2020  Giorno della Memoria-Barletta
2020 Giorno della Memoria-Barletta
Notizie

E' necessario consolidare i principi fondanti della nostra Costituzione:

Celebrata a Barletta, la Giornata della Memoria

Si è tenuta quest'oggi nella Sala Rossa "Vittorio Palumbieri" del Castello Svevo di Barletta, alla presenza delle principali autorità del territorio, la cerimonia per la celebrazione della Giornata della Memoria per commemorare le vittime dell'olocausto. La manifestazione è stata introdotta dai saluti istituzionali del Prefetto di Barletta Andria Trani, Maurizio Valiante, del Sindaco di Barletta, Cosimo Damiano Cannito, e del Dirigente Scolastico del Liceo "Casardi" di Barletta Giuseppe Lagrasta, in rappresentanza del Dirigente dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, Ufficio III, Giuseppina Lotito. Il Prefetto Valiante, nel corso del suo intervento, si è detto onorato di commemorare il Giorno della Memoria proprio nella Città di Barletta, dove il 12 settembre del 1943 10 vigili urbani e 2 netturbini furono barbaramente trucidati dalle truppe naziste, in una delle pagine più brutali della storia di questo territorio, ricordata come "Eccidio di Barletta". Il Prefetto ha ribadito come la Memoria rappresenti una preziosa occasione per riflettere pubblicamente sul passato e per progettare meglio il futuro e come la riflessione sulla shoah possa diventare una riflessione sulla negazione dei diritti, dunque una riflessione sulla attualità, sulle discriminazioni e sulle intolleranze. "La conoscenza del passato serve ad avere una visione critica del presente ed responsabilizzarci per il futuro" ha dichiarato il Prefetto, che ha poi citato i dati diffusi nei giorni scorsi dall'Oscad, l'Osservatorio interforze per la sicurezza contro gli atti discriminatori, secondo cui nel 2019 si sono registrati 969 reati che hanno a che fare con razzismo, identità di genere e disabilità. Il Prefetto ha anche rimarcato "il deplorevole gesto di qualche sconsiderato che, qualche giorno fa, ha deturpato proprio con una svastica il torrione medievale del campanile della Cattedrale di Andria, luogo simbolo della coscienza cristiana e riferimento valoriale del popolo di questo territorio. Di fronte a ciò è necessario consolidare i principi fondanti della nostra Costituzione: la democrazia, lo stato di diritto, libertà, tolleranza, pace, eguaglianza, serena convivenza, sui quali abbiamo riedificato l'Europa ed il nostro Paese dalle macerie della seconda guerra mondiale". Rivolgendosi ai giovani presenti, il Prefetto ha poi affermato come proprio alle giovani generazioni debba essere affidato il compito di custodire e tramandare la Memoria, per edificare comportamenti sempre tesi al rispetto della dignità altrui, al contrasto ad ogni forma di discriminazione e per contribuire a sviluppare una coscienza civica, consapevole e coerente, nel rispetto delle regole di convivenza civile e dei valori della legalità e dell'etica.

La giornata è stata poi impreziosita dai qualificati interventi di Ugo Villani, Professore emerito di Diritto Internazionale dell'Università degli Studi di Bari, e di Luigi Di Cuonzo, Responsabile dell'Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta. Una delegazione di studenti degli Istituti "Casardi", "Cafiero" e "Garrone" di Barletta hanno poi letto un saluto fatto pervenire, per l'occasione, dalla Senatrice Liliana Segre, ed interpretato i brani "Il tramonto di Fossoli" di Primo Levi, "La bambina di Pompei" di Primo Levi, "Noi figli di Eichmann" di Gunter Anders, oltre a presentare il lavoro artistico "Che fine aveva fatto il bene?". A seguire, il Prefetto Valiante ed il Sindaco di Barletta hanno consegnato le Medaglie d'Onore alla memoria di cinque militari barlettani deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra: Raffaele Rutigliano (la cui medaglia è stata consegnata al figlio Pasquale), Ruggero Isernia (al nipote Ruggero), Ruggiero Dipaola (al figlio Francesco Paolo), Emanuele Dambra (al figlio Annibale) e Filippo Cornacchia (alla figlia Maria Teresa). La manifestazione si è conclusa nella Piazza d'Armi del Castello con la tradizionale accensione della Menorah, da parte di una delegazione di studenti barlettani, per mantenere viva la memoria dell'offesa inferta all'umanità, con accompagnamento musicale ad opera degli studenti della Scuola "Ettore Fieramosca" di Barletta.
  • Barletta
  • GIORNATA DELLA MEMORIA
  • Prefettp Valiante
Altri contenuti a tema
Emergenza coronavirus: controlli incisivi delle Forze dell'Ordine Emergenza coronavirus: controlli incisivi delle Forze dell'Ordine Il Prefetto Valiante ha riunito i vertici provinciali delle Forze di Polizia di Bari e Foggia
Entro marzo sarà  attivata automedica a  Barletta Entro marzo sarà attivata automedica a Barletta Delle Donne risponde al consigliere Caracciolo
La Memoria è maestra di vita La Memoria è maestra di vita Onore alla memoria degli internati militari italiani
In memoria dell'internato Michele Di Giulio In memoria dell'internato Michele Di Giulio Ho detto NO perché NO era soldato
Auschwitz nelle opere degli ex-prigionieri Auschwitz nelle opere degli ex-prigionieri A Trani, inaugurazione e presentazione di una mostra
La Memoria è una bussola per orientarci nel presente La Memoria è una bussola per orientarci nel presente Il treno della Memoria alla sedicesima edizione
La Cultura non è solo memoria. Può e deve diventare il nostro futuro La Cultura non è solo memoria. Può e deve diventare il nostro futuro L'ex assessore Michele Ciniero scrive al Prefetto Sensi
Da Andria a Barletta gli uffici della Provincia Da Andria a Barletta gli uffici della Provincia Il trasferimento per lavori di adeguamento strutturale
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.