Bari Citta vecchia
Bari Citta vecchia
Economia

E’ Bari la città più cara del Sud

le voci di spesa più alte per il pane, la carne, i pomodori e le verdure

E' Bari la città più cara del Mezzogiorno d'Italia per l'alimentazione, con il carello della spesa che schizza con coefficienti di ricarico dal campo alla tavola fino al 400%, mentre le imprese agricole sono strozzate da aumenti dei costi energetici non compensati da prezzi di vendita adeguati. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in riferimento allo studio elaborato dal Codacons su dati del Ministero dello Sviluppo Economico, secondo cui per il comparto alimentare a Bari si spendono 81,26 euro, il 20% in più rispetto a Napoli e il 9,5% in più di Catanzaro, con le voci di spesa più alte per il pane, la carne, i pomodori e le verdure.

"Il carrello pesa sempre di più sulle tasche dei consumatori, ma è deflazione nei campi dove agli agricoltori si vedono pagare dall'ortofrutta all'olio oltre il 30% in meno rispetto allo scorso anno e al di sotto dei costi di produzione, per colpa delle distorsioni lungo la filiera che provoca pesanti squilibri, mentre la spesa delle famiglie continua a crescere per effetto degli aumenti dalla pasta al pane, dalle verdure alla frutta. È necessario investire sul futuro competitivo delle imprese agricole, minacciato e indebolito dalle distorsioni lungo la filiera, dalla distribuzione all'industria fino alle campagne, dove i prodotti agricoli sono pagati sottocosto pochi centesimi. Serve una grande azione di responsabilizzazione dal campo allo scaffale per garantire che dietro tutti i prodotti agricoli e agroalimentari in vendita, italiani e stranieri, ci sia un percorso di qualità che riguardi l'ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Una situazione che è aggravata dalla stangata sulla bolletta energetica, dove per le operazioni colturali gli agricoltori – spiega la Coldiretti Puglia – sono costretti ad affrontare rincari dei prezzi fino al 50% per il gasolio necessario per le attività che comprendono l'estirpatura, la rullatura, la semina e la concimazione. Inoltre l'impennata del costo del gas, utilizzato nel processo di produzione dei fertilizzanti, ha fatto schizzare verso l'alto i prezzi dei concimi, con l'urea passata da 350 euro a 850 euro a tonnellata (+143%), il fosfato biammonico Dap raddoppiato (+100%) da 350 a 700 euro a tonnellata, mentre prodotti di estrazione come il perfosfato minerale registrano +65%. Non si sottraggono ai rincari anche i fertilizzanti a base di azoto, fosforo e potassio che subiscono anch'essi una forte impennata (+60%).

L'aumento dei costi riguarda anche l'alimentazione del bestiame, il riscaldamento delle serre per fiori e ortaggi ma ad aumentare sono pure i costi per l'essiccazione dei foraggi, delle macchine agricole e dei pezzi di ricambio per i quali si stanno verificando addirittura preoccupanti ritardi nelle consegne. Il rincaro dell'energia si abbatte poi sui costi di produzione come quello per gli imballaggi, dalla plastica per i vasetti dei fiori all'acciaio per i barattoli, dal vetro per i vasetti fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono su diverse filiere, dalle confezioni di latte, alle bottiglie per olio, succhi e passate, alle retine per gli agrumi ai barattoli smaltati per i legumi. Serve – conclude la Coldiretti Puglia – responsabilità da parte dell'intera filiera alimentare con accordi tra agricoltura, industria e distribuzione per garantire una più equa ripartizione del valore per salvare aziende agricole e stalle.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Giornata mondiale della biodiversità Giornata mondiale della biodiversità In Puglia, iniziative negli agriturismi e nei mercati contadini di Campagna Amica
I ‘bimbi ecologi’ al circular tour I ‘bimbi ecologi’ al circular tour Coinvolti in giochi e percorsi di sostenibilità ed educazione alimentare
Emergenza cinghiali: L'invasione di città e campagne Emergenza cinghiali: L'invasione di città e campagne Serve una stretta sul piano di abbattimento
Maltempo: Violenta grandinata si abbatte sui campi Maltempo: Violenta grandinata si abbatte sui campi Disastrosi gli effetti della tropicalizzazione del clima
I giovani: una risorsa essenziale per mantenere vitali i territori rurali I giovani: una risorsa essenziale per mantenere vitali i territori rurali Il ricambio generazionale è una priorità del Piano strategico dell’Italia
Puglia: Al via la raccolta delle ciliegie Puglia: Al via la raccolta delle ciliegie Dimezzata nelle quantità ma straordinaria per qualità
Caldo: boom di  consumi di gelato artigianale Caldo: boom di consumi di gelato artigianale In Puglia circa 3.000 gelaterie, con 5.500 addetti.
Abbiamo riso per una cosa seria Abbiamo riso per una cosa seria A Lecce, l'iniziativa a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.