acquisto ed il consumo consapevole che vede Campagna Amica della Puglia impegnata a collaborare nella realizzazione del progetto Usi e Consumi di Puglia della Sezione Attività Economiche della Regione Puglia che vede coinvolte le associazioni Casa del Consumatore, ACU, ASSOCONSUM, MC, MDC, UNC, realizzata nell'ambito del Programma generale di intervento PugliaInFormAlimentazione2 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. "In Puglia paradossalmente i consumi di pesce sono tra i più bassi d'Italia, nonostante sia una regione con 800 chilometri di costa e una tradizione marinara molto forte. Solo il 57% dei pugliesi consuma pesce almeno una volta alla settimana, al 14esimo posto della classifica nazionale, ne mangia meno di campani, marchigiani, lucani, umbri, abruzzesi, toscani, valdostani e liguri. La diminuzione del consumo di pesce azzurro impatta direttamente anche sulla salute, visto che questo tipo di prodotti ittici ha importanti caratteristiche nutrizionali, essendo il più ricco in assoluto per contenuto di Omega3, che proteggono il cuore, sostengono il metabolismo e combattono l'invecchiamento", spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

A subire un netto calo sono anche gli acquisti – continua la Coldiretti – di pesce bianco con la riduzione dei consumi che coinvolge soprattutto le triglie in calo del 14,2%, merluzzi - 4,3%, le sogliole -3,6%, e le orate -2,1%. In forte crescita è invece la domanda dei molluschi, dai polpi (+18,6%) alle seppe (+10,6%) fino alle vongole (+25,6%). Un fenomeno che si spiega soprattutto – rileva Coldiretti - con gli effetti del cambiamento degli stili di vita e la nuova tendenza da parte dei consumatori a preferire tipologie di pescato più facile da utilizzare in cucina, meglio se privo di spine o comunque semplice da pulire, oltre che dal sapore più delicato. Questo trend è sostenuto anche dalla produzione dell'acquacoltura, dalle spigole alle orate. Il Tutor del Mare, il biologo Pierpaolo Martano, ha spiegato, pesci alla mano, varietà, qualità e caratteristiche organolettiche del 'buon pescato', dando consigli utili per riconoscere il vero pesce a miglio 0 dalle imitazioni importate dall'estero. Quasi 8 pesci su 10 consumati in Italia sono stranieri spesso senza che i consumatori lo sappiano, soprattutto a causa della mancanza dell'obbligo dell'indicazione di origine sui piatti consumati al ristorante che consente di spacciare per nostrani prodotti provenienti dall'estero che hanno meno garanzie rispetto a quello Made in Italy, dice Coldiretti.

"Abbiamo riscontrato una grande attenzione dei consumatori verso le etichette – dice Giulia De Marco della Sezione Attività Economiche della Regione Puglia una fame di conoscenza rispetto ad un prodotto che in Puglia è molto presente sulle tavole dei consumatori che spesso non hanno cognizione di causa circa provenienza e qualità del pescato". E intanto la flotta peschereccia pugliese, denuncia Coldiretti, ha perso oltre 1/3 delle imprese e 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%. Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, segnala Coldiretti, il cui valore economico è pari all'1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l'intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi.

Una crisi quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni – rileva Coldiretti Puglia – in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall'attività della pesca è da anni in calo e quella dell'acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell'attività tradizionale di cattura. Una rinascita che passa per il mercato e sulla quale Coldiretti sta cercando di impegnarsi a fondo, facendo partire iniziative nei Mercati di Campagna Amica che hanno come obiettivo la vendita diretta, la semplificazione e la tracciabilità. Per rilanciare i consumi complessivi di pesce e aiutare gli italiani a portare in tavola prodotto di qualità, alcuni consigli su come riconoscere il prodotto appena pescato, nell'ambito del progetto "Un mare di salute". Innanzitutto è preferibile acquistarlo, laddove possibile, direttamente dal produttore che ne garantisce la freschezza, verificando anche sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca. Occorre poi – continua Coldiretti - controllare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole. Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso, mentre per i gamberi serve verificare che non abbiano la testa annerita. Meglio, infine, non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.

I SEGRETI PER SCEGLIERE IL PESCE FRESCO
  • Acquistarlo, laddove possibile, direttamente dal produttore che garantisce la freschezza del pescato.
  • Verificare sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca
  • Verificare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole.
  • Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso.
  • Per i gamberi verificare che non abbiano la testa annerita
  • Meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.
Fonte: Coldiretti – Impresapesca
  • Brindisi
  • Coldiretti Puglia
  • Campagna Amica
Altri contenuti a tema
A ruba il lievito madre A ruba il lievito madre La top ten dei prodotti più acquistati ai tempi del coronavirus
Acquistare olio 100% Made in Puglia Acquistare olio 100% Made in Puglia L’appello di Coldiretti Puglia
Maltempo:strage in campagna per il gelo Maltempo:strage in campagna per il gelo Coldiretti Puglia:"Danni su primizie,verdure, frutta e vigneti"
Nevicata di primavera in Puglia Nevicata di primavera in Puglia A rischio grano, primizie e piante da frutto fiorite in anticipo
Farine, uova e passata i prodotti più acquistati Farine, uova e passata i prodotti più acquistati Coldiretti Puglia: "Cresce fai da te casalingo"
Speculazioni sui generi alimentari di prima necessità Speculazioni sui generi alimentari di prima necessità La denuncia di Coldiretti Puglia
Alleanza per ‘Salva spesa Made in Puglia’ Alleanza per ‘Salva spesa Made in Puglia’ L'appello di Coldiretti Puglia per affrontare l'emergenza Coronavirus
Crollano  i prezzi dei prodotti orticoli nei campi Crollano i prezzi dei prodotti orticoli nei campi Conte ha annunciato “L’impiego della Guardia di Finanza per intervenire duramente contro i comportamenti speculativi"
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.