Processionaria
Processionaria

È tempo di Processionaria! Invasione o sporadicità?

Le segnalazioni dei cittadini

Il Report di Canosaweb dell'11 ottobre 2015 che parlava dell'azione letale del punteruolo rosso alle due palme colpite nella villa comunale di Canosa di Puglia(BT) si concludeva con le seguenti domande: """Sono stati effettuati gli interventi preventivi per controllare lo stato di salute della pianta colpita? Come procede la manutenzione ordinaria e straordinaria di tutte le altre piante coltivate nella villa comunale, nei parchi archeologici, attorno alle scuole e nelle aree pubbliche?""" Queste interrogazioni sono rimaste inevase, non sono arrivate risposte ne' tantomeno si sono visti interventi operativi a protezione e salvaguardia del verde cittadino, ad eccezione dell'incappucciamento di alcune palme, quelle più malandate, con disparità di trattamento: infatti, è stato notato in una piazza del centro cittadino, ambedue allo stadio finale, una è stata ricoperta di cellophane trasparente e l'altra no, un'operazione tecnica di alta professionalità curata nei dettagli che a detta degli esperti precede l'arrivo delle ruspe per il divellimento. Da ottobre ad oggi la situazione del verde pubblico urbano è peggiorata di brutto, le palme storiche più rappresentative di quei pochi giardini esistenti sono state vittime del punteruolo rosso, il killer inesorabile che le sventra come ha fatto con quelle ornamentali delle scuole, dei siti archeologici e delle piazze di Canosa di Puglia(BT). Da ora in poi i ben informati, i dotti, gli addetti ai lavori diranno "che è difficile debellare tale insetto dalla palma una volta che esso è penetrato all'interno del tronco e che ci sono pochi rimedi ", ma la domanda che viene spontanea e che domina nei discorsi quotidiani e sui social è : negli ultimi anni cosa è stato fatto per verde il pubblico? Oggi si direbbe poco visto lo stato in cui versano le piante, non ci sono potature ne trattamenti particolari, sono "trascurate", basta vedere i rami degli alberi ad altezza d'uomo, alcune piante sono pericolanti, si stanno piegando inesorabilmente e alla prima giornata di vento forte o acquazzone faranno danni irreparabili. Quali programmi e iniziative sono in atto? E' l'altro quesito che circola maggiormente alla luce degli avvistamenti non più sporadici di "processionarie". Non bastava il punteruolo rosso adesso anche "la processionaria", un insetto lepidottero della famiglia dei taumetopeidi, altro parassita pericoloso per i pini (Pinus Nigra e Pinus Sylvestris), le querce a foglia caduca (Quercus robur e Quercus peduncolata), i larici, i cedri e molti alberi giovani tra i 2 ed i 5 anni. La processionaria, che deve il suo nome alla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di "processione" oltre a desfogliare piante intere, può costituire un pericolo maggiore per l'uomo e gli altri animali. Riviste specializzate riferiscono che "i peli urticanti dell'insetto allo stato larvale sono velenosi, e in alcuni casi, fortunatamente limitati, possono provocare una grave reazione allergica". L'adulto della processionaria è una farfalla con ali larghe 3-4 cm, di colore grigio con striature brune mentre la femmina è poco più grande del maschio. La loro vita è molto breve, di solito non dura più di un paio di giorni. L'insetto, una volta raggiunta la fase di maturità, fuoriesce dal terreno, di solito durante il mese di luglio, primi casi tra marzo e aprile ma siamo ancora a febbraio. Le femmine sono le prime ad arrampicarsi sulle piante ad alto fusto, dove poi vengono fecondate dal maschio. A questo punto, il lepidottero vola alla ricerca della pianta più adatta per la deposizione delle uova. In questi giorni, molti cittadini sono seriamente preoccupati, in particolare quelli di Canosa Alta, da dove sono giunte più segnalazioni sulle processionarie che attendono delle risposte, dei consigli su come comportarsi in caso di contatto con la pelle, con gli occhi, di inalazione, di ingestione e se allo stato attuale ci sono dei metodi di lotta e su come si possono combattere gli effetti negativi di questi bruchi processionanti. In attesa e dopo aver consultato diversi manuali scientifici si consiglia di prestare la massima attenzione in caso di spiacevoli incontri con una processionaria.
Palma colpita da punteruolo rossoPalma colpita da punteruolo rossoPalme colpite dal punteruolo rossoLa processionaria sui piniLa processionariaLa processionariaLa processionariaLa processionaria
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.