2017 Cinghiali
2017 Cinghiali
Territorio

Cinghiali :Piano nazionale per la gestione ed il controllo

Coldiretti Puglia torna a denunciare la necessità di intervenire subito contro l'invasione

Bene il decreto legge per l'adozione di un Piano nazionale per la gestione ed il controllo dei cinghiali che hanno invaso i Parchi in Puglia e le aree rurali arrivando fino ai centri cittadini, anche per prevenire la diffusione della peste suina africana. E' quanto afferma Coldiretti Puglia che torna a denunciare la necessità di intervenire subito e con determinazione con l'attività di controllo e contenimento contro l'invasione dei cinghiali con avvistamenti continui nelle are del Parco dell'Alta Murgia, del Gargano, nella Murgia Barese e Tarantina, nel Subappennino Dauno, nei pressi della Foresta di Mercadante, fino ad arrivare ai centri urbani. C'è anche molta preoccupazione tra gli allevatori per la peste suina africana (PSA) che si sta diffondendo in diverse parti della Germania e che – ricorda la Coldiretti - può colpire cinghiali e maiali ed è altamente contagiosa e spesso letale per gli animali, ma non è, invece, trasmissibile agli esseri umani, per cui è necessario fermare immediatamente le importazioni di animali vivi provenienti o in transito dalle zone interessate per tutelare gli allevamenti nazionali. Questo virus può passare facilmente da un animale all'altro attraverso stretti contatti tra individui, o con attrezzature contaminate (camion e mezzi con cui vengono trasportati gli animali, stivali, ecc.) o attraverso resti di cibo che trasportano il virus e abbandonati dall'uomo. Un possibile veicolo di contagio possono essere peraltro i cinghiali il cui numero negli ultimi anni si è moltiplicato in Italia dove si stima la presenza di circa 2 milioni di esemplari. Un pericolo denunciato recentemente dalla stessa virologa Ilaria Capua che ha parlato del rischio effetto domino se oltre al coronavirus la peste suina passasse in Italia dagli animali selvatici a quelli allevati.

"L'escalation di danni, aggressioni e incidenti che causano purtroppo anche vittime è il risultato della incontrollata proliferazione degli animali selvatici con il numero dei cinghiali presenti in Puglia che nel giro di dieci anni sono raddoppiati, mettendo a rischio non solo le produzioni agroalimentari e l'assetto idrogeologico del territorio, ma anche la vita di agricoltori e automobilisti, con una diffusione che ormai si estende dalle campagne alle città, oltre alle evidenti ripercussioni igienico -sanitarie", ha denunciato Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. In Puglia sono enormi le perdite registrate in campagna causate dalla fauna selvatica, con un danno pari ad oltre 13 milioni di euro, per cui Coldiretti Puglia chiede una cabina di regia tra ministeri alle Politiche Agricole, Ambiente e Salute con la Regione Puglia di lavorare insieme ad una radicale modifica della legge 157 del 1992 per salvare le campagne dove ormai ci sono più cinghiali che lavoratori agricoli.

"Oltre al tema dei risarcimenti risibili e sempre in grande ritardo, è diventato un fatto di sicurezza delle persone che va affrontato con decisione. Ora non ci sono più alibi per intervenire in modo concertato tra Ministeri e Regione ed avviare un piano di abbattimento straordinario senza intralci burocratici. Le aree rurali e anche le città, vedi quanto accade nel capoluogo di regione a Bari, sono invase da cinghiali che mettono a repentaglio l'incolumità delle persone, fanno razzia nei campi di frutta, legumi, piantine, ortaggi, con inevitabili ripercussioni anche di natura igienico-sanitaria", insiste il delegato confederale di Coldiretti Foggia, Pietro Piccioni. Particolarmente grave e ingestibile la situazione nelle aree rurali della Murgia barese e tarantina e in Capitanata, soprattutto nell'area del Gargano dove l'habitat risulta particolarmente favorevole.

Si tratta di una situazione insostenibile – denuncia Coldirteti Puglia – che sta provocando l'abbandono delle aree interne da parte della popolazione, con problemi sociali, economici e ambientali. Gli imprenditori agricoli ma anche gli automobilisti, gli autotrasportatori e gli avventori occasionali, stanno segnalando con sempre maggiore frequenza – conclude Coldiretti Puglia - i danni provocati da cinghiali e lupi che vivono e si riproducono principalmente nelle aree naturali protette ma che, inevitabilmente, sconfinano nelle aziende agricole, sulle strade limitrofe ed in prossimità dei centri abitati. I cinghiali – sottolinea la Coldiretti - hanno preso possesso del territorio delle aree protette e si sono spinti anche nei centri abitati con segnalazioni nei paesi e nelle grandi città, oltre che nelle aree coltivate. In pericolo – conclude la Coldiretti - non ci sono solo le produzioni agricole necessarie per soddisfare la domanda alimentare dei cittadini ma anche la sicurezza delle persone che in alcuni territori sono assediate fin sull'uscio di casa, senza dimenticare gli incidenti stradali ed i pericoli per i mezzi di soccorso.
  • Cinghiali
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Recovery Plan rappresenta un’occasione imperdibile Recovery Plan rappresenta un’occasione imperdibile Coldiretti Puglia: "Dimezzare dipendenza alimentare dall’estero nei prossimi dieci anni"
SOS raccolti con chiusura frontiere a lavoratori stagionali SOS raccolti con chiusura frontiere a lavoratori stagionali Coldiretti Puglia : "Nel 2020 in perse 30mila giornate"
Via libera abbattimento cinghiali Via libera abbattimento cinghiali Sono oltre 250mila in Puglia
Xylella: piano di azione regionale contro malattia dilagante Xylella: piano di azione regionale contro malattia dilagante Coldiretti Puglia:"Nessun escluso dalle pratiche non stop di prevenzione"
In campagna più animali selvatici che lavoratori In campagna più animali selvatici che lavoratori L’allarme di Coldiretti Puglia
Maltempo: primizie bruciate dalle gelate Maltempo: primizie bruciate dalle gelate Coldiretti Puglia: "Danni su ulivi piantumati ad ottobre"
Maltempo: neve su uliveti e mandorli in fiore Maltempo: neve su uliveti e mandorli in fiore Coldiretti puglia : "Allarme verdure bruciate in campo"
Giornata mondiale dei legumi Giornata mondiale dei legumi La Puglia che è patria dei legumi
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.