2020 Conte riunione Consiglio dei Ministri
2020 Conte riunione Consiglio dei Ministri
Territorio

Coronavirus: approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti

Al termine della riunione del Consiglio dei Ministri di ieri.

Alle ore 19.02 di sabato 22 febbraio 2020, presso la sede del Dipartimento della protezione civile si è svolta a riunione del Consiglio dei Ministri. Al termine il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli e il Professor Silvio Brusaferro, Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, hanno tenuto una conferenza stampa per comunicare le decisioni prese. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019. Il decreto interviene in modo organico, nell'attuale situazione di emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall'Organizzazione mondiale della sanità, allo scopo di prevenire e contrastare l'ulteriore trasmissione del virus. Il testo prevede, tra l'altro, che nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un'area già interessata dal contagio, le autorità competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento adeguata e proporzionata all'evolversi della situazione epidemiologica.

Tra le misure sono inclusi, tra l'altro, il divieto di allontanamento e quello di accesso al Comune o all'area interessata; la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato; la sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione; la sospensione dell'apertura al pubblico dei musei; la sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l'erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; l'applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti con persone affette dal virus e la previsione dell'obbligo per chi fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente, per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva; la sospensione dell'attività lavorativa per alcune tipologie di impresa e la chiusura di alcune tipologie di attività commerciale; la possibilità che l'accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l'acquisto di beni di prima necessità sia condizionato all'utilizzo di dispositivi di protezione individuale; la limitazione all'accesso o la sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone, salvo specifiche deroghe.

Si introduce, inoltre, la facoltà, per le autorità competenti, di adottare ulteriori misure di contenimento, al fine di prevenire la diffusione del virus anche fuori dai casi già elencati. L'attuazione delle misure di contenimento sarà disposta con specifici decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, sentiti i Ministri e il Presidente della Regione competente ovvero il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni, nel caso in cui gli eventi riguardino più regioni. Nei casi di estrema necessità ed urgenza, le stesse misure potranno essere adottate dalle autorità regionali o locali, ai sensi dell'articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, fino all'adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Ai fini sanzionatori, il decreto stabilisce che il mancato rispetto delle misure di contenimento è punito ai sensi dell'articolo 650 del Codice penale.Infine, il testo prevede che il Prefetto, informando preventivamente il Ministro dell'Interno, assicuri l'esecuzione delle misure avvalendosi delle forze di polizia e, ove occorra, delle forze armate, sentiti i competenti comandi territoriali.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Buoni spesa: il tavolo provinciale che non c’e’ Buoni spesa: il tavolo provinciale che non c’e’ L'intervento di Savino Montaruli, Presidente UNIBAT
Coronavirus: individuati altri 121 trasgressori Coronavirus: individuati altri 121 trasgressori La Prefettura BAT coordina e monitora l’attuazione delle misure di contenimento
In calo i casi positivi in Puglia In calo i casi positivi in Puglia L'ultimo bollettino epidemiologico della Regione
L'Esercito Italiano in campo per distribuire i DPI L'Esercito Italiano in campo per distribuire i DPI Predisposto un piano di trasporti aereo e terrestre da integrare alle esigenze della Protezione Civile
ECCOMI PUGLIA. Uniti contro il COVID19 ECCOMI PUGLIA. Uniti contro il COVID19 Un invito a donare per sostenere il sistema sanitario e di protezione civile
Limitare gli spostamenti solo a quelli realmente necessari Limitare gli spostamenti solo a quelli realmente necessari Controlli della Polizia Stradale sulle grandi arterie
Canosa:  'Dàmme nu  vèse' l’iniziativa solidale Canosa: 'Dàmme nu vèse' l’iniziativa solidale Caporale e Coldiretti Puglia a sostegno delle famiglie più bisognose
Controlli ancor più  intensi nel prossimo week end Controlli ancor più intensi nel prossimo week end La nota della Prefettura Barletta Andria Trani
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.