Mamma
Mamma
Un Paese di Poesia

Alla Mamma "Nu chiànde cítte cítte"

La poesia in vernacolo del poeta Sante Valentino

L'istituzione del Mother's Day ovvero la "Festa della Mamma" risale al 1914 quando venne ufficializzata dall'allora presidente degli U.S.A. Thomas Woodrow Wilson con la delibera del Congresso indicando nella seconda domenica di maggio, la giornata dedicata alla mamma come espressione pubblica di amore e gratitudine per la stessa e speranza per la pace. In Italia, fonti storiche riportano che la "Festa della mamma" risale al 12 maggio 1957 quando don Otello Migliosi la celebrò ad Assisi, città della Pace e della Fede per eccellenza. L'iniziativa di Don Migliosi fu quella di celebrare la mamma non già nella sua veste sociale o biologica ma nel suo forte valore religioso, cristiano anzitutto ma anche interconfessionale, come terreno di incontro e di dialogo tra loro le varie culture.

Nel giorno della festa della mamma, non solo celebrazioni quest'anno in forma ridotta per la pandemia ma anche componimenti poetici per la figura cardine ed essenziale nella vita di ognuno. Poesie, filastrocche e lodi dedicate alle mamme che vanno avanti in tutti i settori della vita sociale, per i ruoli sempre più importanti ricoperti, per l'impegno e la dedizione nel mondo del lavoro, della politica, della scuola, dello sport, della cultura, e soprattutto, negli ambiti familiari. Nel corso della storia letteraria, scrittori e poeti hanno composto frasi e versi memorabili per la "Mamma. Nessuna parola è più bella. La prima che si impara." Come scriveva il poeta Marino Moretti mentre la scrittrice Alda Merini :" La donna è il più bel fiore della primavera e vola tra alberi e sogni." Per lo scrittore francese Victor Hugo: "La madre è un angelo che ci guarda che ci insegna ad amare!"

In occasione della festa della mamma 2020 anche una poesia in vernacolo intitolata "Nu chiànde cítte cítte" scritta dal poeta canosino Sante Valentino:"Vogliamo onorare e dare risalto a colei che ci ha generato e cresciuto con amore indicibile.Mai potremmo essere riconoscenti per quello che lei, nostra madre, ci ha dato, e mai riusciremmo a descrivere i suoi pensieri e i suoi sentimenti che ci hanno accompagnato tutta la vita. Molti poeti hanno cantato e raccontato la madre; anch'io ho pubblicato una raccolta dedicata a lei con l'intento d'innalzare un inno di ringraziamento. Auguri a tutte le mamme del mondo!"

Nu chiànde cítte cítte

Sàule allassíppe a màmme a chiànge
sàup'a la pòrte du pàjese àndeche
méndre aducchiève u pàsse meje
ca se ne scéve lundène jind'a l'òmbre de la vete.
E ddèje fermíppe u tímbe meje…,
ddèje la giuvendéuta màje…,
ddèje fessíppe quédda fàcce
ca cítte cítte se rebbellève a quéra sòrte.
Na pène jòsce ténghe angòre
e chiéue nan zuppòrte u còre ca m'abbàtte
quàne me vène 'mménde cùre recùrde,
ca stràzzje acchessì l'ànema màje
ca jeje me ne vògghje scechítte scurdèje.
Ma cùre muménde sémbe m'u vàite 'nnànze:
le d'òcchjere ca chiangévene desperète,
le làbbre 'nzerrète da la ràbbje,
e cùre selénzje ca me gredève da jinde.
Ah! cùme l'avèsse vuléute cunzelèje
méndre afflítte e séule m'allundanève
lassànne pàsse pàsse gòcce de l'ànema màje
sàup'a quèra térra jàrse.
E cùme putève jeje fermè u destene!
E véue, cé pùtete mè capôje véue
quànde jàje tríste che nu fígghje
arrecurdàrse de chìre làgreme
c'ascennévene cítte cítte.
Sante Valentino

Un pianto silenzioso

Sola lasciai mia madre al pianto/sull'uscio del paese antico/mentre guardava il mio passo/che s'allontanava nell'ombra della vita./E lì fermai il mio tempo…,/lì la mia giovinezza…,/lì fissai quel viso che in silenzio si ribellava a quella sorte./Una pena ancora oggi porto/e più non sopporto il cuore che batte/quando mi torna in mente quel ricordo,/che strazia in tal modo l'anima mia,/che io voglio solo dimenticare./Ma quel momento sempre lo rivedo:/gli occhi che piangevano disperati, le labbra serrate dalla rabbia/e quel silenzio che mi urlava dentro./Ah! come avrei voluto consolarla/mentre triste e solo m'allontanavo/lasciando passo dopo passo/gocce della mia anima su quell'arida terra./E come potevo io fermare il destino!/E voi, cosa potete mai capire voi/quant'è triste per un figlio/ricordarsi di quelle lacrime/che scendevano silenziose!
  • Dialetto
  • Festa della Mamma
Altri contenuti a tema
La poesia “Li vicchjarídde” alla memoria di Savino Losmargiasso La poesia “Li vicchjarídde” alla memoria di Savino Losmargiasso Il componimento in vernacolo di Sante Valentino
Ci lascia Michele Garribba Ci lascia Michele Garribba Storiografo del ‘900 a Canosa
Il gioco dell’indovinello dei papaveri Il gioco dell’indovinello dei papaveri Condivisioni dal Nord a Sud d'Europa e d'Italia
Fiori anticrisi per la  festa della mamma Fiori anticrisi per la festa della mamma Le iniziative di Coldiretti Puglia nel week end
Savino Losmargiasso poeta versatile unico nel suo genere Savino Losmargiasso poeta versatile unico nel suo genere Le testimonianze di quanti l'hanno conosciuto e stimato
Non è più tra noi Savino Losmargiasso Non è più tra noi Savino Losmargiasso Ci lascia il pittore del dialetto
Un ciottolo al Nuovo Museo Archeologico Nazionale Un ciottolo al Nuovo Museo Archeologico Nazionale Pietra di fondazione nella Scuola Mazzini
Coronavirus: Parrucchieri in attesa di occupazione Coronavirus: Parrucchieri in attesa di occupazione In videoconferenza Emiliano ha incontrato i rappresentati pugliesi di parrucchieri, estetisti e saloni di bellezza.
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.