Vigneto
Vigneto
Cronaca

Criminalità: Danneggiato un vigneto di uva di 5 ettari

Coldiretti Puglia: Necessaria cabina di regia tra Ministeri Agricoltura e Interno

L'ennesimo grave danneggiamento di 5 ettari di vigneto ad Andria con una banda criminale che ha tranciato i tiranti dei tendoni di uva da tavola Regina e Italia, con il prodotto di eccellente qualità pronto alla vendita rovinato perché crollato sotto il peso dei tendoni caduti, la dice lunga sulla necessità di non abbassare la guardia contro i continui fenomeni criminosi nelle aree rurali. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, che chiede la piena attuazione del protocollo d'intesa siglato con le Procure della Repubblica di Bari e Trani, la Questura di Bari, i Carabinieri, i CC Forestali, la Guardia di Finanza e la Polizia di Bari.

"Le aziende hanno bisogno di sicurezza, perché la criminalità le costringe a vivere quotidianamente attanagliate in un clima di incertezza e paura. E' necessaria l'attivazione di una cabina di regia tra il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero dell'Interno che coordini le attività delle forze dell'ordine, a cui va il nostro plauso, che va sostenuto dall'intervento dell'Esercito in alcune aree a forte rischio, in collaborazione con l'Osservatorio sulla criminalità in agricoltura di Coldiretti che sta monitorando i fenomeni della criminalità nelle campagne attraverso le segnalazioni degli imprenditori agricoli", torna a chiedere Savino Muraglia, presidente di Coldiretti BARI e BAT.

"Nelle aree rurali i criminali stanno condizionando – insiste il presidente Muraglia - la vita quotidiana degli agricoltori, costretti a trasformarsi in vigilanti diurni e notturni. E' a rischio la loro stessa incolumità. Il clima che si respira è di paura per imprenditori agricoli, stremati da furti quotidiani, che hanno perso la speranza e per timore e sfiducia non denunciano più gli episodi criminosi che sono costretti a vivere".

I reati contro il patrimonio, quali furto di mezzi agricoli (15%), abigeato (11%), furto di prodotti agricoli (13%), racket (9%), usura, danneggiamento, pascolo abusivo, estorsione, rappresentano la "porta di ingresso principale" della criminalità organizzata e spicciola nella vita dell'imprenditore e nella regolare conduzione aziendale, aggiunge Coldiretti Puglia.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Maltempo :violenta  grandinata, danni alle colture Maltempo :violenta grandinata, danni alle colture Ennesimo fenomeno della tropicalizzazione del clima
In calo le  esportazioni di olio extravergine pugliese In calo le esportazioni di olio extravergine pugliese In linea con la contrazione del commercio estero di vino, frutta e ortaggi conservati.
In crescita l’export della pasta tricolore "Made in Puglia" In crescita l’export della pasta tricolore "Made in Puglia" Al contempo sono aumentate le importazioni di grano canadese
Il nuovo welfare verde Il nuovo welfare verde Dalla pet theraphy all'orto dei nonni
Prezzi uve in caduta libera Prezzi uve in caduta libera COLDIRETTI Foggia:"Stop alle speculazioni in campagna"
Puglia:Crescono le importazioni di prodotti agroalimentari Puglia:Crescono le importazioni di prodotti agroalimentari Coldiretti Puglia: sostegno alla campagna #MangiaItaliano
Boom per i banchetti in agriturismo Boom per i banchetti in agriturismo Ripartono comunioni e cerimonie nuziali
Una robusta iniezione di liquidità per l'agricoltura pugliese Una robusta iniezione di liquidità per l'agricoltura pugliese E' quanto chiede Coldiretti Puglia
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.