Serre
Serre
Territorio

Aumenti costi energetici: Al via le domande per gli aiuti alle imprese florovivaistiche

A darne notizia è Coldiretti Puglia

Al via dal 25 gennaio le domande per gli aiuti contro i maggiori costi energetici delle imprese florovivaistiche, quando l' aumento del gas pesa su famiglie e imprese costrette a fare i conti con costi energetici fuori controllo. A darne notizia è Coldiretti Puglia, in riferimento alle emanazione delle istruzioni operative da AGEA per la presentazione delle domande relative all'intervento a sostegno della riduzione dei maggiori costi energetici sostenuti dalle imprese florovivaistiche ai sensi del DM 19 ottobre 2022 n.532191, proprio quando l' aumento della bolletta del gas a dicembre è stato stimato pari al 20% da Nomisma. Alle imprese agricole beneficiarie sarà concesso un aiuto – spiega Coldiretti Puglia - per l'acquisto di una o più delle seguenti risorse energetiche, energia elettrica, gas metano, G.P.L., gasolio, biomasse utilizzate per la combustione in azienda, qualora i costi sostenuti nel periodo 1° marzo 2022 – 31 agosto 2022 risultino superiori di almeno il 30% rispetto ai costi complessivamente sostenuti nel medesimo periodo dell'anno 2021.

Le aziende florovivaistiche stanno affrontando aumenti di costi a valanga, come +250% per i fertilizzanti, +110% per il gasolio, +15% per i fitosanitari contro i parassiti, +45% per i servizi di noleggio, secondo gli ultimi dati Crea. Ma gli incrementi colpiscono anche gli imballaggi dalla plastica per i vasetti dei fiori (+72%) al vetro (+40%) fino alla carta (+31%) per i quali peraltro si allungano anche i tempi di consegna, in qualche caso addirittura quintuplicati. E sono esplose anche le spese di trasporto in un paese come l'Italia dove l'85% delle merci viaggia su gomma.

E se in altri settori si cerca di concentrare le operazioni colturali nelle ore di minor costo dell'energia elettrica – rileva Coldiretti Puglia - le imprese florovivaistiche non possono interrompere le attività pena la morte delle piante o la mancata fioritura per prodotti agricoli altamente deperibili. Le rose ad esempio hanno bisogno di una temperatura fissa di almeno 15 gradi per fiorire e lo stesso vale per le gerbere, mentre per le orchidee servono almeno 20-22 gradi per fiorire e 14 ore di illuminazione ed in assenza di riscaldamento muoiono.

Il settore florovivaistico in Puglia si sviluppa sul distretto in provincia di Lecce di Taviano e Leverano che si estende anche ai comuni limitrofi di Alliste, Maglie, Melissano, Nardò, Porto Cesareo, Racale e Ugento e quello della provincia di Bari con al centro della produzione e degli scambi Terlizzi, Canosa di Puglia, Bisceglie, Molfetta, Ruvo di Puglia e Giovinazzo, e altre realtà aziendali sparse nel resto della regione. In provincia di Lecce il settore florovivaistico rappresenta ben il 12,4% della produzione agricola, mentre in provincia di Bari il settore florovivaistico costituisce il 5,8% del valore della produzione agricola. In realtà, confrontando la distribuzione delle aziende per classi di superficie, si registra che, in termini di dotazione in fattore "terra", le aziende pugliesi sono mediamente più grandi della media nazionale. Delle 853 aziende floricole il 65% si colloca tra 1 e 5 ha mentre a livello nazionale la stragrande maggioranza delle aziende (58,2%) ha una superficie inferiore ad 1 ettaro.

La spesa energetica ha un doppio effetto negativo perché riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l'agroalimentare con l'inverno. Il costo dell'energia si riflette infatti in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione e la distribuzione. La produzione agricola e quella alimentare in Puglia assorbono oltre il 10,3% dei 5,578 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) all'anno dei consumi totali, secondo l'analisi della Coldiretti Puglia sulla base dei dati Enea.
  • Florovivaismo
  • Caro bollette
Altri contenuti a tema
Florovivaismo:: Al lavoro la task force contro le pratiche sleali Florovivaismo:: Al lavoro la task force contro le pratiche sleali Attivata una cabina di regia con l’obiettivo di combattere la speculazione sui prezzi
Boom delle Stelle di Natale dai vivai di Canosa Boom delle Stelle di Natale dai vivai di Canosa Sono divenute protagoniste grazie al loro colore rosso intenso tipico della festa
Caro bollette: L’impatto sul settore florovivaistico è devastante Caro bollette: L’impatto sul settore florovivaistico è devastante Rischia di spegnere le serre di fiori, piante e ortaggi in Puglia
Caro bollette: i tagli tra le mura domestiche Caro bollette: i tagli tra le mura domestiche Si fa più attenzione all'intera gestione casalinga della vita quotidiana
Caro bollette: a rischio le serre di fiori, piante e ortaggi in Puglia Caro bollette: a rischio le serre di fiori, piante e ortaggi in Puglia La denuncia di Coldiretti Puglia: "L’impatto sul settore florovivaistico è devastante"
Caro bollette: ridotto il potere d’acquisto dei consumatori Caro bollette: ridotto il potere d’acquisto dei consumatori Il risultato del sondaggio condotto da Coldiretti Puglia
Caro bollette: La protesta si sposta a Bari Caro bollette: La protesta si sposta a Bari Montaruli (UNIONECOMMERCIO Puglia): “Arrivano altre bollette ma ancora non arrivano risposte. Pronti per Roma”
Il documento "Stop al caro bollette" arriverà presto sui tavoli ministeriali Il documento "Stop al caro bollette" arriverà presto sui tavoli ministeriali I rappresentanti della FIEPET Confesercenti Provinciale BAT ricevuti dal Prefetto Riflesso
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.