San Francesco di Sales
San Francesco di Sales
Religioni

Memoria liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti

A Trani, la Celebrazione Eucaristica, presieduta da don Enzo de Ceglie

Anche quest'anno le Diocesi di Andria e Trani si ritroveranno assieme in occasione della memoria liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e degli operatori della comunicazione sociale. La Celebrazione Eucaristica si terrà alle ore 11.00 di venerdì 24 gennaio 2020, nella diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, presso la Parrocchia Santi Angeli Custodi in Trani, Via Papa Giovanni XXIII, a presiederla sarà don Enzo de Ceglie, Vicario Episcopale per la Pastorale. «Carissimi Amici, come è ormai consuetudine per le nostre Diocesi, il 24 gennaio, memoria di san Francesco di Sales (1567-1622), celebriamo insieme la Festa dei Giornalisti e degli Operatori della Comunicazione Sociale. Questo appuntamento annuale, accanto ad altri momenti, ci offre l'occasione per sviluppare, in un contesto di preghiera, qualche considerazione sul ruolo dei giornalisti all'interno del variegato mondo della comunicazione». Esordiscono così i direttori delle due diocesi, don Felice Bacco per Andria, il diacono Riccardo Losappio per Trani-Barletta-Bisceglie in una lettera ai giornalisti: «E la riflessione muove proprio dall'esperienza di Francesco di Sales maturata prima nell'attività di studioso e poi nel ministero episcopale come vescovo di Ginevra. Egli si dedicò al giornalismo e alla stampa nel periodo a cavallo tra il millecinquecento e il milleseicento avvalendosi di una cospicua corrispondenza epistolare con i fedeli della sua diocesi, corrispondenza che veniva altresì stampata e diffusa nel territorio a lui affidato. Caratteristica dei suoi scritti è proprio la chiarezza, che facilita la comprensione da parte di ogni ceto sociale, e la determinazione a proporre la verità con forza e con grande coraggio. E proprio queste devono essere le caratteristiche di ogni buon giornalista unite a doti di serietà, competenza, professionalità e senso di responsabilità. La comunicazione sociale è divenuta oggi una componente essenziale della nuova evangelizzazione: l'attenzione alla dimensione comunicativa, infatti, consente di cogliere il linguaggio dell'attuale cultura mediatica, cibernetica e tecnologica, quindi il linguaggio più vicino, più diffuso e più considerato dall'uomo contemporaneo. Il tema della Giornata Mondiale di preghiera per la 54^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali è: "Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria" (Es 10,2). La vita si fa storia". Con la scelta di questo tema, tratto da un passo del Libro dell'Esodo, Papa Francesco sottolinea come sia particolarmente prezioso, nella comunicazione, il patrimonio della memoria. Tante volte il Papa ha sottolineato che non c'è futuro senza radicamento nella storia vissuta. E ci ha aiutato a comprendere che la memoria non va considerata come un "corpo statico", ma piuttosto una "realtà dinamica". Attraverso la memoria avviene la consegna di storie, speranze, sogni ed esperienze da una generazione ad un'altra. Il tema della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali ci ricorda inoltre che ogni racconto nasce dalla vita, dall'incontro con l'altro. La comunicazione è chiamata dunque a mettere in connessione, attraverso il racconto, la memoria con la vita. Gesù faceva ricorso alle parabole per comunicare la forza vitale del Regno di Dio, lasciando agli ascoltatori la libertà di accogliere questi racconti e riferirli anche a sé stessi. La forza di una storia si esprime nella capacità di generare un cambiamento. Un racconto esemplare ha una forza trasformativa. Lo sperimentiamo quando ci confrontiamo, attraverso il racconto, con le vite dei santi. Un punto che, ultimamente, il Santo Padre ha ripreso rivolgendosi al Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, quando ha esortato a comunicare la "grande ricchezza" offerta dalla testimonianza di vita dei martiri. Ancora una volta, al centro della riflessione, il Pontefice pone la persona con le sue relazioni e la sua innata capacità di comunicare. Il Papa chiede a tutti, nessuno escluso,- concludono i direttori delle due diocesi, don Felice Bacco e il diacono Riccardo Losappio - di far fruttare questo talento: fare della comunicazione uno strumento per costruire ponti, per unire e per condividere la bellezza dell'essere fratelli in un tempo segnato da contrasti e divisioni.Cogliamo l'occasione per salutare e augurare a tutti un buon lavoro!».
  • Diocesi di Andria
  • Don Felice Bacco
  • Trani
  • Diocesi di Trani
Altri contenuti a tema
I “briganti” del nostro tempo: il caporalato. I “briganti” del nostro tempo: il caporalato. Ad Andria, incontro-dibattito per guidare al discernimento della realtà
Una catechesi narrativa per prendersi cura degli altri Una catechesi narrativa per prendersi cura degli altri A Minervino Murge si conclude il percorso per i catechisti
Giornata Mondiale contro la tratta di persone Giornata Mondiale contro la tratta di persone Il programma degli eventi organizzati
Piccoli archeologi crescono Piccoli archeologi crescono I laboratori ludo/didattici al Museo dei Vescovi
Il suo coraggio nel dire quello che pensava Il suo coraggio nel dire quello che pensava Don Peppe Diana ricordato da Mons. Felice Bacco a Casal di Principe
Trani: Carenza d’organico negli Uffici giudiziari Trani: Carenza d’organico negli Uffici giudiziari Fp Cgil Bat analizza la situazione del personale
Trani a  Capitale Italiana della Cultura 2021 Trani a Capitale Italiana della Cultura 2021 Le dichiarazioni del Presidente della Provincia BAT Lodispoto
La Carità non avrà mai fine La Carità non avrà mai fine La Casa Accoglienza "S. Maria Goretti" ospiterà 20 diaconi permanenti
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.